Cina, campagna "anti-corruzione": Xi Jinping epura ancora un funzionario di alto rango

gettyimages-179480220.jpg

La campagna anti-corruzione del presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, ha prodotto una nuova "vittima". Si tratta del noto funzionario Ling Jihua, ex braccio destro dell'ex presidente Hu Jintao, che è accusato di abuso di potere e corruzione. A riportare la notizia è anche la Bbc inglese.

Ling Jihua sarà presto giudicato da un tribunale, ma, come sempre in questi casi, è difficile pensare che sarà assolto. I media cinesi dicono che avrebbe preso tangenti e che sarebbe stato coinvolto in abusi sessuali. Inoltre, gli organi di stampa di Pechino, per screditare la sua persona, hanno ricordato che Ling passò agli onori della cronaca nel 2012, quando tentò di coprire lo scandalo che coinvolse suo figlio. Quest'ultimo si schiantò con una Ferrari con due donne nude a bordo.

In verità, le ragioni dell'epurazione restano oscure, anche perché non c'è stato alcun segnale che abbia indicato contrasti tra Ling a Xi Jinping. Inoltre, l'ex funzionario proveniva dalla Lega dei Giovani Comunisti, che non ha mai assunto posizioni eterodosse rispetto alla leadership del paese.

L'espulsione di Ling segue quella di altri di due nomi illustri. Ad aprile, infatti, è stato incriminato l'ex capo dei servizi sicurezza, Zhou Yongkang, e precedentemente è stato condannato all'ergastolo Bo Xilai, il rampante ex ministro del commercio. Tali episodi si inseriscono nella cosiddetta campagna contro le "tigri" e le "mosche", epiteti che nel gergo del partito comunista indicano i funzionari di rango superiore e quelli di rango inferiore. La campagna fu lanciata da Xi nel 2012 e, nelle sue intenzioni, era uno strumento per propagandare l'integrità morale della Cina nei confronti del mondo intero. Fino ad oggi sono stato indagati circa 250mila funzionari.

Intanto, come evidenziato dal Wall Street Journal, lo scorso 1°luglio, per le celebrazioni della fondazione del Partito comunista cinese, il presidente ha incontrato ed encomiato 102 eminenti segretari di partito regionali (selezionati su 2.800 totali). Scrive a tale riguardo il giornale newyorkese: "Sono passati vent'anni da quando il Partito ha reso onore agli ultimi segretari regionali di partito. La rinnovata attenzione alla performance dei leader regionali mostra che Xi fa leva sui funzionari locali affinché svolgano un ruolo centrale nell'attuazione del suo programma. La realizzazione delle visioni e degli obiettivi della sua amministrazione dipende dall'impegno di questi quadri".

Come specificato anche dalla rivista eastonline, l'obiettivo di Xi è quello di creare una capillare struttura di potere su cui contare, in modo da spegnere qualsiasi possibilità di opposizione interna.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO