Sindaci autonomi dai partiti o "feudatari" attaccati alla poltrona?

L’Italia, paese di Guelfi e Ghibellini, non si smentisce mai. O di qua o di là. Quindi vive (e vegeta) nel valzer delle esagerazioni.

Prendiamo queste ultime vicende dei sindaci (Iervolino a Napoli, D’Alfonso a Pescara ecc.) i cui epiloghi – allo stato attuale - tendono ad “esaltare” l’indipendenza e l’autonomia dei primi cittadini nei confronti dei partiti d’appartenenza (in questi casi il Pd).

Il sindaco è esponente istituzionale, non partitico, risponde solo a chi lo ha eletto democraticamente e oggi anche direttamente, cioè ai cittadini. Non è tenuto ad eseguire né tanto meno subire ordini dal proprio partito. Giusto.

Ma il troppo stroppia. Si è passati dai tempi di Peppone quando il sindaco era “espressione” totale del proprio partito (di solito il sindaco era il numero uno del partito nella realtà territoriale) a oggi, quando il sindaco risponde solo … a se stesso.

Esautorate le assemblee elettive, esasperato il concetto di autonomia dal partito che li ha individuati, indicati, messi in lista e appoggiati, i sindaci eletti (così come i governatori di province e regioni) decidono poi, come antiche feudatari, per “proprio conto”, gestendo il potere a proprio uso e consumo.

Anche quando, come a Napoli, a Pescara ecc, sono sotto il tiro della magistratura o sotto valanghe di nodi irrisolti di tipo amministrativo e politico.

Rispondono ai cittadini? Ma come e quando? Il potere del cittadino elettore sta nel poter esercitare “solo” il diritto di voto. E nel frattempo?

Non si rischia di arrivare troppo tardi e di far incancrenire situazioni a danno della collettività. Nodi che andrebbero affrontati e risolti “politicamente”, con la “mediazione” politica?

La sensazione è che, in questa fase di bipolarismo coatto e di leadership finte o imposte, a mancare è proprio la politica. Che latita. Un uomo solo al comando della nazione. Un uomo slo al comando nel territorio.

La democrazia può essere soffocata dalla “troppa” politica. Ma anche dalla assenza della politica.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO