Ballarò, puntata 13 ottobre 2015: tutte le dichiarazioni degli ospiti

Stasera in diretta la sesta puntata di Ballarò.

ballaro-6-ottobre-2015-diretta-editoriale.png

Ballarò, puntata 13 ottobre 2015: diretta

  • 21.10

    Comincia la puntata di Ballarò. Editoriale di Giannini: "Da Gomorra a Suburra il passo è breve. Non solo la criminalità al Sud, non solo Mafia Capitale, ma Roma si ritrova anche senza sindaco". Ospite dell'anteprima per promuovere Suburra (film di Stefano Sollima da domani al cinema) ClaudioAmendola che scherza con Giannini sulla coincidenza dell'uscita del film con le ultime vicende. L'inviato Pappajanni è a Milano per parlare dello scandalo tangenti in sanità e dell'arresto del vicepresidente della Regione Mantovani.

  • 21.20

    Giannini racconta delle dimissioni di Marino che non ha accettato l'invito e quindi in studio si ospita la sua bici simbolo. Mah. A seguire, la copertina di Alessandro Poggi sui fatti politici della settimana.

  • 21.25

    I primi ospiti sono Orfini e De Bortoli. Orfini: "Abolizione del Senato voluta in primis dal Pd, poi i voti di una parte dell'opposizione, tra cui Verdini che sta all'opposizione". Poi sul caso Marino: "Certo, le dimissioni di Marino sono sconfitta del PD. L'abbiamo anche difeso, meglio lasciare che incapunirsi. Le abbiamo provate tutte contro tutti. Ha fatto anche cose buone, ma ha commesso ultimamente una serie di errori. Questa vicenda non chiarita degli scontrini ha rotto ancora di più la fiducia con la città. Non parliamo di sciocchezze e per un sindaco che aveva fatto della legalità la sua bandiera è ancor più grave. Io non gli consento di dire che dopo di lui tornerà la mafia. La lotta alla mafia di Ostia è iniziata prima, quando da commissario del Pd mando Esposito a Ostia".

  • 21.35

    Orfini sottolinea la sua opera su Roma: l'aver eliminato tanti circoli del Pd definiti non funzionanti. Servizio della Fagnani sulla situazione dei rifiuti e dei trasporti della Capitale, gestite dalle aziende Ama e Atac.

  • 21.45

    Orfini: "L'assessore Esposito ha chiesto all'Anac di fare indagini sugli appalti dell'Atac e ha portato in Procura un dossier. Si aprirà un nuovo filone". Sugli scenari aperti dalle dimissioni di Marino: "Ci sarà sicuramente un commissario. Dobbiamo essere pronti per il Giubileo che inizia l'8 dicembre. Si andrà a votare maggio - giugno. Nel sondaggio nessun nome del PD. Nelle amministrative si dice sempre che il #Pd è messo male e poi vinciamo. Faremo le primarie. A Roma messo in sicurezza il Giubileo poi lavoreremo. Vorrei che arrivassimo alle elezioni con una coalizione come quella con cui ha vinto Marino. Perché non mi candido io? Perché davanti ai poteri da commissario non potrei mai fare il sindaco".

  • 21.50

    De Bortoli: "Hanno difeso Marino perché temono i 5stelle".

  • 21.54

    Torna Amendola per parlare di Suburra: "La suburra è da 2mila anni il punto dove si incrociano i poteri. Dove i patrizi andavano per lupanari a cercare sollazzo. E questa è un'abitudine che a Roma non si è mai persa, anche nella Roma papalina, quella del dopoguerra. Il crocevia del potere si incontra nei ristoranti. Non si spara più ma si mette la firma su una legge". Sulle dimissioni di Marino: "Il PD ha una responsabilità enorme in questo senso. Orfini non mi ha convinto manco un attimo, notavo un certo disagio. Marino scelto per mancanza di concorrenti del Pd. E' stato aiutato nell'ultimo mese, ma il giorno dopo ha preso na mazzata. Il Pd a Roma ha bisogno di volare bassissimo. Roma ha bisogno di un piano Marshall vero. Ma soprattutto di civiltà. E ha bisogno di un rinnovamento della classe politica, ma da acido muriatico. Ma andiamo a spazzarli via. Non mi dite che Fratelli D'Italia si tira fuori dall'amministrazione precedente, Pd altrettanto. Pd e Destra che hanno governato dovrebbero andare nelle scuole e chiedere il voto tra 10 anni, dopo che il M5S governerà a Roma. Non ho un candidato ideale. Sono terrorizzato perchè alcuni in redazione mi hanno detto "Presentati tu". Se siamo messi così vuol dire che Roma sta messa malissimo...".

  • 22.03

    Ospite Del Rio. Servizio di Lasta e Carpio sullo scandalo delle carrozze d'oro.

  • 22.12

    Del Rio: "Non è vero che ho riconfermato Fiorillo, anzi prima dell'estate ho chiesto a Emiliano di provvedere a un ricambio dei vertici della società. Fa parte di un cattivo costume in Italia per il quale i soldi pubblici sono soldi di nessuno". Sul trasporto pubblico locale i dati parlano di notevole ritardo rispetto all'Europa (gap costato 42 miliardi di PIL). "Costo dell'inefficienza logistica. Non c'è bisogno di strade, ma di ferrovie elettrificate e creare collegamenti. Lo stiamo facendo e lo faremo nella Stabilità. Quanti soldi? Un programma sulle metropolitane , 10 miliardi già stanziati. Poi i grandi corridoi ferroviari. Il Sud è priorità perché nelle grandi opere ci sono direttrici fondamentali e portare l'Alta Velocità al Sud. Nuovi treni? Ne abbiamo già consegnati alcuni. Alcune Regioni lo fanno in modo virtuoso".

  • 22.17

    Del Rio: "Tagli? Fanno bene, i Ministeri devono dimagrire sulla spesa corrente". Mary Pan legge la domanda della rete sul Ponte sullo Stretto. Il Ministro: "Non ho fatto retromarcia, non è priorità. Ad una domanda della maggioranza di riesaminare abbiamo risposto affermativamente, ma non è nelle priorità". Anche i sondaggi parlano chiaro: il ponte è inutile.

  • 22.25

    Sulla riforma del Codice degli Appalti: "Siamo a buon punto. Non ci sono state pressioni delle società autostradali, almeno su di me. Non è stata eliminata la norma che prevede l'obbligo di affidamento tramite gara, l'abbiamo modificata. E l'Anac vigilerà". Sulla vicenda Marino: "Io sono sempre stato vicino al sindaco Marino e ai romani. Gli sono vicino umanamente, ma politicamente era finita".

  • 22.35

    Servizio di Francesca Biagiotti sulla città di Genova un anno dopo l'alluvione. In studio oltre Nardella, De Bortoli e Landini anche Toti, Governatore della Regione Liguria.

  • 22.42

    Toti: "La Regione c'è e anche Matteo Renzi ha dato un bel segnale venendo sui cantieri. I cantieri sul Bisagno ci sono. Non c'è più allerta 1 e allerta 2, ma con i colori, c'è la centrale operativa 24 ore su 24. In 100 giorni abbiamo fatto più dei 10 anni precedenti. Non abbiamo messo in sicurezza, ci vorranno degli anni". Nardella sui fondi per il dissesto:"La Corte dei Conti sbloccherà i 650 milioni di euro del piano Italia sicura".

  • 22.50

    Toti su Mantovani: "E' incensurato, non so se erano indispensabile gli arresti in carcere. Misura molto grave per un incensurato che è stato senatore. Poteva stare ai domiciliari, non pare persona pericolosa per i vicini. Comunque non fare di tutta un'erba un fascia, la Lombardia rientra poco nella vicenda". Landini: "La corruzione è diventata anche una cultura, un modo di fare. Esiste una questione morale nel nostro Paese. Qual è il modello di impresa che ci serve? E' il sistema degli appalti su cui bisognerebbe agire. Ci vuole una responsabilità per l'impresa che vince l'appalto e che poi subappalta ad altri i lavori".

  • 23.04

    Landini: "Taglio Tasi? La trovo una stupidaggine. Tempo fa illustri rappresentanti erano contrari. C'è il problema del lavoro. Una legge di stabilità che vuole rimettere in moto il Paese non fa quella roba lì, ma elimina le disuguaglianze che si sono create. Oppure con 5 miliardi puoi fare investimenti straordinari. I posti di lavoro non li crei con contributi o possibilità di licenziare". De Bortoli su abolizione Tasi e Imu: "E' una misura popolare che porta dei voti".

  • 23.09

    Nardella: "Questa misura serve per ridare potere d'acquisto. In Italia 80% dei cittadini è proprietario della prima casa. La misura va a favore delle giovani coppie e di ha fatto sacrifici di anni per comprare casa".

  • 23.18

    Servizio di Francesca Biagiotti sui vitalizi dei consiglieri regionali.

  • 23.38

    Il vicepresidente di Confindustria Baban: "C'è finalmente una tendenza positiva. Ci servono imprese più competitive. Super ammortamenti? Le imprese devono rinnovare il parco macchine delle nostre imprese".

  • 23.47

    Landini: "Servono degli imprenditori illuminati, ma l'impresa senza le persone che ci lavorano non va da nessuna parte".

  • 23.54

    Momento sondaggi di Alessandra Ghisleri. Evasione fiscale: il campione intervistato dal sondaggio si esprime a favore del bancomat come mezzo per garantire tracciabilità.

  • 23.59

    La vicenda Marino ha influenzato le intenzioni di voto rispetto al Pd che perde 1,1% mentre il M5S guadagna uno 0,5%.

  • 00.02

    Puntata finita.

Ballarò, puntata 13 ottobre 2015: anticipazioni

In onda stasera, martedì 13 ottobre, alle 21:05, la sesta puntata della nuova edizione di Ballarò, il talk show di approfondimento politico di Rai 3 condotto dal giornalista Massimo Giannini.

Come sempre, la giovane giornalista cinese Mary Pan, farà da interfaccia con il mondo Web e leggerà le domande arrivate agli ospiti in studio attraverso l'hashtag #chiediaballarò.

Mandateci le vostre domande a Graziano Delrio: le leggeremo in diretta. #Ballarò

Posted by Ballarò on Martedì 13 ottobre 2015

Ballarò, puntata 13 ottobre 2015: ospiti

In apertura di puntata interverrà un ospite speciale: l'attore Claudio Amendola, uno dei protagonisti di "Suburra", il film diretto da Stefano Sollima, ambientato a Roma e incentrato sul rapporto tra politica e criminalità organizzata. Tra gli ospiti chiamati a confrontarsi sul tema, il presidente del Pd Matteo Orfini e l’ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli. Insieme discuteranno sulle vicende che stanno scuotendo la Capitale.

ballaro 3 febbraio 2015 orfini

Tra i protagonisti di un'intervista al tavolo del faccia a faccia con il conduttore Massimo Giannini anche il ministro delle Infrastrutture Graziano Del Rio.

Ancora, animeranno il dibattito sui temi della politica e dell'economia italiana: il sindaco di Firenze Dario Nardella (PD), il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il segretario FIOM Maurizio Landini.

Ballarò, puntata 13 ottobre 2015, come vederlo in tv e in streaming

Il talk show va in onda ogni martedì, a partire dalle 21:05, su Rai 3. Ma si può seguire la puntata anche in streaming sul sito Rai.tv e, naturalmente, seguire e commentare la nostra diretta su Polisblog, magazine di Blogo.

Ballarò, puntata 13 ottobre 2015, come seguirlo sui social network

Oltre a poter rivedere i contenuti video sul sito ufficiale del programma www.ballaro.rai.it Ballarò si può seguire anche sulla pagina Facebook e sull'account Twitter oltre che commentare usando l'hashtag #ballarò.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO