Vertice delle Americhe 2015: storica stretta di mano tra Obama e Castro

Per la prima volta anche Cuba partecipa al Summit of The Americas.

19.16 - Parlando al Vertice delle Americhe 2015 il Presidente Barack Obama è tornato sul nuovo corso delle relazioni tra Usa e Cuba, spiegando di aver già chiesto al Congresso di attivarsi per sospendere l'embargo e avviato una ripresa dei rapporti diplomatici tra i due paesi.

Obama ha apertamente definito l'incontro con l'omologo cubano "un evento storico" lodando anche la controparte caraibica per la decisione di seguire anch'essa lungo questo nuovo corso nelle relazioni tra i due paesi, sottolineando comunque la peculiarità di entrambi:

"Non penso sia un segreto, e il presidente Castro sarà d'accordo, che continueranno ad esserci significative differenze tra i nostri due Paesi. Noi continueremo a parlare sulla base dei valori universali che riteniamo importanti. Sono sicuro che il presidente Castro continuerà a fare lo stesso"

Sullo stesso adagio, con qualche colpo di teatro in più, anche il Presidente cubano Raul Castro, che ha anch'esso parlato di momento storico, manifestando la volontà al dialogo da parte di Cuba e spiegando che "Obama non è responsabile dei suoi predecessori" per i torti subiti da Cuba e per i quali gli ultimi 60 anni sono stati caratterizzati da un'ostilità reciproca pressochè continua.

Sabato 11 aprile 2015 - Prima dell'inizio del Summit delle Americhe a Panamá il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il leader cubano Raul Castro si sono incontrati e si sono stretti la mano in quello che è stato un momento storico nel raffreddamento dei rapporti tra Stati Uniti e Cuba, il culmine (per il momento) del nuovo corso nell'amicizia tra i paesi americani.

Nel video che segue si vedono Obama e Raul Castro mentre, circondati dalla folla, alla presenza di diversi leader tra cui e' riconoscibile il segretario Generale dell'Onu Ban Ki-moon, si salutano e scambiano diverse battute, sorridendo e stringendosi ripetutamente la mano.

Lo storico incontro è stato sottolineato anche da Bernadette Meehan, portavoce per il National Security Council:

"Al summit delle Americhe questa sera, il presidente Obama e il presidente Castro si sono salutati e si sono stretti la mano"

La Casa Bianca non ha rivelato ulteriori informazioni nè quanto si sono detti i due leader nel breve scambio di battute prima del vertice, ma è stato sottolineato come tra i due si terrà un secondo incontro, più lungo e formale, a margine del vertice.

Image: Seventh Summit of the Americas in Panama City

Vertice delle Americhe 2015

Venerdì 10 aprile 2015 - L'atteso incontro tra il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il Presidente cubano Raul Castro è in programma domani, ma intanto oggi è stata resa pubblica la notizia che i due leader si sono sentiti per telefono mercoledì sera. Tuttavia, anche se nei giorni scorsi Raul Castro ha detto che ci sarà un incontro bilaterale con Obama, la Casa Bianca lo definisce un incontro informale a margine del vertice di sabato.

Il settimo Summit of The Americas


Il settimo Summit of The Americas va in scena oggi e domani a Panama City e per la prima volta c'è anche Cuba. Anche se non ci sarà un bilaterale vero e proprio tra il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il suo collega cubano Raul Castro, il momento più atteso è certamente quello del loro incontro e la Casa Bianca ha spiegato che i due avranno sicuramente modo di interagire.

Tra l'altro ieri il Segretario di Stato Usa John Kerry, che è arrivato a Panama con un giorno di anticipo rispetto a Obama, ha incontrato il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez e la foto della loro stretta di mano è stata anche pubblicata dall'account ufficiale su Twitter del Dipartimento di Stato americano. Si è trattato di un meeting storico perché da decenni è stata la riunione di più alto livello tra rappresentanti dei due Stati. Una nota ufficiale dell'entourage di Kerry ha detto che con Rodriguez c'è stato un dialogo "lungo e molto costruttivo" ed entrambi i responsabili degli Esteri dei rispettivi Paesi hanno concordato sul fatto che negli ultimi mesi siano stati fatti importanti passi in avanti e che si continuerà a lavorare per risolvere le questioni in sospeso.

Il disgelo tra Usa e Cuba cominciato a dicembre 2014 potrebbe portare gli Usa a rimuovere Cuba dalla lista nera degli Stati sponsor del terrorismo nella quale è compresa dal 1961.
Intanto Barack Obama ieri, prima di partire per Panama, è stato in Giamaica e ha detto che non ha mai previsto "un'immediata trasformazione delle relazioni" con Cuba così che il Paese guidato da Castro si possa trasformare dal giorno alla notte in un partner come lo è la Giamaica. Il Presidente Usa ha aggiunto che ci vorrà del tempo, ma almeno ora si è nella posizione di poter quantomeno riaprire le ambasciate Usa a Cuba e quelle cubane negli Stati Uniti.

Obama al Vertice delle Americhe 2015

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO