Papa Francesco: "Le persecuzioni contro i cristiani sotto gli occhi e nel silenzio di tutti"

Il Pontefice oggi ha celebrato la festa dei Santi Pietro e Paolo nella Basilica Vaticana.

Papa Francesco su persecuzione dei cristiani

Si celebra oggi la festa dei Santi Pietro e Paolo, molto sentita soprattutto nella Capitale, e Papa Francesco ha tenuto un'omelia nella Basilica Vaticana con 46 arcivescovi metropoliti provenienti da tutto il mondo ed eletti negli ultimi 12 mesi. Alla celebrazione erano presente anche una delegazione del patriarcato ecumenico di Costantinopoli con il metropolita di Pergamo Giovanni Zizioulas, il metropolita di Silyvria Maximos e padre Heikki Huttunen della chiesa ortodossa finlandese.

Mentre commentava in passo degli Atti degli Apostoli in cui si parla della prima comunità cristiana assediata dalla persecuzione da parte di Erode, che fece uccidere Giacomo, fratello di Giovanni, e fece arrestare Pietro, il Papa ha parlato delle persecuzioni ai danni dei cristiani che ci sono ancora oggi:

"Le atroci, disumane e inspiegabili persecuzioni, purtroppo ancora oggi presenti in tante parti del mondo, spesso sono sotto gli occhi e nel silenzio di tutti"

Il Papa, sull'argomento scelto per questa giornata, ha voluto esprimere la sua venerazione nei confronti degli Apostoli e della prima comunità cristiana perché hanno portato avanti l'opera di evangelizzazione senza paura della morte e del martirio, in un contesto sociale pagano, poi ha ricordato come le catacombe fossero prima di tutto un luogo di preghiera e non solo un mezzo per sfuggire alle persecuzioni, poi ha aggiunto:

"Oggi non c'è tanto bisogno di maestri, ma di testimoni coraggiosi, convinti e convincenti, che non si vergognano di Cristo e della sua Croce né di fronte ai leoni ruggenti né davanti alle potenze di questo mondo"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO