Gli Enti Inutili non tagliati e il governo per spot


Giusto ieri Walter Veltroni ha rimproverato al premier Berlusconi di non saper governare e di andare avanti con spot e propaganda elettorale. Il leader del Partito democratico tende a non azzeccarne una, purtroppo per lui, ma stavolta forse la sua critica trova qualche fondamento.

Ricordate i famosi tagli agli sprechi e agli sperperi promessi dall'esecutivo del Pdl? Le Province da abolire e gli enti inutili da tagliare? Bene, si trattava di due eccezionali spot pubblicitari, pura propaganda.

Sulle Province la cosa è stata talmente spudorata che pure Libero, il quotidiano più retrogrado e governativo delle edicole italiane, ha lanciato una raccolta di firme per arrivare alla loro abolizione superando la retromarcia di Berlusconi, che si è rimangiato la promessa senza neppure lo scrupolo di fornire una spiegazione.

Un altro “consiglio per gli acquisti” riguardava i celeberrimi enti inutili, che sarebbero stati tagliati senza pietà, a partire da quelli con meno di 50 dipendenti. Quanto fosse opinabile la soglia scelta e incomprensibile il criterio, lo avevamo già detto a proposito della ventilata soppressione del Club Alpino Italiano. Ora viene fuori che non solo non sono stati aboliti gli enti con meno di 50 dipendenti, ma ad oggi non ne è stato abolito nessuno: tanto fumo e niente arrosto dunque.

La prossima scadenza fissata per la grande opera di pulizia è il 31 marzo, staremo a vedere...

Leggi l'articolo del Sole 24 ore

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO