Nobel per la Pace 2015 al Quartetto del Dialogo nazionale in Tunisia

11.30 - Dal testo che motiva il Nobel per la pace 2015 al Quartetto del Dialogo nazionale in Tunisia si legge:

"nell’estate del 2013, quando il processo di democratizzazione rischiava di arrestarsi per una serie omicidi politici e un diffuso malessere sociale, il quartetto ha dato vita a un processo politico pacifico alternativo in un momento in cui il Paese era sull’orlo della guerra civile [Ed è stato] determinante per consentire alla Tunisia, nel giro di pochi anni, di creare un sistema costituzionale di governo che garantisce i diritti fondamentali di un’intera popolazione, a prescindere dal sesso dalle convinzioni politiche e dal credo religioso"

11.20 - Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la politica estera Ue, ha commentato il premio al Quartetto su Twitter: "L’assegnazione del Nobel per la pace al Quartetto per il dialogo nazionale in Tunisia mostra la via d’uscita della crisi nella regione: unità nazionale e democrazia".

11.00 - Il Premio Nobel per la Pace 2015 è andato a National Dialogue Quartet in Tunisia. Ad annunciarlo è stata Kaci Kullmann Five, la presidente del Comitato norvegese per il premio. Le candidature pervenute in questa edizione sono state 273 candidature, tra cui 68 organizzazioni e 205 persone.

Il “Quartetto del Dialogo nazionale tunisino” ha vinto il Nobel per la Pace 2015 “per il suo contributo determinante nella costruzione di una democrazia pluralista in Tunisia in seguito alla Rivoluzione dei Gelsomini”.

Il quartetto è composto da quattro organizzazioni della società civile: il sindacato generale dei lavoratori Ugtt, il sindacato patronale Utica, l'Ordine degli avvocati e la Lega Tunisina per i Diritti Umani.

Un premio fortemente connotato a livello politico, in un momento difficile per la democrazia tunisina che deve far fronte a problemi economici e al terrorismo islamista. Ricordiamo a tale riguardo il recente attentato al Museo del Bardo.

9 ottobre 2015 - Oslo- Tra qualche minuto, alle 11.00, sarà annunciato il vincitore del Premio Nobel per la Pace 2015. A farlo sarà Kaci Kullmann Five, la presidente del Comitato norvegese per il premio. Come sempre, c'è molto attesa e c'è grande segretezza intorno al nome della persona o dell'organizzazione che otterrà il riconoscimento, accompagnato da un premio in denaro di poco meno di 1 milione di euro.

Nobel per la Pace 2015: chi sarà il vincitore?

Il Comitato per il Nobel per la pace 2015, quest'anno, ha ricevuto 273 candidature, tra cui 68 organizzazioni e 205 persone.

Tra i papabili, secondo le cronache dei giornali, c'erano la Cancelliera tedesca Angela Merkel per la sua attività di mediazione nel conflitto in Ucraina e per avere aperto le porte della Germania e ai migranti. Tuttavia secondo un sondaggio pubblicato oggi dal quotidiano Handelsblatt, la maggioranza dei tedeschi non sarebbe contenta dell'assegnazione del riconoscimento alla premier, perché in disaccordo con le sue politiche sui rifugiati.

Un altro nome che circola è quello di Papa Francesco, per il suo impegno nel dialogo tra Israele e Palestina e tra Cuba e gli Stati Uniti. Ma anche per l'atteggiamento di dialogo assunto dal Pontefice nei confronti delle altre confessioni religiose.

Ritorna anche tra i favoriti il nome di Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa, per l'impegno dimostrato nell'accoglienza dei profughi. Sempre riguardo allo stesso tema, non è escluso che il premio vada quest'anno all'organizzazione Unhcr o al prete eritreo Mussie Zerai.

Quest'anno è stato ratificato anche il Patto sul nucleare tra Usa e Iran. Per questo motivo il Segretario di Stato americano, John Kerry, e il suo omologo iraniano, Mohammad Javad Zarif, potrebbero ottenere il Nobel insieme.

Altri nomi che circolano sono quelli del ginecologo congolese Denis Mukwege (per il lavoro svolto con le vittime di violenza sessuale nel suo paese), di Victor Ochen, attivista 33enne dell'Uganda e di Dawn Engle e Ivan Suvanjieff, fondatori PeaceJam.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO