Elezioni Gela 2015, risultati ballottaggio: Messinese (M5S) nuovo sindaco

Tutto sulle elezioni 2015 a Gela

Elezioni Gela 2015, candidati, diretta, risultati

16.55 - 69 sezioni su 71: Messinese al 64,6%, Fasulo al 35,4%.

16.28 - 44 sezioni su 71: Messinese stabile al 64%, sarà lui il nuovo sindaco di Gela. Per il Movimento 5 Stelle è cinque su cinque al ballottaggio.

16.14 - 16 sezioni su 71: Messinese al 64,03%.

15.55 - 7 sezioni su 71: Messinese del M5S avanti con il 63%.

15.30 - L'affluenza finale a Gela è del 54,70%. Sta per iniziare lo spoglio.

15 giugno 2015, 13.50 - Tra poco più di un'ora si chiuderanno le urne del ballottaggio di Gela e inizierà lo spoglio. Il nuovo sindaco di Gela sarà uno tra Messinese - M5S - e Fasulo - Pd.


Gela 2015: risultati 1° turno

A Gela si va al ballottaggio tra Messinese e Fasulo. Domenico Messinese, candidato del Movimento 5 Stelle, ha ottenuto il 24% dei voti. Fasulo, del centrosinistra, il 23%. Ad un passo dal ballottaggio si ferma Greco, al 21%. Di Dio ottiene il 9%, il candidato di Forza Italia Pellitteri il 7%. Melfa al 5%, Cosenza al 3%, Ventura, Giudice ed Arancio all'1%, Di Blasi allo 0,8%.

Le elezioni 2015 a Gela

20.18 - E' iniziato con molto ritardo lo spoglio nel comune di Gela. Per il momento sono state scrutinate appena 2 sezioni su 71. I primi dati, da prendere con le molle, dicono che il candidato del Movimento 5 Stelle, Domenico Messinese, è in testa con il 28,50%. Dietro di 5 punti ci sarebbe Angelo Fasulo del Pd, con il 21,38% .

Il Comune di Gela va al voto per le elezioni amministrative: la data del primo turno è il 31 maggio 2015, mentre l'eventuale ballottaggio si terrà due domeniche dopo, il 14 giugno. Come negli altri comuni siciliani, non si voterà solo nella giornata di domenica ma anche in parte di quella di lunedì 1 giugno, con seggi aperti fino alle ore 15.

Con 76.000 abitanti, Gela è il Comune più popoloso della provincia di Caltanissetta, e il sesto della Sicilia. Con una superficie di 279 km2 è invece il cinquantesimo Comune italiano per estensione. A Gela si torna al voto alla scadenza naturale del primo mandato del sindaco Angelo Fasulo, eletto nel 2010 al ballottaggio. Suo predecessore fino al 2009 era stato l'attuale presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta.

Nonostante Fasulo parta favorito, la concorrenza è non solo agguerrita ma anche particolarmente affollata: si contano infatti 11 candidati sindaco, appoggiati da 20 liste con circa 600 aspiranti candidati al consiglio comunale.

Come detto, il candidato di centrosinistra è il sindaco uscente Angelo Fasulo, che questa volta può contare sull'appoggio unitario del Pd (che alle scorse comunali si era presentato in ordine sparso). In appoggio a Fasulo si presentano Il Megafono, lista che fa riferimento al governatore Crocetta, e le liste Patto dei Democratici Riformisti, Polo Civico Popolare e Gela Città.

Suo principale sfidante è l'ex senatore di Forza Italia Gioacchino Pellitteri, sponsorizzato dall'ex alleato di Fasulo nel 2010, Pino Federico. Pellitteri è appoggiato da Forza Italia, Mir (Movimento in Rivoluzione), Autonomisti per Gela e Arcobaleno – Partito Liberale.

Un'altra parte del centrodestra gelese appoggia invece Lucio Greco, avvocato, supportato dalle liste Forza Gela e Un'altra Gela.

Peppe di Dio è il candidato appoggiato da Reset 4.0 e Nuovi Orizzonti.

Il Movimento 5 Stelle candida l’ingegnere Domenico Messinese.

Presente anche la lista "Noi con Salvini", che appoggia Antonio Giudice.

L'imprenditore Maurizio Melfa si candida con l'appoggio della lista Ripartiamo da zero.

Elio Arancio si candida invece a capo della lista Siamo Gela.

Il consigliere uscente Tonino Ventura si presenta invece con la lista Rinascita gelese.

Concludono la lunga lista di candidati Saverio Di Blasi con la lista Trinacria e Giuseppe Cosenza del Movimento dei Forconi.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO