Il figlio di Vincenzo De Luca candidato sindaco a Salerno? Il Pd non lo esclude

deluca-rai.jpg

Roberto De Luca (32 anni), responsabile del dipartimento Economia della segreteria provinciale del Pd e figlio del Governatore della Regione Campania, si candiderà molto probabilmente per i democratici alle prossime elezioni amministrative a Salerno. Ma c'è di più, potrebbe addirittura correre come candidato sindaco.

Come lascia intendere la stampa locale da settimane e un articolo de Il Fatto Quotidiano di ieri, il secondogenito di Vincenzo De Luca potrebbe rappresentare l'occasione d'oro per il Pd per ottenere una larghissima rappresentanza in consiglio comunale. Già perché il "figlio d'arte" si troverebbe nella condizione di intercettare tutto il vasto bacino elettorale del padre.

Ricordiamo che De Luca senior è stato sindaco ad interim a Salerno dal maggio al luglio del 1993, e poi dal dicembre 1993 al maggio 2001 e dal giugno 2006 al gennaio 2015. Insomma, parliamo di quasi 16 anni alla guida del capoluogo campano in poco più di vent'anni.

Tuttavia, nel 2011, dopo la costituzione del Pd nel 2007, l'attuale Presidente della Regione Campania si presentò, come già nelle precedenti elezioni, alla guida di liste civiche. E in questo modo il Partito Democratico non entrò nell'assise comunale.

Ecco dunque, che proprio grazie ad una possibile discesa in campo di Roberto De Luca, i democratici potrebbero non solo entrare in Consiglio l'anno venturo, ma farlo in maniera molto consistente. E un'ipotesi del genere, come sottolinea Il Mattino "metterebbe in discussione i marchi civici che hanno fatto la storia della Salerno deluchiana scombussolando equilibri ventennali".

Come fa notare il giornale diretto da Marco Travaglio, il segretario provinciale del Pd di Salerno, Nicola Landolfi, non conferma e non esclude una candidatura a capolista di De Luca junior, a cui dovrebbe immediatamente seguire quella di Federico Conte, figlio dell’ex ministro socialista Carmelo Conte e genero dell’ex senatore Alfonso Andria.

Ecco cosa ha detto nello specifico Landolfi a Il Fatto: “Di lista si parlerà solo all’inizio dell’anno prossimo. Se entrambi (De Luca e Conte) daranno la loro disponibilità a candidarsi le valuteremo (le candidature) insieme ai circoli della città”.

L'eventuale candidatura, ovviamente, creerà discussione anche a livello nazionale. L'elezione di Vincenzo De Luca alla presidenza della Regione Campania ha avuto già i suoi strascichi nel partito e il Governatore in carica è ancora appeso al pronunciamento della Corte Costituzionale sulla Legge Severino. Lanciare, poi, come suo successore a Salerno Roberto, accenderebbe altre polemiche. Inevitabilmente quell'immagine di rinnovamento, di cui doveva essere protagonista il Pd targato Matteo Renzi, ne uscirebbe incrinata. E qualcuno parla già ironicamente di successione dinastica.

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO