Elezioni politiche Polonia 2015: Legge e Giustizia (destra) con la maggioranza assoluta - Exit Poll

Tutte le informazioni sulle elezioni politiche 2015 in Polonia. I partiti, i candidati e gli exit poll in vista dei risultati ufficiali attesi per lunedì 26 ottobre 2015.

Lunedì 26 ottobre, ore 09:10 - Le elezioni politiche 2015 in Polonia sono state vinte dal partito di destra Legge e Giustizia fondato dai gemelli Kaczynski e guidato oggi da Jarowslaw. Ancora non si conoscono i dati ufficiali, ma solo quelli degli Exit Poll diffusi ieri sera alla chiusura delle urne, ma i numeri sono tali che anche Piattaforma Civica ha riconosciuto il successo dell'avversario. In passato gli Exit Poll polacchi hanno dimostrato di non essere tanto accurati, quindi potrebbe esserci qualche leggera variazione rispetto alle percentuali diffuse.

Hanno votato il 51,6% degli oltre 30 milioni di polacchi aventi diritto. Secondo le proiezioni Legge e Giustizia avrebbe ottenuto il 39,1% dei voti che gli garantirebbe 242 posti nella Sejm, abbastanza per poter governare da solo (la maggioranza è fissata a quota 231). Con questi numeri Beata Szydło diventerebbe il nuovo Primo ministro. Crolla Piattaforma Civica di Donald Tusk, al governo da 8 anni il partito del presidente del Consiglio Europeo prende solo il 23,4% dei voti che garantiranno 133 seggi. Ottimo il risultato di un altro partito di destra, Kukiz'15, che da solo potrebbe arrivare al 9% delle preferenze, stesso discorso per Modern che viene accreditato del 7% dei voti. Per la prima volta nella storia della Polonia in parlamento sarà completamente assente la sinistra, l'alleanza che andava sotto il nome di Sinistra Unita (ZL), non riuscirà, secondo gli exit poll, a superare lo sbarramento dell'8%, fermando ben al di sotto di quella quota (6,6%).

Nelle prossime ore sono attesi i risultati ufficiali.

Elezioni politiche Polonia 2015: il giorno del voto

Domenica 25 ottobre, ore 17:15 - Stando a quanto ha annunciato la Commissione elettorale nazionale l'affluenza ai seggi nelle elezioni politiche polacche alle ore 17 ha raggiunto il 38,97% del totale 30,7 milioni di elettori.

Nelle precedenti politiche del 2011 alle 18 l'affluenza era stata di poco superiore, arrivando al 48,92% alla chiusura delle urne.

I seggi chiuderanno alle 21.

Elezioni politiche Polonia 2015: centrodestra avanti nei sondaggi, attesa per i risultati

Domenica 25 ottobre i cittadini polacchi saranno chiamati alle urne per rinnovare il loro parlamento, pochi mesi dalle ultime elezioni presidenziali. Saranno infatti eletti i 460 membri della camera bassa, il cosiddetto Sejm, e 100 senatori. I partiti politici hanno bisogno di superare lo sbarramento del 5%, soglia che sale all'8% per le coalizioni, i seggi vengono poi assegnati con il metodo proporzionale. Il senato viene invece formato scegliendo i candidati che ottengono più voti in assoluto in ognuno dei 100 distretti. I seggi resteranno aperti dalle 7 di mattina alle 9 di sera, seguiranno gli exit poll. I risultati non saranno disponibili prima di lunedì e saranno consultabili sul sito della Commisione Nazionale Elettorale.

Elezioni Polonia 2015: sfida tra Piattaforma Civica e la destra di Legge e Giustizia

La sfida in questa tornata elettorale sarà tra tre donne. Al governo attualmente c'è il partito Piattaforma Civica (PO), il primo ministro Ewa Kopacz ha ereditato la sua carica dopo che Donald Tusk si è dimesso per ricoprire il ruolo di presidente del Consiglio Europeo. Piattaforma civica è al governo da due legislazioni, otto anni, proprio questo è il suo principale punto debole, i polacchi sembrano stanchi della situazione stantia del paese (anche se l'economia ha continuato a dare segnali incoraggianti nonostante la crisi globale). Attualmente i sondaggi assegnano al partito al governo il 24,5 delle preferenze.

Il grande favorito di queste elezioni politiche è il partito di destra Legge e Giustizia (PiS). Stiamo parlando della creatura dei gemelli Kaczynski, Lech è deceduto in un incidente aereo nel 2010, Jaroslaw continua a guidare al partito. Il candidato di questa tornata elettorale è Beata Szydlo, membra del parlamento, alcuni malignano che Kaczynski l'abbia scelta per la sua malleabilità. Il PiS è forte del recente successo alle presidenziali che nello scorso maggio ha portato all'elezione di Andrzej Duda. I sondaggi gli assegnano il 36,2% dei voti, molti dei quali provengono dalle zone rurali e dagli ambienti più vicini alla chiesa cattolica. L'argomento principe del PiS in questa campagna elettorale è stato il respingimento dei migranti provenienti dalla Siria e da altri paesi in guerra.

Elezioni Polonia 2015: gli outsider, possibili alleati post-elezioni

Il ruolo di outsider lo reciterà la colazione di centro-sinistra Sinistra Unita (ZL) che raccoglie al suo interno Alleanza Democratica di Sinistra (SLD) e altri piccoli gruppi come Movimento giovanile, i Verdi e il Partito Socialista. A capo di questa coalizione c'è la carismatica Barbara Nowacka, 40enne figlia di Izabela Jaruga Nowacka, ex vice primo ministro deceduta anche lei nell'incidente aereo del 2010. Il problema principale di questa coalizione sarà superare lo sbarramento dell'8%, soglia che secondo i sondaggi potrebbe essere raggiunta sul filo di lana. Stiamo quindi parlando della terza forza, ma poco più.

Ci sono poi altri piccoli partiti che potrebbero diventare importanti nel caso in cui i risultati delle elezioni dovessero obbligare alla formazioni di una coalizione. È il caso ad esempio del Partito Popolare Polacco (PSL), da sempre partner di Piattaforma Civica. Spostandosi a destra si trovano Kukiz'15, dal nome del suo leader Pawel, e la Coalizione per il Rinnovamento della Repubblica - Libertà e Speranza (KORWiN), questi due potrebbero andare a dare man forte a Legge e Giustiza in caso mancassero i numeri. Da segnalare infine Modern (centro) e Partia Razem (centro-sinistra), due partiti giovanissimi che però avranno difficoltà a raggiungere il 5%.

Elezioni Polonia 2015: cosa succederà dopo il voto?

Cosa succederà quindi dopo le elezioni di domenica in Polonia? Difficile prevederlo con certezza. La prima incognita riguarda il numero di persone che andranno alle urne, in un paese generalmente caratterizzato da percentuali di votanti molto basse. Sono 30 milioni i polacchi aventi diritto al voto, alle ultime elezioni per il parlamento europeo soltanto il 23,8% di loro ha votato, la percentuale sale fino al 48,9% se consideriamo le ultime elezioni politiche del 2011.

Appare sicuramente molto probabile un successo della destra di Legge e Giustizia, sarà interessante capire con quali cifre, per avere la maggioranza avrà bisogno di conquistare 231 posti in parlamento. Se non dovesse riuscirci potrebbe avere difficoltà a trovare un alleato, che dovrà ricercare inevitabilmente in Kukiz'15 e KORWiN. Se non dovesse riuscire lo sforzo diplomatico allora potrebbe farsi strada una coalizione guidata da Piattaforma Civica che raccoglierebbe in qualche modo tutte le forze contrarie al partito di Jaroslaw Kaczynski.

È quindi una battaglia aperta che si combatterà in tutte le piazze e in tutte le città fino a stasera, poi scatterà il silenzio elettorale. Seguiremo le elezioni politiche del 2015 in Polonia con aggiornamenti in diretta sui risultati a partire dalla chiusura dei seggi di domenica alle 9.

Elezioni Politiche Polonia 2015

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO