Virus - Il contagio delle idee | Puntata 28 maggio 2015

Virus | La puntata del 28 maggio 2015.

  • 23:54

    Renzi: "Alle Europee, abbiamo preso il 40,8%. Ma le Regionali sono elezioni diverse. Il frutto del nostro lavoro lo vedremo nel 2018". La puntata di stasera termina qui.

  • 23:51

    Renzi: "Voglio rimettere in moto l'economia. Io ho un piano industriale. Da qui al 2018 ci arriviamo e questo paese riparte. I comuni, però, ci devono aiutare. Bisogna spalare tra le macerie che ci hanno lasciato".

  • 23:47

    Renzi: "Oggi abbiamo avuto un taglio di crescita positivo dopo 13 trimestri. Il tasso è di +0,3. Se l'Italia potesse fare come la Francia, noi avremmo 30 miliardi da spendere. Noi abbiamo a che fare con dei limiti che arrivano dall'Europa. Limiti molto stringenti che arrivano dal Fiscal Compact".

  • 23:45

    Renzi: "Lo Stato deve ripensare alla loro spesa ma i comuni non sono tutti allo stesso piano. E' normale che ci siano 8mila municipalizzate? Con un decreto, daremo più libertà ai comuni ma le spese devono essere uguali per tutti i comuni. Bisogna sapere bene dove tagliare".

  • 23:40

    Renzi: "Fassino ha ragione: nel corso degli anni si sono tagliati più soldi ai comuni che a livello centrale. Lo Stato ha bisogno di criteri di spesa più intelligenti".

  • 23:36

    Renzi: "Stiamo lavorando su un Fisco sul telefonino. La tessera sanitaria, il cambio di residenza... Tutto sul telefonino, vogliamo arrivare lì. Nel resto del mondo, queste cose le stanno facendo. In Italia, la politica perde tempo con le urla e le invidie. In questi 3 anni, vogliamo cambiare il paese. Il mondo ha fame dell'Italia".

  • 23:33

    Renzi: "Stiamo rimettendo i fili al loro posto e riaccendendo la corrente. Certo, c'è ancora molto da fare. Sul Fisco, la dichiarazione dei redditi precompilata ancora non funziona come dico io ma è stato fatto un passo in avanti notevole. Il Fisco non deve essere nemico dei cittadini".

  • 23:30

    Renzi: "Un leader non cerca alibi. Cerca soluzione. E' un nostro compito rimuovere gli ostacoli. Dobbiamo fare provvedimenti chiari. Le leggi, dal punto di vista stilistico, sono scritte male. Bisogna semplificare. Non si fa tutto in un giorno. In un anno abbiamo fatto gli 80 euro, abbiamo tolto l'Irap, il divorzio breve, la pubblica amministrazione sta digitalizzando le fatture, abbiamo agito sui reati ambientali. Questo paese può fare il salto che gli altri paesi hanno già fatto. Abbiamo raggiunto risultati importanti".

  • 23:27

    Renzi: "In un anno abbiamo fatto la legge elettorale, il Jobs Act e la legge sulla corruzione". Va in onda un filmato con le dichiarazioni favorevoli di Squinzi sul governo.

  • 23:23

    Renzi: "Chi contesta che sul trasporto pubblico bisogna fare di più ha ragione. Sui sindacati, però, è necessaria una legge sulla rappresentanza sindacale. Cgil, Cisl e Uil facciano quello che vogliono, così come abbiamo ridotto il numero dei politici, diminuiremo i permessi sindacali. Non è un attacco al sindacato, è un aiuto ai sindacati veri".

  • 23:19

    Renzi: "I sindacati hanno diritto di fare sciopero. Per rimettere in moto il turismo, ad esempio, ha bisogno che la metro C di Roma sia completata. Oggi Expo c'è ed è un ritorno straordinario per il paese. Il sistema dei trasporti va migliorato, soprattutto quello locale".

  • 23:13

    Renzi: "La lotta alla criminalità organizzata si fa attraverso gli insediamenti industriali e si fa attraverso un investimento sulle università e sul lavoro. Io sono quello che, a differenza di Salvini e Grillo, prova a rimettere in moto le energie dell'Italia". Va in onda un servizio dedicato ai trasporti.

  • 23:11

    Renzi: "Se De Luca governerà la Campania, farà un lavoro straordinario. Se vincerà Caldoro, ne prenderemo atto. De Luca è candidabile ed eleggibile a livello di legge. Saranno i campani a doversi scegliere il loro presidente".

  • 23:07

    Renzi: "De Luca? La vicenda degli impresentabili riguarda una commissione antimafia che consiglia di non votare alcuni candidati. Nessuno di quelli entrerà in consiglio. De Luca ha un procedimento aperto non passato in giudicato per abuso d'ufficio. De Luca è stato un sindaco straordinario a Salerno".

  • 23:04

    Renzi: "L'Italia in questi anni ha perso un sacco di occasioni. Ci sono due alternative: Salvini e Grillo, che puntano tutto sulla paura. Berlusconi e Salvini, a livello elettorale, sono la stessa cosa. In Liguria e in Campania, chi vota Berlusconi, si prende Salvini. Io non parlo mai male degli avversari. Ci vuole civiltà in Italia".

  • 22:59

    Renzi: "Se avessero fatto il Jobs Act nel 2004, la soluzione sarebbe migliore. Dobbiamo semplificare la pubblica amministrazione, riformare la giustizia civile e abbassare le tasse. Noi rimettiamo questo paese in moto: i politici per 20 anni hanno discusso per motivi squallidi legati a vicende personali".

  • 22:55

    Renzi: "In Liguria, alla fine vinceremo noi. Ma da parte di questa sinistra, c'è un grande regalo a Salvini e Toti. In Liguria era una partita chiusa. C'è una sinistra estremista che sta facendo di tutto per mandare a casa Lella Paita e il PD".

  • 22:52

    Renzi: "La Liguria è incerta. C'è una certa sinistra che va contro di me e favorisce Toti e Salvini. Berlusconi dice sempre le stesse cose. Berlusconi è un biglietto scaduto. Non voglio fare polemica con lui. Voglio parlare di futuro, di un'Italia aperta agli investimenti".

  • 22:49

    Renzi: "Il problema delle regionali è incentrato sulla sanità e sulle infrastrutture di ogni singola regione. E invece se ne fa una questione di chi vince e chi perde. Grillo? Dopo la sua battuta sulla mammografia, avrei paura a lasciare la sanità a lui. Su certe cose, non si scherza. Le regioni non funzionano. Abbiamo iniziato a cambiarle. Io voglio combattere la disoccupazione giovanile".

  • 22:46

    In studio, c'è il premier Matteo Renzi: "Sono stato a Olbia e a Melfi. Più che la campagna elettorale, devo fare il presidente del Consiglio. Stiamo cercando di rimettere in modo l'Italia. Tutto il resto riguarda discussioni degli addetti ai lavori".

  • 22:41

    Berlusconi: "Meno tasse, meno tasse, meno tasse è la sintesi del nostro programma. Io, in 9 anni di governo, non ho mai messo le mani nelle tasche degli italiani". L'intervista a Berlusconi è finita.

  • 22:40

    Berlusconi: "Avrei voluto tornare a fare una campagna elettorale dopo la decisione di Strasburgo sul ricorso del processo per truffa fiscale ma avevo voglia di comunicare questa mia missione. Renzi ha convinto i miei elettori? Sono solo 300mila".

  • 22:37

    Berlusconi: "I moderati sono gli italiani di buon senso, che amano il loro lavoro e che vogliono essere liberi. Se i moderati italiani andassero tutti a votare, per la sinistra non ci sarebbe nulla da fare. Gli italiani, però, devono imparare a votare. Votano per simpatia e non votano con intelligenza. Ci sono tanti moderati disgustati dalla politica che non votano più. Forza Italia ha la missione di convincerli. Non votare è una colpa grave".

  • 22:33

    Berlusconi: "Io ho tentato in varie occasioni di attirare imprenditori e importanti manager in politica. Vengono a cena da me, sono entusiasti ma due giorni dopo cambiano idea. Io li sto ancora cercando. Li conosco praticamente tutti. Il nuovo leader di centrodestra? Le primarie sono manipolabili ma con una legge sicura sulle primarie, le farei. In democrazia, deve decidere la gente. Mi auguro che il centrodestra trovi nuovi leader".

  • 22:28

    Berlusconi: "Luxuria? E' intelligente e simpatico. La posizione di Forza Italia è chiara: abbiamo creato un dipartimento per le Pari Opportunità e l'abbiamo affidato a Mara Carfagna che ha preparato una legge. Tutto ciò non darà fastidio alle famiglie. Non c'è contrasto".

  • 22:26

    Berlusconi: "La mia generazione ha conosciuto la grande guerra. Anch'io l'ho conosciuta. Io sono stato un capofamiglia a 12 anni. Ho portato a termine l'obiettivo di far firmare a Russia e USA un trattato per la fine della Guerra Fredda. Isolare la Russia e creare contrasti con la Russia è una follia".

  • 22:23

    Berlusconi: "Forza Italia si ispira più a Reagen e alla Thatcher che ai leader europei attuali. Putin è il leader numero 1 in Europa. C'è una carenza di leader in Europa che fa paura. Io scongiurai Bush di non fare guerra all'Iraq ma non lo convinsi. Un paese come l'Iraq lo può governare solo un dittatore non sanguinario. Sono preoccupato per l'avvicinamento dell'Isis. L'occidente lo sta sottovalutando. Le sanzioni alla Russia hanno danneggiato le nostre industrie, non erano da votare. Se c'è un paese che può fare da scudo nei confronti del Califfato è la Russia".

  • 22:18

    Berlusconi: "Il risultato di 4-3 sarebbe una conferma della Campania e del Veneto e la conferma della buona scelta fatta con la Liguria. Salvini garantirà alla Lega un buon risultato. La Lega è il partito che mi ha fatto meno disperare. Anche Bossi è diventato più saggio. Salvini o la Meloni, però, non avranno mai i voti per governare".

  • 22:15

    Berlusconi: "Con le liste per le regionali, abbiamo fatto un'innovazione profonda. In politica, ci deve essere una prevalenza quasi totale di persone che vengono dal mondo delle imprese e dal mondo del lavoro. Toti? Penso che vincerà. In Liguria, con la sinistra, i cittadini hanno tasse altissime. Non hanno nemmeno usato i soldi per evitare le alluvioni".

  • 22:09

    Berlusconi: "Renzi guarda ai propri interessi e al proprio tornaconto come ogni politico di mestiere. Anche noi li abbiamo avuti e quando se ne sono andati, ci hanno tolto un peso. Fitto? Quando se n'è andato, abbiamo detto menomale". Va in onda un servizio dedicato al partito repubblicano statunitense.

  • 22:05

    Berlusconi: "Su De Luca, sono un garantista e non ho mai detto una parola. Mi sono astenuto. Quello che Renzi sta producendo, non convince più. Renzi si è catapultato a Palazzo Chigi e ha tenuto occupato il governo per una legge elettorale valida per il 2018. Il patto del Nazareno non era un contratto ma un metodo per le leggi importanti. Renzi, però, impose 17 modifiche a questo patto e noi cominciammo a dubitare di questo metodo".

  • 22:02

    Berlusconi: "I processi sono gironi infernali. Si ha la vita rovinata. Avevamo fatto una legge ma la Corte Costituzionale la cancellò. La magistratura mi ha perseguitato con 65 processi e mi ha visto sempre come un nemico da battere. Ho speso 565 milioni di euro in avvocati".

  • 21:58

    Va in onda un servizio dedicato alle imprese. Berlusconi: "La rivoluzione liberale è l'unico modo per modernizzare il paese. Poi occorre una profonda riforma fiscale e una riforma della magistratura. Io, nel '94, avevo le idee chiare e le leggi pronte ma sono stato fatto fuori. Anche nel 2001 e nel 2006, non sono riuscite a farle per colpa dei partiti piccoli nella mia coalizione, dei tre capi di Stato di sinistra ostili e della Corte Costituzione con 11 elementi di centrosinistra".

  • 21:48

    Berlusconi: "La casa è sacra. Le conseguenze della tassa sulla casa sono state due: posti di lavoro persi e diminuzione di valore delle case in Italia. Quando si governa, ci sono tante difficoltà. Io non mi sono mai adattato a quello che voleva l'Europa. Io ho fatto eleggere Mario Draghi. Non sono riuscito ad evitare una guerra in Libia perché c'era una carenza di leadership. Io avevo addomesticato Gheddafi e lui aveva acconsentito. Era un personaggio strano ma non cattivo, mi aveva regalato tre cammelli. In Libia, i cittadini avevano la casa e l'acqua gratis ma mancavano la tv e i giornali. Uno dei tre capi di Stato che ho avuto decise per l'intervento in Libia e io come premier non ho potuto oppormi".

  • 21:42

    Berlusconi: "L'Europa si è trasformata in un'entita burocratica suggestionata dalla Germania. La sinistra, nella sua cultura, ha come traguardo il mantenimento e l'espansione del potere. Se espandi la spesa pubblica, è normale che le tasse si alzano. Toglierei la tassa sulla casa e sulle successioni".

  • 21:40

    Berlusconi: "Guardando la pressione fiscale di oggi e le spese già stabilite per l'anno prossimo, la pressione rischia di arrivare al 45%. Io sostengo il mio vangelo liberista: meno tasse producono più consumi, più produzione per le imprese e più posti di lavoro".

  • 21:36

    Berlusconi: "Sono curioso verso Internet che è la scoperta più importante della storia dell'uomo. Internet ha sconvolto tutto. La mia generazione è quasi preoccupata e stupita da Internet. Non so se questa cosa porta voti. I risultati ottenuti con Instagram mi fanno piacere".

  • 21:32

    Silvio Berlusconi è in studio: "Non mi sarei mai aspettato di rimanere in politica per così tanti anni. Io sono un imprenditore. Nel '94, scesi in campo per un senso di dovere. Avvenne un miracolo che ci portò al governo in soli due mesi. Poi c'è stata un'alternanza con la sinistra. Oggi la sinistra è al governo e i provvedimenti di questo governo preoccupano molto. Oggi abbiamo davanti a noi una sinistra diversa che non sa applicare all'economia le ricette giusto per lo sviluppo".

  • 21:29

    Inizio trasmissione. La puntata di stasera inizia con un filmato riguardante i due ospiti di stasera: Renzi e Berlusconi. L'editoriale di Nicola Porro: "22 milioni di italiani andrano a votare tra pochi giorni. Parleremo con Renzi e Berlusconi di cose concrete e reali".

Virus - Il contagio delle idee | Puntata 28 maggio 2015 | In diretta dalle ore 21:10

virus 21 5 15 6

Virus - Il contagio delle idee è un programma d'approfondimento giornalistico, in onda su Rai 2 ogni giovedì a partire dalle ore 21:10, condotto dal giornalista Nicola Porro.

Il programma, oltre ai consueti dibattiti con gli ospiti in studio e in collegamento, è composto dalle consuete rubriche: il Fact-Checking di Pagella Politica, la Social Room con Greta Mauro, la lezione d'arte con Vittorio Sgarbi e la classica intervista di Nicola Porro in chiusura di puntata.

Virus | Rai 2 | Anticipazioni puntata 28 maggio 2015


Questa sera andrà in onda una puntata speciale del programma condotto da Nicola Porro.

I protagonisti di questa puntata, infatti, saranno il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi.

A pochi giorni dalle elezioni che si terranno in sette regioni d'Italia (Puglia, Campania, Toscana, Liguria, Veneto, Marche e Umbria), il premier e il leader del partito del centrodestra verranno intervistati a turno dal conduttore del programma.

Virus | Rai 2 | Puntata 28 maggio 2015 | Il mancato confronto Berlusconi - Renzi

Come già anticipato, Renzi e Berlusconi verranno intervistati separatamente dal conduttore del programma Nicola Porro.

Stando a quanto pubblicato da La Repubblica, Silvio Berlusconi avrebbe rifiutato la proposta di un confronto avanzatagli direttamente da Matteo Renzi.

Berlusconi ha risposto con queste dichiarazioni pubblicate da Rai News:

Io non ho fatto saltare nessun confronto, a me è stato proposta una intervista a Virus che ho accettato volentieri, successivamente è venuto fuori che anche Renzi sarebbe stato presente nella stessa serata. Io non credo che i confronti possano farsi anche per l'importanza del momento, prima di elezioni regionali che possono essere determinanti, senza che ci sia un minimo di preparazione e regole, che garantiscono alle parti la possibilità di un confronto alla pari. Non mi è stata fatta alcuna offerta, ci sarà il modo di incontrare il signor Renzi. Io non ho timore nel farlo, anzi. Mi piacerebbe poterlo fare.

Virus | Rai 2 | Dove vederlo


Virus - Il contagio delle idee va in onda questa sera su Rai 2 a partire dalle ore 21:10.

In streaming, il programma è visibile sul sito Rai.tv.

La puntata intera sarà disponibile il giorno dopo sempre sul sito Rai.tv, nella sezione Rai Replay.

Il programma andrà in onda anche su Periscope.

Virus | Rai 2 | Second Screen


Il programma di Nicola Porro ha un sito ufficiale.

Virus - Il contagio delle idee è presente anche su Facebook con una pagina ufficiale

La trasmissione ha anche un account ufficiale su Twitter.

Durante la messa in onda del programma, sarà possibile esprimersi a favore di uno dei due ospiti in studio attraverso gli hashtag che verranno comunicati in puntata.

Per il liveblogging, invece, il consueto appuntamento è su Polisblog, magazine di Blogo, a partire dalle ore 21:10.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO