Wikileaks: “La Nsa spiava politici e aziende in Giappone”

Dal settembre 2006 al settembre 2007 la Nsa ha spiato i vertici della politica, dell’economia e della finanza del Giappone. Rischia di avere effetti esplosivi per i rapporti fra i due Paesi la nuova rivelazione di Wikileaks secondo la quale l’intelligence Usa avrebbe spiato alcuni centri nevralgici del Giappone, dal gabinetto dell’allora premier Shinzo Abe alla Banca centrale e il suo governatore, dalla Natural Gas Division della Mitsubishi alla Petroleum Division della Mitsu, in tutto 35 target.

A Washington c’erea una conoscenza approfondita delle delibere interne del Giappone, su temi commerciali, nucleari e di politiche di cambiamenti climatici, sotto monitoraggio erano sia i ministri che i funzionari del governo di Abe.

Da Tokyo non è giunta alcuna reazione, ma sembra evidente che le rivelazioni dell’organizzazione di Julian Assange potrebbero essere un ostacolo al tentativo di accordo sulla partnership trans-pacifica TPP per abbattere le tariffe al commercio fra Usa, Giappone e altri 10 Paesi. E non a caso uno degli obiettivi della Nsa era proprio quello di spiare il commercio. Insomma la stessa cosa che succedeva con i partner europei pronti a siglare il TTIP con l’“alleato” americano che ne spiava le mosse con l’alibi fornito dalla lotta al terrorismo.

Via | Business Insider

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO