Sondaggi politici, 12 maggio 2015: chi vincerebbe le elezioni se si votasse con l'Italicum?

Secondo i sondaggi politici, l'Italicum premierebbe Pd e Movimento 5 Stelle. Ma al secondo turno non ci sarebbe storia.

sondaggi politici maggio 2015

I sondaggi politici approfittano (giustamente) dell'approvazione dell'Italicum per provare a capire che cosa succederebbe se si tornasse al voto con la nuova legge elettorale. Ovviamente, al primo turno non cambierebbe nulla, con tutti i partiti che si presentano alle elezioni. Quello che cambia, invece, è che non ha più senso ragionare in termini di coalizioni (se non per interesse, diciamo così, sociologico), visto che d'ora in poi queste non avranno più senso.

Stando ai sondaggi politici Emg, il Partito Democratico rimane ovviamente il primo partito, ma non ha ancora interrotto la sua fase calante. Anche questa settimana cede oltre mezzo punto arrivando al 34,2%. Perde qualcosa anche il Movimento 5 Stelle, ampiamente primo partito ma che è sceso al 22,8%. Chi continua a essere stabile su livelli altissimi, ma sembra non aver più le energie per crescere, è la Lega Nord di Salvini, che rimane al 14,9%.

Il ritorno in campo di Silvio Berlusconi - con i suoi progetti per un Partito Repubblicano Italiano (nel senso di copiare quello Usa, ché il Pri, anche se non sembra, esiste ancora) - aiuta Forza Italia, che sale di ben sette decimali e arriva al 12,5%. Tra i partiti minori non si registrano grossi scossoni: Fratelli d'Italia al 4,7%, Sel al 4%, guadagna qualcosa Ndc-Udc al 3,6%.

E al secondo turno, come andrebbe a finire? Stando a questi sondaggi, nessuno conquisterebbe al primo turno la soglia del 40% necessaria a conquistare subito il premio di maggioranza. Al ballottaggio andrebbero quindi Pd e Movimento 5 Stelle. E qui non ci sarebbe storia, con il Partito Democratico che arriverebbe al 57,4% e il Movimento 5 Stelle che si fermerebbe al 42,6%. Un margine, per Renzi, rassicurante.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO