Usa 2016, Carly Fiorina: Sarà lei la sfidante di Hillary Clinton?

First In The Nation Republican Leadership Summit Held In New Hampshire

Secondo il Wall Street Journal, Carly Fiorina scenderà in campo per le primarie dei Repubblicani, provando così a strappare la nomination per correre alle elezioni presidenziali Usa 2016.

Tutti i candidati alle elezioni presidenziali Usa

Per il quotidiano americano, Fiorina annuncerà la sua candidatura il prossimo 4 maggio. Erano anni che ci pensava e ora sembra aver trovato il sostegno e i finanziamenti per gareggiare per la Casa Bianca. Se dovesse avere la meglio alle primarie, il partito dell'elefantino arginerebbe la tentazione dell'elettorato femminile di votare in massa per Hillary Clinton, probabilissima candidata dei democratici.

Fiorina è un esponente della classe dirigente del paese ed è espressione degli interessi dei ceti più elevati. Nel 1998 viene nominata, dalla prestigiosa rivista Fortune, "la donna più potente nel mondo del business". Successivamente, nel 2004, la rivista Time l'ha inclusa nella lista delle 100 persone più importanti. E' stata per sei anni amministratore delegato della Hewlett-Packard (Hp), multinazionale dell'information tecnology.

Nelle presidenziali del 2008, ha assunto il ruolo di consulente di John Mc Cain, per poi candidarsi, senza successo, al Senato in California nel 2010.

I sondaggi, per il momento, non sono generosi con lei: è la prima scelta per appena il 2% dell'elettorato repubblicano. Tuttavia, c'è ancora tempo per risalire la china. La sua propaganda, molto probabilmente, verterà sulla delegittimazione dell'avversario. A tale riguardo, sulla Clinton ha già dichiarato: “Hillary è intelligente e una grande lavoratrice, ma non ha dalla sua né risultati né capacità di leadership [...] non è la donna per la Casa Bianca".

Le posizioni politiche di Fiorina potrebbero fare breccia nell'ala più conservatrice dell'elettorato: è liberista in materia economica ed è contraria sia all’aborto sia ai matrimoni omosessuali. E' molto scettica anche sulle politiche verdi contro il global warming. In passato ha ammesso che privarsi dell'uso del carbone farebbe perdere al paese almeno 3 milioni di posti di lavoro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO