Justin Trudeau è il nuovo primo ministro del Canada

43 anni, eletto con il Liberal, Justin Trudeau diventa il secondo premier più giovane della storia canadese

Justin Trudeau è il nuovo primo ministro del Canada: il Partito Liberale canadese, di cui era capolista, alle elezioni di lunedì ha ottenuto almeno 184 seggi su 338 alla Camera dei comuni, una maggioranza più che sufficiente per formare un nuovo governo.

Il Partito conservatore, guidato dal premier uscente Stephen Harper – che governava ininterrottamente il paese dal 2006 – ha raggiunto il 31,9 per cento dei voti con 99 seggi in parlamento. I socialdemocratici del Nuovo partito democratico (Ndp), che alle elezioni del 2011 si erano qualificati come seconda forza politica del paese, sono arrivati al terzo posto ottenendo 44 seggi. Sono poi stati eletti dieci deputati del Bloc québécois (indipendentisti del Québec) e uno dei Verdi.

Trudeau, 43 anni sposato con la conduttrice televisiva Sophie Grégoire, con la quale ha tre figli, fino a oggi era conosciuto più per essere il figlio di Pierre Elliott Trudeau (progressista dai modi sbrigativi, ex primo ministro del Canada negli anni Settanta e nei primi Ottanta), ha battuto il primo ministro uscente conservatore Stephen Harper.

La vittoria liberale sembrava più utopistica che altro: nel 2011 i Liberal ottennero solo 34 seggi ma nonostante la sua età e la relativa inesperienza, aspetti usati contro Justin Trudeau dagli avversari durante tutta la campagna elettorale, il giovane politico canadese è riuscito a condurre il Partito liberale in una significativa rimonta dopo la sconfitta del 2011.

Per i liberali canadesi sono passati quindi i tempi di Michael Ignatieff e sembra essere tornata alla ribalta una politica più progressista rispetto quella di Harper: sulle politiche ambientali Trudeau ha detto che entro novanta giorni dalla fine della Conferenza internazionale sul clima, che si terrà a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre, la politica ambientale del Canada cambierà "radicalmente".

Un altro tema fondamentale di Trudeau riguarda i diritti degli indigeni: in campagna elettorale il Partito liberale ha promesso di impegnarsi per migliorare il rapporto con gli indigeni canadesi, ad esempio tramite l'istituzione di un’inchiesta nazionale per risolvere i casi di donne indigene assassinate o scomparse, e un finanziamento per aumentare il livello educativo dei nativi. Sulle tasse il nuovo premier ha detto che il suo primo provvedimento sarà alzare le imposte pagate dall’1% della popolazione più ricca del paese per poi tagliare le tasse alla classe media ed inoltre ha annunciato la volontà a legalizzare la cannabis seguendo il modello del Colorado, negli Stati Uniti, dove dal 1 gennaio 2014 chi ha più di 21 anni può comprare la sostanza stupefacente in uno dei negozi con la licenza.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO