Satira: non spariamo “castate”

Sembra che per qualche ora la faraonica celebrazione di insediamento di Barack Obama sia stata a rischio. Il giuramento più atteso della storia americana precipitato in un clima di incertezza da un tremendo imprevisto. Quale? L'annunciata assenza del premier italiano Silvio Berlusconi. Pare che il neo-presidente Usa sia sprofondato nello sconforto e nella disperazione più neri. E' stata la volitiva moglie Michelle a convincerlo che comunque bisognava andare a Washington e dare soddisfazione al popolo americano. Martedì il povero Obama dovrà cavarsela senza l'anziano e saggio Silvio. Popolo della senilità

In modo estremamente riservato il governo italiano avrebbe chiesto un piacere al premier israeliano Olmert. E lo avrebbe fatto per bocca del ministro degli Esteri Frattini. Ecco il contenuto, parziale, di una scottante telefonata intercorsa privatamente tra i due appena ieri: “Ciao Ehud, potresti mandare un contingente del tuo esercito a Roma? Ci servirebbe la vostra esperienza contro i militanti di Hamas per stanare la resistenza di un guerrigliero irriducibile. E' trincerato proprio nel centro della città, a Palazzo San Macuto...si tratta di un'operazione delicatissima...il personaggio è un duro, un vero fanatico...sì, sì...è proprio lui, Villari. Sarà difficile tirarlo fuori da lì...”. Ezzedin al-Cazzaro

In uscita nel 2009 due film che prendono spunto da storie fantastiche per raccontare rispettivamente il periodo economico che attende l'Italia e l'andamento del Pil nazionale nei prossimi 12 mesi. “L'era glaciale 3” e “Viaggio al centro della Terra”

Ad aprile invece sarà nelle sale una pellicola di grande valore storico: in pratica una monografia dedicata a Giulio Tremonti e al suo rapporto di ministro dell'Economia con la spesa corrente dello Stato. “Houdini, l'ultimo mago”

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO