Bolivia: approvata la nuova costituzione "indigenista" di Morales

evo cumple, da https://lh3.ggpht.com/_HpjmaHma0Yc/SH_rE0-QMWI/AAAAAAAACCs/M6QMLVF4VnI/IMG_5814.JPGUn referendum ha approvato con il 60 per cento di voti favorevoli la nuova costituzione promossa dal presidente Evo Morales. La nuova carta costituzionale concede autonomia ai popoli indigeni e concentra nelle mani dello stato il controllo dell'economia. Nelle regioni più ricche dell'est, dove vivono i latifondisti e i boliviani con origini europee, ha vinto il fronte del no. Il voto si è svolto senza irregolarità o disordini e fino a questo momento i risultati non hanno creato tensione sociale, solo qualche scaramuccia politica.

Morales si dice soddisfatto e parla di "rifondazione della Bolivia" ed emozionato per la grande affermazione indigenista. Il presidente ha voluto soffermarsi sul nuovo periodo storico e sociale che si troverà ad affrontare il Paese. Su un punto in particolare Morales si è voluto soffermare: grazie all'approvazione della nuova Costituzione si è messo fine allo strapotere dei latifondisti: il voto ha infatti stabilito che la proprietà privata di terra non dovrà superare i 5mila ettari. In questo modo si eliminerà progressivamente il latifondo. Poi il monito ai governatori "ribelli": "Non esiste mezza luna senza la nascita di una luna piena".

I punti più importanti della riforma erano: la rielezione del presidente, (Morales potrà candidarsi nuovamente alle presidenziali del 2009), più poteri e autonomia alla maggioranza della popolazione, quella indigena, la definizione di autonomie etniche e regionali e la nazionalizzazione delle risorse naturali del Paese, oltre a una seria riforma agraria. Inoltre la nuova Costituzione, che nel suo complesso rivede circa 400 articoli, mette sullo stesso piano il Dio dei cristiani e la Pachamama, simbolo religioso Incas, facendo di fatto perdere il rapporto privilegiato del Vaticano con lo Stato boliviano.

Solo buone notizie in una delle giornate più importanti e significative per la storia della Bolivia, dopo decenni di colpi di stato e modelli imposti dal nord. Da oggi il piccolo paese sudamericano prende in mano il suo destino, perchè come è scritto su tutti i muri di La Paz, "Evo cumple", ossia Morales mantiene le promesse.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO