Pd caos dopo la nuova giunta a Napoli. Dov'è Veltroni?

Forse non soddisfatto della “maglia nera” ricevuta dal periodico Cronaca Vera quale peggior politico del 2008, Walter Veltroni imbocca subito il 2009 con il piede sbagliato in cerca del poco onorevole replay.

La dimostrazione che oramai Walter è ridotto a “re travicello” e che il suo Partito democratico è allo sbando viene, buona ultima, da Napoli.

Il sindaco Rosa Russo Iervolino, dopo aver minacciato di dimettersi e affidarsi alle urne, ha rattoppato la situazione varando in extremis una nuova giunta ma l’ex ministro Luigi Nicolais non ci sta a ballare la “tarantella” e rassegna tosto le dimissioni da segretario provinciale del partito.

La Iervolino getta acqua sul fuoco: “Nessuna lacerazione, nessuna contrapposizione, ho messo davanti a tutto l’interesse della città”. Ma Nicolais dopo appena sei mesi getta la spugna da “federale” perché “ E’ mancata una svolta coraggiosa che consentisse di recuperare la fiducia dei cittadini”.

Come dire che di fronte alla drammaticità dei problemi napoletani ognuno nel Pd pensa solo a se stesso e fa come gli pare.

La Iervolino per non essere cancellata vara una giunta a “suo” uso e consumo; il Pd napoletano, spiazzato, rifiuta la “pezza” che è peggio del “buco”; il Pd nazionale “non vede e non sente”; Walter Veltroni gioca la sua carta, che pesa come il due di coppe quando comanda l’asso di bastoni.

I napoletani non vedono l’ora di andare a votare. Anche gli italiani. Caro Walter, per chi suona la campana?

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO