Elezioni Matera 2015, risultati: Giulio De Ruggieri nuovo sindaco

Tutto sulle elezioni 2015 a Matera

lunedì 15 giugno, ore 8.56 -Al primo turno aveva totalizzato il 36% delle preferenze, contro il 40,13 del suo avversari Salvatore Adduce, ma al ballottaggio Raffaello Giulio De Ruggieri ha ribaltato il risultato di due settimane fa diventando il nuovo sindaco di Matera. Per De Ruggieri - sostenuto da una dozzina di liste civiche - hanno votato il 54,51% dei materani contro il 45,49% che ha scelto Adduce. L'affluenza alle urne è stata del 58,06%.

lunedì 1° giugno, 17.00 - A Matera, con 55 sezioni scrutinate su 62, il ballottaggio è certo. Salvatore Adduce è sempre in testa con il 40,28% dei voti contro il 35,84% di Giulio De Ruggieri.

ore 12.51 - Dopo lo scrutinio di 40 seggi sui 62 complessivi Salvatore Adduce è sempre in testa con il 40,12% dei voti contro il 35,35% di Giulio De Ruggieri che lo sfiderà al ballottaggio di metà giugno.

1° giugno 2015 -A Matera l’affluenza è stata del 74,11%, molto alta anche se inferiore rispetto a quella del 2010 che si concluse con un 80,24%. Il risultato dello spoglio delle prime 17 sezioni (su 62) premia il sindaco uscente Salvatore Adduce (PD) con il 41,78% e Raffaello Giulio De Ruggieri (liste civiche) con il 35,35%. Saranno verosimilmente questi due candidati a giocarsi il posto di sindaco fra due settimane.

Decisamente più staccati Angelo Tortorelli (liste civiche) attualmente al 12,50% e Antonio Materdomini (Movimento 5 Stelle) al 7,92%. Appena l’1,52% per Francesco Antonio Vespe (Lista Civica L’Altra Matera) e lo 0,90% per Antonio Cappiello di Noi con Salvini.

20 maggio 2015 - Matera, città che si appresta a divenire, fra quattro anni, Capitale Europea della Cultura, va al voto domenica 31 maggio per scegliere un nuovo sindaco o la conferma di Salvatore Adduce che guida il comune lucano dal 10 aprile 2010.

Elezioni comunali Matera 2015, i candidati

Salvatore Adduce è il sindaco uscente e sembra essere il favorito numero uno visto il sostegno di tre partiti (Pd, Api, Sel) e quattro movimenti civici (Scelgo Matera 2019 con Adduce, Iniziativa democratica, Matera cultura con Adduce, Insieme). Matera 2019 è ovviamente al centro del programma di Adduce: sotto la sua amministrazione la città dei sassi è riuscita a bruciare altre candidature molto forti come quelle di Torino e Ravenna, tanto per rimanere in Italia. Entro quattro anni la città dovrà dotarsi di un teatro in grado di accogliere alcuni degli eventi in programma. Adduce ha dato vita all’iniziativa Invita Salvatore a casa tua, con la quale ogni cittadino può invitare il sindaco a casa sua a pranzo, a cena o anche solo per un caffè, per illustrargli la propria idea di città.

Raffaele De Ruggieri è il candidato sindaco della lista Matera per De Ruggiero sindaco che gli avversari accreditano al centrodestra, mentre il diretto interessato si definisce “ambidestro”, con un solo obiettivo da perseguire: la riqualificazione della città con una politica di impronta cattolico-democratica che motivi le professionalità della macchina comunale attraverso la meritocrazia e non attraverso l’appartenenza. Nella sua lista pezzi di Pd, di Italia dei Valori e dei Socialisti.

Franco Vespe è l’astronomo e politologo materano che guida la lista civica L’altra Matera composta da quattro movimenti politici: Liberiamo la Basilicata, Verdi, Azione Civile (nata dalle ceneri di Rivoluzione Civile di Ingroia) e l’Alternativa di Giulietto Chiesa. Il suo programma mira alla valorizzazione dell’appuntamento del 2019, ma evitando che questo diventi un business di palazzo o strumento per il voto di scambio.

Angelo Tortorelli, presidente della Camera di Commercio è appoggiato da cinque liste. Nicola Benedetto è il candidato sostenuto da due liste civiche. Antonio Mastrodomini è l’uomo del Movimento Cinque Stelle.

Elezioni comunali Matera 2015, come si vota


Nei comuni con più di 15mila abitanti il cittadino può effettuare il voto disgiunto, tracciando contestualmente un segno sul nome di un candidato sindaco non collegato alla lista votata, ed è previsto il ballottaggio nel caso in cui nessuno superi il 50 per cento più uno.
Nei comuni con più di 15 mila abitanti si vota sempre con una sola scheda, sulla quale saranno già riportati i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco e, a fianco di ciascuno, il simbolo o i simboli delle liste che lo appoggiano.
Il cittadino può:
1 - tracciare un segno solo sul simbolo di una lista, assegnando in tal modo la propria preferenza alla lista contrassegnata e al candidato sindaco da quest'ultima appoggiato;
2 - tracciare un segno sul simbolo di una lista, eventualmente indicando anche la preferenza per uno dei candidati alla carica di consigliere appartenenti alla stessa lista, e tracciando contestualmente un segno sul nome di un candidato sindaco non collegato alla lista votata: così facendo si ottiene il cosiddetto "voto disgiunto";
3 - tracciare un segno solo sul nome del sindaco, votando così solo per il candidato Sindaco e non per la lista o le liste a quest'ultimo collegate. È eletto sindaco il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50 per cento più uno). In caso contrario si va al ballottaggio e si torna dunque a votare la seconda domenica successiva.

In questa pagina seguiremo in diretta tutto sulle elezioni amministrative 2015 a Matera, con lo spoglio dei risultati in diretta e tutte le notizie in arrivo dal comune lucano.

matera

Foto | Google Street View

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO