Eurogruppo oggi, 16 luglio 2015: accordo sul prestito ponte

Eurogruppo oggi 16 luglio 2015

16 luglio 2015 - 12.59: I 28 paesi Ue hanno raggiunto un accordo e sono pronti a versare alla Grecia un prestito ponte di 7 miliardi che le consenta di evitare il default. Sono le prime conseguenze del voto in Parlamento di ieri, anche se per il momento si tratta di un'indiscrezione dell'agenzia Bloomberg e l'annuncio ufficiale sarà dato solo domani. Un portavoce della Commissione Ue, Annika Breithardt, ha fatto sapere che il voto del parlamento "è stato un passo importante, una maggioranza larga ha sostenuto il pacchetto in tempo e in modo soddisfacente".

14 luglio 2015 - 14.30: oggi si è riunito l'ECOFIN (cioè, semplificando, una sorta di Eurogruppo in versione allargata, con tutti i Ministri delle Finanze dei Paesi dell'Unione europea, anche quelli che non adottano l'Euro). Nel corso della riunione si è parlato a lungo del prestito ponte che si dovrebbe erogare alla Grecia per consentire al paese di onorare la rata del prestito dovuta alla BCE il 20 luglio.

Non si è ancora trovata alcuna soluzione. «Sono stati espressi dubbi da parte di stati non-Euro», ha spiegato il vice-president Dombrovskis.

E anche dall'immancabile Wolfgang Schäuble
. Insomma, se si parlava di un accordo raggiunto, la verità è che dopo l'abbuffata mediatica la crisi greca è ben lontana dall'essere risolta. Anzi, siamo solo all'inizio.

Eurogruppo 13 luglio 2015

Eurogruppo 12 luglio 2015

18:45 - La riunione odierna dell'Eurogruppo si è conclusa. Il ministro dell'Economia italiana Pier Carlo Padoan in questo momento è in conferenza stampa e sta spiegando che si è discusso tra la possibilità che il prestito ponte possa appoggiarsi ad accordi bilaterali, ipotesi che lui non condivide ritenendo che invece il prestito debba essere europeo.

Durante l'incontro di oggi Jereon Dijsselbloem è stato rieletto presidente dell'Eurogruppo, resterà dunque in carica per due anni e mezzo.

13 luglio 2015 - Dopo il raggiungimento dell'accordo raggiunto all'unimità dall'Eurosummit, l'Eurogruppo tornerà a riunirsi oggi pomeriggio, alle ore 15, e discuterà del prestito ponte che dovrebbe permettere al governo greco di pagare entro il 20 luglio la rata di 3,6 miliardi alla Banca Centrale Europea. In totale il prestito ponte alla Grecia dovrebbe ammontare a 7 miliardi di euro entro il 20 luglio più altri cinque entro la metà di agosto.

Eurogruppo 12 luglio, nessun accordo


13.00

– L'Eurogruppo del 12 luglio 2015 è finito senza che i Ministri delle Finanze dei paesi dell'Eurozona riuscissero a trovare alcun accordo sulla proposta di "salvataggio" della Grecia.

12 luglio 2015 – Ore 9.00 – Si ricomincia con il rito degli arrivi dei Ministri delle Finanze a Bruxelles, dove l'Eurogroppo continua, dopo le nove ore di ieri che non hanno portato ad alcun accordo.

Cosa succederà oggi? Riusciranno, i Ministri delle Finanze dei vari stati Euro a trovare un compromesso da passare all'Euro Summit e al Brussels Group, oppure si procederà a oltranza passando la palla ai capi di stato?

Eurogruppo dell'11 luglio 2015

grecia-eurogruppo-11-07-2015.jpg

23.59 – L'Eurogruppo dell'11 luglio finisce con un nulla di fatto.

L'Eurogruppo di oggi, 11 luglio 2015, è senza dubbio uno dei più attesi di sempre. Anche l'attenzione mediatica per il gruppo informale dei Ministri delle Finanze dei paesi membri dell'Euro è stata raramente così alta.

All'ordine del giorno di questa riunione straordinaria c'è una cosa sola: la discussione a proposito della proposta greca per il nuovo piano d'aiuti. Le misure di austerità e le riforme offerte sul piatto dal governo Tsipras da una parte, la necessità di ristrutturare il debito greco e di iniettare un piano di investimenti nell'economia ellenica dall'altra. Le due parti che si fronteggiano: i falchi capitanati dal tedesco Wolfgang Schäuble, le colombe capitanate dal francese Michel Sapin. I primi disposti al Grexit. I secondi no.

Alla spicciolata, tutti i protagonisti di questa vicenda cominciano ad arrivare. Il primo è stato, guarda caso, Euclid Tsakalotos.

Il Presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem arrivando alla riunione di oggi ha detto che l'incontro di oggi sarà abbastanza difficile perché "ancora non ci siamo, ci sono molte critiche alle proposte greche sulla sostanza e un grosso problema di fiducia". Sulla stessa lunghezza d'onda il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble che detto:

"Non vedo come potremo raggiungere facilmente un accordo: il Governo greco ha fatto di tutto per minare la fiducia"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO