Elezioni politiche Portogallo 2015, risultati: vince il centrodestra, ma senza maggioranza assoluta

5 ottobre - La coalizione di centrodestra - pro-Europa e pro-austerity - Portugal a Fronte guidata dal premier Pedro Passos Coelho ha conquistato una netta vittoria, ma senza riuscire a ottenere la maggioranza assoluta dei seggi. Affluenza in lieve aumento rispetto al 2011, ma sempre molto bassa e attorno al 50%.

Non si può comunque parlare di trionfo, il centrodestra ha ottenuto il 38,55% dei voti, i socialisti sono arrivati al 32,38%. Il che significa che la maggioranza assoluta dei 116 parlamentari viene a mancare: Portugal a Frente arriva al 104 seggi, mentre il partito Socialista si ferma a 85.

Adesso c'è l'incognita su come formare il governo, vista che i socialisti non sembrano disposti a permettere la formazione di un governo di minoranza. La palla adesso passa al presidente Anibal Cavaco Silva.

Elezioni politiche Portogallo 2015: i risultati

21.00 - I seggi sono ufficialmente chiusi in tutto il Portogallo e nell’arcipelago delle Azzorre e la conta dei voti è già iniziata.

I risultati saranno diffusi nelle prossime ore dal Ministero dell’Interno portoghese.

19.30 - A meno di mezz’ora dalla chiusura dei seggi in Portogallo - alle 19, ora locale - i dati dell’affluenza smentiscono le voci secondo le quali si sarebbe registrato un minimo storico, pur trattandosi di cifre molto basse. Alle 16 si era presentato a votare il 44,38% degli aventi diritto, quasi tre punti in più rispetto allo stesso orario nel 2011, quando solo il 41,98% degli aventi diritti aveva espresso la propria preferenza.

17.20 - Le operazioni di voto proseguono con regolarità, ma al momento non sono stati diffusi i dati dell’affluenza. Si teme comunque un’affluenza ai minimi storici, ancora meno di quella record del 2011.

I seggi resteranno aperti fino alle 19 di oggi, ma i primi risultati non arriveranno prima di un’ora dopo, visto che bisognerà attendere la chiusura dei seggi anche all’arcipelago delle Azzorre, che ha un fuso orario differente.

4 ottobre 2015 - Seggi aperti questa mattina in Portogallo, con circa 10 milioni di elettori chiamati oggi a rinnovare l’Assemblea della Repubblica. Gli ultimi sondaggi, in linea con quanto anticipato nei giorni scorsi, confermerebbero che difficilmente si riuscirà a ottenere un quadro di stabilità.

La coalizione conservatrice Portogallo Avanti, formata dal Partito Socialdemocratico e dal Partito Popolare, potrebbe ottenere il 37,5% delle preferenze, mentre l’opposizione, rappresentata dal Partito Socialista di Antonio Costa, si fermerebbe al 32,5% dei voti. Nessuna maggioranza assoluta, insomma, e rischio molto concreto di governo minoritario che difficilmente riuscirà a governare a lungo.

Le operazioni di voto proseguiranno fino alle 19 di oggi.

Elezioni politiche Portogallo 2015: Nei sondaggi avanti il Centrodestra

Domenica prossima, 4 ottobre 2015, il Portogallo andrà alle urne per il rinnovo dell'Assemblea della Repubblica (il Parlamento). Il Primo Ministro in carica, Pedro Passos Coelho, che ha applicato durante il suo mandato pesanti politiche di austerity, fino a qualche tempo fa si trovava in una situazione molto complicata nei sondaggi, tanto che alcuni parlavano già della fine di un ciclo politico. Ma nelle ultime settimane qualcosa è cambiato, e attualmente è difficile stabilire quali saranno i possibili scenari post-voto.

Secondo Aximage, la coalizione conservatrice Portogallo Avanti, che comprende il Partito Socialdemocratico e il Partito Popolare, sarebbe al 38,4% dei consensi. La principale formazione di opposizione, il Partito Socialista, guidato da António Costa, riuscirebbe invece ad ottenere solo il 31,8%.

Gli altri partiti in competizione sono molto più indietro. Il Partito Comunista, che presenta come leader Jerónimo de Sousa, si attesterebbe all'8,4%, mentre il Blocco di Sinistra, formazione modello Syriza che candida Catarina Martins, viene dato al 7,1%.

In ogni caso, per Coelho non sarà facile mettere insieme una maggioranza: per governare sono necessari 116 seggi e in Portogallo vige il sistema proporzionale. Dunque, alla luce dei sondaggi, le ipotesi in campo per la formazione di un nuovo esecutivo sono attualmente due. La prima, la più accreditata, è che si dia vita ad un governo di coalizione. L'altra è che i partiti di sinistra si alleino per far nascere un governo progressista.

Ma perché Costa, per molti mesi in vantaggio nei sondaggi, avrebbe perso di colpo il suo appeal sull'elettorato? Per gli analisti, i cittadini sarebbero spaventati dall'introduzione di nuove tasse da parte dei socialisti, proprio ora che si registrano timidi segnali di ripresa. Non bisogna sottovalutare, poi, nemmeno l' "effetto depressivo" dalla vicenda greca.

In gennaio, dopo la prima vittoria di Syriza, Costa si era detto pronto a collaborare con Tsipras contro le politiche di Bruxelles. In questo modo, il leader dell'opposizione ha tolto voti alla sinistra radicale, non prevedendo però quello che sarebbe accaduto dopo. Come è noto, il governo ellenico in estate ha accettato un memorandum durissimo, non portando a casa i risultati sperati. Così il politico socialista ha dovuto fare i conti con una certa disillusione del suo elettorato e ha cominciato a non spingersi troppo oltre con le promesse, temperando i toni sull'Eurozona.

Tuttavia i problemi del Portogallo non sono affatto superati. Se è vero che le previsioni sul Pil sono buone e che la disoccupazione è sensibilmente calata (ora è al 14%), d'altro canto l'aumento della povertà, provocata dalla diminuzione dei salari e dai tagli al Welfare, e le difficoltà delle imprese (in particolare quelle del settore alberghiero e della ristorazione) sono nodi ancora da sciogliere.

Inoltre, segnaliamo che i dati moderatamente positivi sull'occupazione sono da prendere con le molle. I numeri vanno letti anche alla luce del forte fenomeno migratorio provocato dalle "cure" della Troika. Dal 2011 ad oggi, infatti, circa 200mila portoghesi (su una popolazione di 10 milioni di abitanti) ha lasciato il paese.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO