Papa Francesco: fuori programma con i pellegrini cinesi - video

Papa Francesco scende dalla jeep e va a stringere le mani dei fedeli cinesi. E' un segnale a Pechino?

Questa mattina Papa Francesco, durante l'udienza del mercoledì, ha dato vita ad un ennesimo fuori programma. Mentre stava facendo il consueto giro per salutare i fedeli a bordo della jeep, ha visto un gruppetto di fedeli cinesi dietro le transenne che sventolava bandierine della Repubblica Popolare. Allora, il Pontefice, mettendo in crisi la sicurezza, ha ordinato di fermare il veicolo ed è sceso a salutare e a stringere le mani dei ragazzi provenienti dal paese asiatico (video in alto).

Bergoglio ci ha abituati a gesti "inconsueti", fuori dal protocollo, ma quello di oggi ha un significato particolare. Si può interpretare, senza il timore di sbagliare, come l'ennesimo segnale di distensione che il Vaticano invia al governo di Pechino.

I rapporti tra Cina e Santa Sede sono nettamente migliorati nell'ultimo periodo. Segnaliamo, a tale proposito, che il Papa, nei mesi scorsi, ha ottenuto l'autorizzazione al sorvolo sui cieli cinesi durante il suo ultimo viaggio in Estremo Oriente. In quell'occasione, Francesco inviò un telegramma di ringraziamento al Presidente Xi Jinping: "Al momento di entrare nello spazio aereo cinese, rivolgo i migliori auguri a vostra eccellenza e ai suoi concittadini, e invoco le benedizioni divine di pace e benessere sulla nazione".

Qualcuno sogna già da qualche anno un viaggio in Cina di Papa Francesco, ma ovviamente siamo ancora molto distanti da un traguardo del genere: le frizioni tra Roma e Pechino rimangono. Da una parte, la Cina chiede il riconoscimento del proprio governo su Taiwan e, in generale, una minore intromissione nei propri affari interni. Dall'altra, Francesco cerca una difficile mediazione sui rispetto dei diritti umani e religiosi e sulla questione del clero cattolico.

A tale riguardo, ricordiamo che l'unica Chiesa legale in Cina è quella dell'Associazione patriottica cattolica cinese, che non riconosce il primato di Roma ma quello dello Stato. C'è, poi, una Chiesa sotterranea, non ammessa dal governo, che vive una situazione da sempre molto complessa.

Papa Francesco in Corea del Sud

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO