Stati Uniti, la Camera approva una legge che limita la NSA

La Camera ha detto sì a un disegno di legge che rende illegale l'archiviazione di massa dei tabulati telefonici e dei metadati degli utenti.

Camera Usa approva legge che limita la NSA

Negli Stati Uniti la Camera ha approvato con 388 sì e 88 voti contrari un disegno di legge che limita i poteri della National Security Agency rendendo illegale l'archiviazione di massa dei tabulati telefonici dei metadati degli utenti. Anche l'anno scorso era stata approvato un disegno di legge simile che ha però poi subìto la bocciatura del Senato, come è possibile che avvenga anche in questo caso.

Molti senatori repubblicani, infatti, hanno promesso di dare battaglia all'attuale disegno di legge che obbligherebbe la NSA a chiedere l'autorizzazione per archiviare telefonate e metadati caso per caso, mentre loro ritengono che l'agenzia debba essere libera di procedere alla raccolta di tali dati nell'interesse del Paese, per proteggerlo da eventuali attacchi terroristici.

C'è da dire che una parte dei deputati repubblicani ha votato a favore della proposta di legge passata ieri alla Camera, ritenendola garante di un giusto equilibrio tra sicurezza e privacy, un compromesso in grado di proteggere i cittadini. Il problema della privacy è nato, come molti ricorderanno, in seguito a quello che in Italia chiamiamo Datagate, ma che in America è noto proprio come NSAgate, lo scandalo esploso dopo le dichiarazioni di Edward Snowden, ex collaboratore della CIA, che nel 2013 ha rivelato che la NSA aveva raccolto dal 2001 milioni di telefonate.

Attualmente la NSA raccoglie milioni di tabulati telefonici dalle compagnie telefoniche americane e li memorizza in un database, poi, con il permesso del giudice, indaga sui numeri sospettati di appartenere a gruppi terroristici stranieri. La raccolta di massa di questi dati è cominciata dopo gli attacchi terroristici del 2001.

Il Freedom Act prevede che i metadati, ossia le registrazioni dei numeri di telefono, delle date, degli orari e della durata delle telefonate, siano conservati dalle compagnie telefoniche e non dalla NSA e che quest'ultima possa avere accesso a tali dati con il permesso del tribunale e cercando attraverso termini di selezione che identifichino una determinata persona, un account o un indirizzo.

Via | Washington Post

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO