Elezioni regionali 2015: la lista definitiva degli impresentabili

Sono diciassette gli impresentabili della commissione Antimafia, fra loro anche Vincenzo De Luca

ore 14.47 - C’è anche il candidato alla presenza della Campania, Vincenzo Di Luca, nella lista dei 17 candidati impresentabili ufficializzata da Rosy Bindi e stilata dalla commissione parlamentare Antimafia da lei presieduta. I 17 nomi appartengono a candidati in corsa per due regioni: Puglia (4) e Campania (13). “Noi saremmo inadempienti se non facessimo questo lavoro” ha detto Bindi affermando che la lista è stata stilata al termine di un lavoro "lungo e scrupoloso".

Ecco i 13 nomi "campani" che si aggiungono a quelli di Fabio Ladisa, Massimiliano Oggiano, Enzo Palmisano e Giovanni Copertino ufficializzati negli scorsi giorni: il candidato presidente del Pd Vincenzo De Luca, Antonio Ambrosio di Forza Italia, Luciano Passariello di Fratelli d'Italia, Sergio Nappi di Caldoro presidente, Fernando Errico di Ncd, Alessandrina Lonardi di Forza Italia, Francesco Plaitano di Popolari per l'Italia, Antonio Scalzone e Raffaele Viscardi entrambi di Popolari per l'Italia. Poi: Domenico Elefante di Centro democratico-Scelta civica, Biagio Iacolare dell'Udc, Carmela Grimaldi della lista Campania in rete e Alberico Gambino della lista Meloni Fdi.

venerdì 29 maggio, ore 09:34 - La lista degli “impresentabili” stilata dalla commissione parlamentare Antimafia presieduta da Rosy Bindi è attesa per quest’oggi, al termine di uno screening dei 4mila candidati alle elezioni che si svolgeranno nel prossimo week end.

Ieri Raffaele Cantone aveva espresso perplessità sull’iniziativa:

La politica faccia valutazioni su chi sia presentabile e chi impresentabile, la scelta spetta ai cittadini.
Ieri, durante la trasmissione Radio anch’io, Berlusconi aveva sottolineato come il premier Renzi sia pronto a modificare la legge Severino per De Luca, ma non abbia applicato la stessa “clemenza” per il suo caso.

mercoledì 27 maggio, 12:30 - Sembra poter diventare un vero e proprio terremoto politico-giudiziario la pubblicazione della "lista degli impresentabili" in tempo utile giusto per il silenzio elettorale. Oggi il premier-segretario Matteo Renzi, da Perugia, in un comizio in sostegno della candidata presidente Catiuscia Marini, ha difeso il partito cercando di gettare acqua sul fuoco e garantendo l'assoluta "pulizia" delle liste dem.

"Sento parlare di impresentabili, ma sulla legalità non prendiamo lezioni da nessuno. Questo è il Pd, è legalità. C'è chi la combatte a parole, chi con i fatti. [...] Il Pd è il partito che ha fatto la legge anticorruzione con pene per chi ruba molto più dure una legge per cui chi vuole patteggiare deve restituire ciò che ha rubato, il Pd ha rimesso il falso in bilancio che altri avevano tolto, abbiamo fatto l'autoriciclaggio, gli accordi con la Svizzera e il Vaticano, la legge sui reati ambientali e su questo sono pronto al confronto con tutti".

ha dichiarato Renzi. Il Movimento 5 stelle, dal canto suo, accusa il PD di fare polemiche sterili sulla pubblicazione della lista; i deputati M5S della commissione Antimafia hanno così risposto alle accuse mosse loro dagli altri partiti: "Ci domandiamo: chi ci guadagna nel tenere i nomi nascosti fino a venerdì, vale a dire dal giorno d'inizio del silenzio elettorale? Chiaramente il Pd e i loro amati colleghi del centrodestra"

Mercoledì 27 maggio, ore 9:47 - È arrivata una prima lista, parziale, dei candidati impresentabili alle elezioni regionali del 2015, stilata dalla commissione antimafia presieduta da Rosy Bindi. Si tratta di candidati che non sono incandidabili per legge, ma la cui storia giudiziaria non è linea con l\'autoregolamento che i partiti si sono dati. Salvini e Renzi hanno già promesso che non ci sarà nessuno dei loro, e per il momento la lista dà loro ragione.

Per il momento, perché si tratta appunto di una lista parziale di quattro nomi, tutti candidati nelle regionali in Puglia. Da quanto si capisce, la lista completa dovrebbe essere di 17 nomi (tra Campania e Puglia) e venire divulgata entro venerdì, ovvero assolutamente a ridosso del voto. Ecco la lista dei primi quattro impresentabili.

Fabio Ladisa: è un candidato della lista Popolari con Emiliano. Ex tronista, giovane imprenditore, consigliere comunale nella maggioranza di Emiliano accusato di associazione mafiosa (nella foto in fondo con Emiliano, tratta dal suo profilo Facebook).

Massimiliano Oggiano: candidato della lista Oltre di Raffaele Fitto, è accusato di associazione di tipo mafioso e di voto di scambio con metodo mafioso.

Giovanni Copertino: ufficiale del corpo Forestale in congedo, è stato accusato, poi prescritto, di voto di scambio. Presenta nella lista della Poli Bortone, esponente di Forza Italia.

Enzo Palmisano: della lista Movimento politico per Schittulli (il candidato appoggiato da Fitto), anche lui accusato e poi prescritto per voto di scambio.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO