Milano, consigliere M5S sale su un albero per protesta

Mattia Scalise, l’unico consigliere milanese del Movimento 5 Stelle, è salito su di un albero di via Lorenteggio per fermarne l’abbattimento dovuto alla costruzione della M4

Non è passata inosservata la protesta di Mattia Calise, il consigliere del Movimento 5 Stelle del Comune di Milano che questa mattina ha protestato per circa tre ore in cima a un albero di via Lorenteggio, a Milano.

Alla base della protesta vi è la salvaguardia dei 570 alberi che i cantieri della quarta linea della metropolitana milanese dovrebbero abbattere. Di prima mattina Calise ha rotto gli indugi e con imbragatura da arrampicatore e caschetto è salito in cima a una pianta del Giambellino per far sentire la sua voce:

Oggi comincia una battaglia civica per salvare, o almeno ridurre, i danni che porteranno i cantieri di M4 ad abbattere 570 alberi,

ha detto Calise dopo essere sceso da uno degli alberi situati in prossimità di alcune piante che saranno abbattute.

La costruzione della linea blu che unirà San Cristoforo a Linate sta provocando numerose proteste in tutti i quartieri nei quali dovrà transitare la M4. Calise ha ribadito di non essere contrario alla metropolitana, ma di protestare per salvare gli alberi.

Ci sono voluti i Vigili del Fuoco per far scendere il consigliere pentastellato dall’albero, mentre alcuni attivisti dell’M5S si erano assiepati per assistere alla singolare protesta.

Piefrancesco Maran, assessore milanese alla Mobilità, ha spiegato che da settimane l’amministrazione sta tentando di contenere ulteriormente il numero degli alberi da abbattere. Maran ha anche detto che le piante verranno rimpiazzate da nuove piantumazioni.

mattia calise

Via | Repubblica

Foto | Youtube

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO