Lee Kuan Yew è morto. Singapore in lutto per il teorizzatore dei "valori asiatici"

Muore a 91 anni il padre fondatore della moderna Singapore


E' morto a 91 anni, Lee Kuan Yew. E' stato Primo Ministro di Singapore ed è considerato l'artefice del miracolo economico dopo l'indipendenza dalla Malesia, avvenuta il 9 agosto 1965. Si era ritirato da qualche anno dalla politica attiva, ma era ancora considerato una personalità in grado di incidere nelle scelte dell'attuale esecutivo, guidato da suo figlio maggiore Lee Hsien Loong. Le esequie si terranno il 29 marzo prossimo. Intanto è stata proclamata una settimana di lutto nazionale.

Yew, membro del Partito d'azione popolare, viene eletto alla guida del suo paese nel 1959. A partire da quell'anno, rimarrà al potere per circa tre decenni. Dopo le dimissioni nel 1990, “Harry” conserverà sempre una certa influenza nei processi decisionali, ricoprendo incarichi governativi fino al 2011.

Aveva idee liberali in economia, ma allo stesso tempo non era certamente un libertario. Ha esercitato sempre uno stretto controllo sulla stampa, sulla libertà di espressione e sulle opposizioni. Per questo, i suoi detrattori lo hanno sempre dipinto come una personalità autoritaria.

E' stato il teorizzatore dei valori asiatici: un insieme di istituzioni ideologiche e politiche che rifletterebbero la cultura del continente. Tale teoria, che fonde il collettivismo comunitario con il libero mercato, si affermò come critica all'occidentalizzazione e all'internazionalizzazione dei diritti umani.

Negli anni da premier, Yew promosse una serie di riforme economiche che hanno permesso alla sua nazione, priva di materie prime, di vivere un periodo di relativa ricchezza. Singapore, grazie al costante sviluppo che l'ha contraddistinta, è diventata una delle cosiddette Tigri Asiatiche.

Lee Kuan Yew

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO