Gaza: Hamas, gli scudi umani, i dati gonfiati


Abbiamo già detto dell'uso sproporzionato della forza e dell'utilizzo di armi non convenzionali da parte dell'esercito di Israele durante la guerra nella Striscia di Gaza. Ora sembrano emergere anche altre "stranezze" di questo conflitto, che questa volta riguardano Hamas e che è doveroso riportare in attesa di approfondimenti e sviluppi.

Secondo Lorenzo Cremonesi, del Corriere, i dati sui morti tra civili e guerriglieri non tornano e ci sarebbe stato una stima volutamente gonfiata delle vittime per poter imputare ad Israele di aver compiuto un massacro. Gli oltre 1200 morti sarebbero più realisticamente "solo" 6/700 e tra questi ci sarebbero molti ragazzini che Hamas avrebbe mandato al macello contro l'esercito più potente di tutta l'area.

Inoltre i combattenti palestinesi, male armati e pronti al sacrificio, si sarebbero volutamente piazzati nei pressi di case e palazzi proprio per suscitare la reazione di elicotteri e carri israeliani e consentire ad Hamas di denunciare la morte di civili inermi.

Un altro punto di vista sul conflitto nella Striscia: vedremo se nei prossimi giorni queste testimonianze verranno confermate e vi terremo aggiornati...

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO