Renato Brunetta, i dipendenti pubblici, i figli dei ministri


Intervenendo alla giornata conclusiva della kermesse invernale del Pdl Neveazzurra, il ministro Renato Brunetta ha espresso ancora una volta il proprio poco velato disprezzo per i dipendenti pubblici. Questa volta, citando impiegati del catasto, professori e burocrati (categoria di cui in realtà non si capisce bene il confine), Brunetta li ha indicati come persone che hanno vergogna – o dovrebbero averla – nel raccontare ai propri figli il lavoro che svolgono.

Al contrario, sempre secondo il ministro, il tornitore delle officine Ferrari tornerebbe a casa col sorriso, pulito e soddisfatto di poter narrare con orgoglio alla propria prole la gioia di svolgere quella mansione.

Non so se gli operai della Ferrari sono tutti così felici quando tornano a casa e non credo che i professori debbano vergognarsi (almeno non tutti) di quello che fanno. Ma in ogni caso, sempre meglio tornare a casa e raccontare che si sono archiviate 10 modifiche al Piano regolatore del dover ammettere di essere un ministro del governo Berlusconi…

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO