Ahmadinejad risponde a muso duro a Obama: "Prima gli Usa risarciscano l'Iran, poi il dialogo"

Non si sono fatte attendere le reazioni internazionali alle aperture di Obama, che potete qui vedere nel video originale dell'intervista ad Al Arabiya. Ma mentre il neo-presidente registra il primo successo diplomatico, inducendo il collega russo Medvedev a cancellare il programma di ritorsioni contro il progetto di scudo antimissile in Polonia e Ungheria, molto diversa è la reazione dell'Iran.

Il presidente Ahmadinejad non smentisce infatti la sua fama di duro, e rifiuta qualunque dialogo prima di aver ottenuto il ritiro americano da tutti i fronti, nonché un risarcimento globale al suo paese per le ingerenze Usa manifestatesi nel corso degli anni a partire, come riferisce il Corriere, dal golpe del 1953 con cui fu rovesciato il premier di allora Mohammed Mossadegh.

È probabile che la sua posizione sia dettata anche dal timore di perdere un potere interamente basato sulla contrapposizione a Usa e Israele. Se infatti dovesse venire a patti con il grande nemico perché mai il suo popolo dovrebbe rieleggerlo, a fronte di avversari politici interni ben più coerenti e diplomaticamente validi? Ahmadinejad è un condottiero che ha bisogno di una guerra per giustificare la sua leadership e per questo ha rimarcato a chiare lettere che per ottenere il dialogo Obama deve prima togliere il proprio sostegno a Israele. Tutto questo ben sapendo che non lo farà mai.

La domanda che ci poniamo in una fase così cruciale dei rapporti internazionali è se sia conveniente abbassare la guardia nei confronti dello storico "nemico" iraniano. Può essere che Obama stia cercando di stanare Ahmadinejad, levandogli il terreno sotto i piedi, nel qual caso la sua sarebbe una mossa geniale; ma dovrà stare ben attento a non concedere troppo. Certi atti di generosità in politica potrebbero essere interpretati come una debolezza, e un'America debole in questo momento è l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno.

  • shares
  • Mail
194 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO