Sergio Chiamparino si dimette dalla Conferenza delle Regioni

Le dimissioni sono congelate fino all'approvazione delle legge di Stabilità.

Sergio Chiamparino

Sergio Chiamparini ha annunciato oggi di essersi dimesso dalla presidenza della Conferenza delle Regioni e ha spiegato chiaramente il motivo:

"È evidente che, dopo il giudizio di parificazione della Corte dei Conti che ha riscontrato un disavanzo di 5,8 miliardi nel 2014, una Regione in queste condizioni non può stare in testa alle altre. Mi devo dedicare di più al Piemonte"

Con questa spiegazione Chiamparino ha anche fugato i dubbi sul fatto che le dimissioni possano essere dovute al decreto "salva Piemonte" o a discordanze con il governo riguardo ai rapporti tra Stato e Regioni.

Chiamparino ha anticipato le dimissioni durante la riunione della Conferenza delle Regioni che si è tenuta proprio oggi a Roma, poi le ha confermate davanti ai giornalisti nel corso di una conferenza stampa tenuta subito dopo e ha detto:

"Il governatore della Toscana Enrico Rossi ha detto che se il Governo ha lo stesso giudizio della Lorenzin sul Governo della sanità, si prenda la sanità e la gestisca. Io sposo in pieno queste parole"

Un altro dei suoi colleghi, Mario Oliverio, Presidente della Regione Calabria, ha detto:

"Una decisione definitiva non è ancora stata presa"

Infatti le dimissioni di Chiamparino sono per ora congelate su richiesta dei Presidenti delle altre regioni, la maggior parte dei quali non è d'accordo con questa sua decisione. Resteranno bloccate fino all'approvazione della legge di Stabilità. Fino a quel momento i colleghi di Chiamparino proveranno a convincerlo a ripensarci e a restare a capo della Conferenza delle Regioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO