DiMartedì | Puntata 13 ottobre 2015

DiMartedì: la puntata del 13 ottobre 2015

  • 00.50

    Finisce la puntata. Alè.

  • 00.45

    Viene mostrata in anteprima la sala delle armature, in restauro da quando c'era stato il crollo (quando Bondi era ministro).

  • 00.30

    Le immagini della visita a Pompei, con Massimo Osanna, soprintendente area archeologica di Pompei Stabia Ercolano.

  • 00.29

    De Micheli: "Ci sono 320 mila contratti aggiuntivi, non basta ma stiamo continuando su questa strada". Fedriga: "Sono numeri di fantasia".

  • 00.27

    Fedriga: "Alle imprese è stato aumentato retroattivamente l'Irap".

  • 00.26

    Friedman: "Il jobsact non è abbastanza, a questi livelli di disoccupazione gli effetti non si sentono". Sallusti: "Renzi voleva fare di più, ma sindacati e sinistra non gliel'hanno fatta fare".

  • 00.24

    In un servizio si spiega come funziona il pagamento del lavoro via voucher.

  • 00.21

    De Micheli annuncia che è allo studio in queste ore "una misura per famiglie povere con figli".

  • 00.19

    Fedriga: "Per aiutare i poveri la soluzione non è l'assistenzialismo, che dura al massimo due anni. Bisogna aiutare le imprese".

  • 00.16

    In un servizio le case occupate abusivamente vicino a Roma.

  • 00.13

    Sallusti spiega che la crescita del Pil è dovuta alla congiuntura economica europea e non alle iniziative del governo Renzi. Fedriga: "Pensionati presi in giro".

  • 00.10

    Sallusti: "Renzi è abilissimo a comunicare, qualcosa ha fatto, ma lui trasforma questo in un enorme successo. Sono state fatte delle cose, ma bisogna vederle nel complesso. Una somma di verità non porta alla verità. La somma della fiscalità è aumentata, non è vero che le tasse sono diminuite".

  • 00.06

    Friedman in studio: "Berlusconi non sopporta la politica, odia il teatrino politico".

  • 23.59

    Viene riproposta la copertina satirica di Crozza della scorsa settimana.

  • 23.53

    Damiano assicura che i "soldi per gli esodati ci sono". E contesta i conti Inps a proposito della flessibilità.

  • 23.50

    Belpietro: "Paghiamo 4 milioni di pensioni che non sono sostenute da contributi, per l'Inps sarà un problema".

  • 23.48

    Cofferati: "L'idea della flessibilità mi è sempre piaciuta, difficile che venga usata da redditi bassi". Intanto Damiano precisa che non ha mai considerata una grande riforma quella Fornero, che fu votata dal Pd.

  • 23.46

    Cofferati: "Ci saranno tantissimi ricorsi dopo che la Corte costituzionale ha sentenziato sul taglio delle pensioni senza la rivalutazione del passato. Il governo dovrebbe usare cautela".

  • 23.43

    Petrozzi: "Per una partita Iva è complesso. Il contributo minimo non è proporzionato al fatturato dell'impresa".

  • 23.42

    Damiano: "Potrà andare in pensione a 57 anni il lavoratore che ha iniziato a lavorare a 15 anni con 42 anni e 6 mesi e che ha un lavoro usurante".

  • 23.41

    Friedman: "La riforma Fornero è buona. In Europa e in altri Paesi non si parla di andare in pensione a 57 anni. Per equità sociale non si può accontentare tutti".

  • 23.38

    Damiano considera un errore rimandare all'anno prossimo la flessibilità sull'anticipo della pensione.

  • 23.36

    Damiano: "Abbiamo 1 milardo e 300 milioni che pagheranno la salvaguardia di 26 mila esodati".

  • 23.35

    In un servizio le ipotesi della riforma delle pensioni.

  • 23.35

    Secondo Cofferati "si dovrebbe incentivare la provvidenza integrativa".

  • 23.32

    Friedman: "Secondo me ci sono troppi italiani che ricevono regali da altri con i contributi".

  • 23.28

    In un servizio si parla di pensionati italiani alle Canarie.

  • 23.21

    Sulle caldaie, Trefiletti: "Siamo condannati a pagare anche qui altri 150 euro oltre alla bolletta".

  • 23.20

    In un servizio si parla di caldaie.

  • 23.19

    Rizzo: "Il canone in bolletta c'è in altri Paesi, ma sono Paesi più ordinati dell'Italia".

  • 23.16

    Persici: "Se ci sarà il Canone Rai in bolletta, l'utente potrebbe dire che non lo vuole pagare". Belpietro: "Sarà un caos".

  • 23.14

    Persici spiega come agisce la società di riscossione crediti.

  • 23.11

    In studio anche Antonio Persici, presidente di una società di riscossione crediti, la Euro Service group.

  • 23.11

    Cofferati: "In Europa c'è molta attenzione sui servizi, molto più di quanto ce n'è in Italia".

  • 23.10

    Rizzo: "La bolletta dell'acqua è aumentata più di tutte e abbiamo appena votato un referendum".

  • 23.06

    Trefiletti: "A Roma si paga una tariffa della nettezza urbana aumentata del 190% dal 2002, quando l'inflazione è aumentata solo del 22%".

  • 23.03

    Del Santo spiega che "la tariffa è un'entrata non tributaria su un servizio, mentre la tassa è di natura legale a prescindere dal servizio".

  • 22.59

    In un servizio si parla di bollette di acqua che aumentano.

  • 22.53

    De Cataldo: "C'è da essere preoccupati per Roma come specchio di una politica nazionale in cui un uomo che viene fuori dalla politica come Marino non ce la nonostante la politica sia in crisi".

  • 22.53

    De Cataldo su Marino: "Era talmente estraneo che gli hanno fatto la guerra in tutti i modi".

  • 22.48

    De Cataldo: "Mafia capitale non è nata con Marino, ma ultimamente si sono notati i piccoli microscambi".

  • 22.46

    In studio Giancarlo De Cataldo, magistrato e scrittore.

  • 22.45

    In onda un clip di Suburra.

  • 22.44

    Gomez rinfaccia a Rutelli i debiti accumulati dal Comune di Roma. L'ex sindaco nega.

  • 22.41

    Rutelli: "Il presente per la politica secondo me è: trasparenza, trasparenza, trasparenza".

  • 22.39

    Rutelli: "Negli anni di Alemanno è stata sottovalutata la crescita della malavita in alcuni quartieri come Ostia".

  • 22.37

    Rutelli: "Non ho e non voglio avere incarichi pubblici. Tantissime persone mi chiedono di dare una mano, la darò. Non mi candiderò sindaco. Il 28 novembre organizzerò una giornata per la riscossa di Roma".

  • 22.34

    Rutelli: "I politici devono essere tracciabili. La maggior parte dei politici non si è arricchita con la politica". Sul caso Lusi: "È stato condannato, il mio partito è stato vittima".

  • 22.32

    Rutelli: "Le primarie? Possono funzionare. La cosa migliore è sottoporre ai cittadini qualcuno che può funzionare. Forse a Roma non funzionano".

  • 22.30

    Rutelli: "Il problema della giunta Marino era l'amministrazione. I romani erano scontenti profondamente dei servizi, della pulizia, del decoro".

  • 22.18

    Finocchiaro: "La leadership forte di Renzi accende la competizione. Salvini? Non ho neanche un'idea che coincida alla sua".

  • 22.17

    Finocchiaro sui 5 Stelle: "Sono acerbi, interessanti, testoni".

  • 22.13

    Finocchiaro: "Sono in Parlamento da tantissimi anni, mi sento offesa dalle parole di Berlusconi secondo cui lavorano solo 100 parlamentari".

  • 22.11

    Finocchiaro su Verdini: "Non ce l'ho vicino in aula, è di là nell'emiciclo e non ha similitudini con il mio partito".

  • 22.09

    Finocchiaro: "Il mio rapporto con Renzi era iniziato male. Ma una questione mi ha impressionato: niente di quello rimasto fermo per decenni sembra più impossibile".

  • 22.06

    Finocchiaro: "L'abolizione del bicameralismo perfetto e non quella del Senato è un pensiero che ha percorso la sinistra italiana".

  • 22.02

    Finocchiaro: "Di Maio si contraddice, i consiglieri regionali sono eletti molto spesso con le preferenze. I cittadini devono tornare al centro della scena politica, bisogna chiamare in causa la responsabilità dei cittadini quando eleggono un deliquente".

  • 22.00

    Finocchiaro in studio: "Il Senato che abbiamo disegnato ha dei poteri di controllo molto importanti, oggi questa attività non la svolge nessuna".

  • 22.00

    Di Maio: "Dal 1 ottobre le bollette del gas e dell'elettricità sono aumentate".

  • 21.58

    Di Maio: "Io non farei pagare il canone Rai, finché la Rai non sarà indipendente".

  • 21.57

    In un servizio si parla di canone Rai.

  • 21.55

    Di Maio: "Tanti enti inutili danno lavoro, ma quello non è vero lavoro, perché sta facendo una cosa inutile". E torna a spiegare il reddito di cittadinanza.

  • 21.53

    Di Maio: "Se Renzi avesse ridotto le tasse io sarei contento. Gli 80 euro li stanno pagando i contadini con l'Imu agricola. Tasi e Tari sono aumentati".

  • 21.51

    Di Maio: "Gli espulsi del M5S? Ora stanno in altri partiti, sono dei voltagabbana".

  • 21.49

    Di Maio: "Tutti i governi in cui governiamo, tranne due, ci sono stati lasciati con debiti. Livorno è governata, è salda".

  • 21.46

    Di Maio: "In Campidoglio abbiamo scoperto che il Comune di Roma ogni anno spreca 1 miliardo di euro".

  • 21.46

    Di Maio: "L'onestà in politica è una condizione necessaria ma non sufficiente, Ma ad essa si deve unire la competenza".

  • 21.44

    Di Maio propone tre regole: "aboliamo l'immunità parlamentare, mettiamo la regola dei due mandati massimi per i politici, se sei indagato per reati gravi o condannato non puoi entrare in Parlamento".

  • 21.43

    Di Maio: "L'illusione che il bicameralismo sia finito è pericolosa".

  • 21.39

    Luigi Di Maio: "Con la riforma del Senato si sta salvando la classe politica più indagata d'Italia, quella degli enti locali".

  • 21.35

    Crozza ironizza sul dopo Marino a Roma: "Renzi vuole sostituire Marino con 1 commissario e 8 sottocommissari. 9 al posto di 1, vedi che il Jobs Act funziona!"

  • 21.33

    "Mantovani faceva la grana sui dializzati", cioè "mentre al Nord fottevano i malati, a Roma fottevano il medico".

  • 21.31

    L'ironia di Crozza sull'arresto di Mantovani.

  • 21.30

    Maurizio Crozza.

  • 21.29

    Di Maio nota che se fosse già in vigore la riforma costituzionale oggi il vice presidente della Regione Lombardia arrestato sarebbe salvo dalla galera.

  • 21.26

    Luigi Di Maio in studio. Ma prima i sondaggi.

  • 21.24

    Abracadabra baby.

  • 21.18

    Tra gli ospiti anche Cesare Damiano del Pd e Francesco Rutelli.

  • 21.17

    Ci sarà anche Simona Petrozzi, presidente Giovani Imprenditori Confcommercio Toscana, lo scrittore Giancarlo De Cataldo, Paola De Micheli e Anna Finocchiaro del Pd, Massimiliano Fedriga della Lega e i giornalisti Alan Friedman, Sergio Cofferati, Maurizio Belpietro, Alessandro Sallusti, Sergio Rizzo.

  • 21.14

    Tra gli ospiti della puntata di stasera Trefiletti, Laura DelSanto, Antonio Persici, Myyrta Merlino, Peter Gomez.

giovannif

Andrà in onda stasera a partire dalle 21:10 una nuova puntata di DiMartedì, il talk show di La7 condotto da Giovanni Floris, che seguiremo in liveblogging su Blogo.

DiMartedì | Anticipazioni puntata 13 ottobre 2015

DiMartedì: tra gli ospiti il deputato M5S e vice presidente della Camera Luigi Di Maio.

All'interno della puntata i sondaggi Ipsos di Nando Pagnoncelli e la visita ai tesori mai visti di Pompei.

DiMartedì | Maurizio Crozza

crorr

In apertura di puntata la tradizionale copertina satirica di Maurizio Crozza.

DiMartedì | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di DiMartedì, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il liveblogging.

DiMartedì | Second screen

DiMartedì ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO