Mafia Capitale 2, Orfini: "Marino e Zingaretti baluardo della legalità"

Alessandro Di Battista del MoVimento 5 Stelle chiama in causa il Presidente del Pd Matteo Orfini che era stato nominato commissario del partito nella Capitale.

Ignazio Marino e Mafia Capitale 2

Il Presidente del Pd Matteo Orfini ha tenuto una conferenza stampa dopo un incontro con i vicesegretari Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini, lo stesso sindaco di Roma e il governatore del Lazio Nicola Zingaretti. Orfini ha parlato del nuovo capitolo dell'inchiesta Mondo di Mezzo e ha detto:

"Le amministrazioni di Marino e Zingaretti sono state un baluardo della legalità e quanto sta accadendo è anche dovuto alle loro denunce e delle azioni che loro hanno messo in campo. La Procura ha sempre avuto il Pd al suo fianco e ha trovato in noi una sponda. Va ricostruita la vicenda. Qualcuno nel nostro partito ha ceduto e dovrà pagare il suo debito con la giustizia, non è degno di stare nel Pd, chi si è fatto corrompere deve sparire dalla vita politica. Non ci sono le condizioni per sciogliere la giunta. Marino non deve dimettersi, deve andare avanti"

Matteo Salvini: "Marino si dimetta"


Si apre un nuovo capitolo nell'inchiesta della Procura di Roma denominata "Mondo di Mezzo", ma nota ai media come "Mafia Capitale" e si avvia anche una nuova polemica intorno al Pd e al sindaco Ignazio Marino.

#MafiaCapitale è subito diventato trend topic su Twitter, addirittura al primo posto tra gli hashtag più twittati. Sull'argomento non ha perso occasione di intervenire il leader della Leaga, Matteo Salvini, che tuttavia come hashtag preferisci i suoi soliti #Immigrati e #Salvini

Ma oltre a ripetere il suo refrain di fermare subito le partenze e gli sbarbi e bloccare tutti gli appalti, Salvini ha anche parlato ad Affaritaliani.it chiedendo le dimissioni del sindaco di Roma Ignazio Marino:

"Che cos'altro deve accadere perché Marino se ne vada e si torni alle urne? Marino deve dimettersi subito, tornando al voto al più presto, ma il governo dovrebbe rispondere. C'è un'interrogazione parlamentare della Lega del dicembre scorso sul centro immigrati di Mineo e adesso emergono porcherie proprio su quel centro. Marino a casa e il governo risponda in Aula"

Salvini ha anche confermato che in caso di nuove elezioni al Comune di Roma ci sarà di sicuro la lista NoiConSalvini.
E da un Matteo a un altro: Orfini, nello specifico, Presidente del Pd che lo scorso dicembre, appena scoppiò lo scandalo Mafia Capitale, fu nominato dal segretario Matteo Renzi commissario straordinario del Pd romano. Contro di lui si scaglia subito Alessandro Di Battista del MoVimento 5 Stelle

Nonostante il tag Orfini però non ha risposto a Di Battista, né a nessun altro, così come non ha ancora commentato la vicenda il segretario del Pd nonché Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi.

Ha invece subito replicato Ignazio Marino, che ha detto:

"Dimissioni? Continuiamo in questo modo. Stiamo cambiando tutto, non c'è nessun personaggio della mia giunta. Una politica antica, non solo nei metodi ma anche nei contenuti, e in alcuni casi gravemente colpevole, è stata allontanata da me con l'azione amministrativa. Credo che la politica nel passato abbia dato un cattivo esempio ma oggi sia in Campidoglio che in alcune aree come Ostia abbiamo persone perbene che vogliono ridare la qualità di vita e tutti i diritti e la dignità che la Capitale merita. Sono estremamente orgoglioso e felice del lavoro del procuratore Pignatone che, dal suo punto di vista e per la sua area di lavoro, sta svolgendo lo stesso tipo di compito che noi stiamo facendo dal punto di vista amministrativo"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO