Germania, Autostrade: Pedaggi solo per gli stranieri. Merkel aggira norme Ue

Gli automobilisti tedeschi scaleranno l'importo del bollo. Commissario Ue ai trasporti prende tempo per valutare la norma

Falling Walls Conference 2014 Reception

Angela Merkel ha deciso di farla finita con "l'eccezione tedesca". Dal 1° gennaio 2016, i 13mila chilometri di autostrade nazionali saranno soggette ad un pedaggio. In precedenza, come è noto, non era necessario effettuare nessuna forma di pagamento.

La decisione era già stata messa nero su bianco nel programma di governo della Grosse Koalition, nel dicembre 2013. Tuttavia, in quell'occasione nessuno poteva prevedere i risvolti che avrebbe preso la vicenda. Il pedaggio, infatti, sarà sostanzialmente selettivo. Ci spieghiamo meglio: il contributo di fatto sarà pagato solo da automobilisti e motociclisti stranieri, provenienti anche dai paesi dell'Unione Europea.

Ma, attenzione, la norma non poteva esprimersi esattamente nei termini sopraesposti. Il motivo è semplice: se si fosse stabilito la gratuità solo per i tedeschi, allora ci sarebbe stata una chiara antinomia con il diritto comunitario, che vieta la discriminazione dei cittadini europei. Così, per trovare l'escamotage, la Cancelliera ha messo al lavoro i tecnici del ministro federale dei Trasporti, il bavarese Alexander Dobrindt.

I tecnici sono riusciti ad elaborare un artificio legislativo molto astuto. Nella norma, la gabella viene presentata come a a carico anche degli automobilisti tedeschi, tra l’altro estesa alla rete stradale ordinaria (39mila chilometri). Contemporaneamente, però, ai cittadini teutonici verrà alleggerita la tassa di circolazione in misura pressoché identica all’importo annuale. In pratica, chi ha una macchina immatricolata in Germania potrà sclare l'importo del bollo.

Ulrich Klaus Becker, preso atto del provvedimento, ha deciso di protestare. A tale riguardo, il vicepresidente dell’Adac, l’Automobilclub tedesco, ha dichiarato: “non mi è noto alcun paese in cui solo gli stranieri devono pagare il pedaggio”. Per parte sua, il vice Commissario europeo per i Trasporti, Violeta Bulc, ha osservato che valuterà la correttezza della legge, già approvata dal Bundesrat, quando entrerà in vigore.

Gli stranieri che viaggeranno in Germania dovranno apporre una "vignetta" adesiva al parabrezza. Questa consentirà l'accesso alle autostrade, proprio come in Svizzera o in Austria. Il costo è di 10 euro per 10 giorni, oppure 22 per il pass da 2 mesi. "Nel lungo periodo - afferma Dobrindt - la tassa contribuirà a migliorare le nostre infrastrutture".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO