Farage non si dimette: ritirate le dimissioni

Farage si dimette dalla guida dell'UKIP - Elezioni UK 2015

11 maggio 2015 - Nigel Farage non si dimette più.

Dopo aver annunciato le sue dimissioni dalla leadership del partito Ukip, tra i primi degli sconfitti alle elezioni di settimana scorsa, Nigel Farage oggi annuncia che lo stesso partito ha rigettato le sue dimissioni e che quindi non si dimette più. Ma il suo partito spiega che queste sono state "ritirate" dallo stesso Farage in seguito ad una discussione in seno alla dirigenza del partito.

Una notizia "pasquale", fa notare su Twitter il data editor del Guardian Alberto Nardelli, che vuole il cadavere politico di Farage resuscitare dopo appena tre giorni: il Presidente di Ukip Steve Crowther ha spiegato che l'intera dirigenza del partito ha rigettato all'unanimità le dimissioni del leader.

Secondo la dirigenza di Ukip infatti la campagna elettorale è stata "un successo" ed è stata condotta con "serietà": 4 milioni di voti, spiegano, sono un risultato "straordinario":

"Su questa base l'onorevole Farage ha ritirato le sue dimissioni e rimarrà leader di Ukip. [...] la campagna per il referendum (per l'uscita dall'Ue, nda) è già iniziata questa settimana ed abbiamo bisogno del nostro miglior team per combattere questa battaglia ideata da Nigel. Lo abbiamo quindi convinto a ritirare le sue dimissioni e a restare leader di Ukip."

Nigel Farage si dimette

8 maggio 2015 - Nigel Farage ha rassegnato le proprie dimissioni dalla guida dell'UKIP.

È un'altra delle conseguenze del risultato della consultazione elettorale in Gran Bretagna.

Farage aveva promesso che, se non fosse stato eletto, avrebbe rassegnato le proprie dimissioni ed è stato di parola. Anche se, curiosamente, si è preso "fino alla fine dell'estate" per decidere se riproporsi per guidare il partito. Insomma, un modo per tenere un piede dentro.

Nel frattempo, però, ha indicato come sua possibile sostituta Suzanne Evans.

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO