Ballarò, puntata 10 novembre 2015: le dichiarazioni degli ospiti

Stasera in diretta su Rai 3 la decima puntata di Ballarò.

ballaro-diretta-22-settembre-2015-editoriale-giannini.png

Ballarò, 10 novembre 2015: la puntata in diretta su Blogo

  • 21.06

    Sulle note di Happy Days si apre la puntata di Ballarò. Giannini: "Il governo Renzi è davvero il governo dei giorni felici come annuncia il centro destra che ha visto l'abbraccio un po' vecchio di Salvini, Meloni e Berlusconi"

  • 21.14

    Capitolo riforme del Governo Renzi. Ospiti in studio: De Micheli, Travaglio, Severgnini.

  • 21.18

    Nella copertina di Alessandro Poggi un Renzi che ci parla di crescita e di ripartenze: "Salvini, Berlusconi? I bla bla block. Parole ispirate solo dal desiderio di bloccare tutto". Fassina che presenta Sinistra Italiana, Grillo che ironizza con il giornalista. Silvio Berlusconi: "Il centro-destra resta unito. Faremo opposizione fino alle prossime elezioni".

  • 21.22

    Travaglio: "I migliori alleati di Renzi sono questo centrodestra e questa nuova sinistra. Dalla piazza di Bologna non si sono sentite idee. Provo pena per gli elettori di centrodestra che meriterebbero dei leader. Renzi non ha fatto i conti con il M5S che avanza e che sono difficili da afferrare, non hanno il linguaggio vecchio di Salvini, Berlusconi e del centrosinistra.

  • 21.25

    Severgnini analizza invece la sinistra "a sinistra" di Renzi: "Ha cambiato mille nomi". Mi fanno un po' tenerezza, perchè almeno prima c'era una destra che era una destra". Travaglio: "Salvini è stato più anni in politica che in vita e si presenta come "il nuovo".

  • 21.28

    De Micheli: "La destra di Bologna non ha espresso un'idea e un minuto dopo si era già divisa. Dalla sinistra non mi aspettavo alcuni toni. Sembra una sinistra che si è formata solo per andare contro il PD. Non mi aspettavo certe parole contro Bersani che ha fondato il PD e merita rispetto".

  • 21.31

    Belpietro: "Bologna? Cerano di mettere insieme i cocci del centrodestra. Mi fanno sorridere certe espressioni di Renzi su Berlusconi quando poi ci ha fatto il Nazareno. Il tema è un altro: questi signori riusciranno a mettersi insieme e a formulare un progetto?".
  • 21.35

    Belpietro: "Pensare che quel frammento che avete mandato fosse la destra è consolatorio. Così come pensare che tutta la sinistra sia quella dei centri sociali che picchia i poliziotti. Se questo è il livello del dibattito...". De Micheli: "I contenuti della piazza di Bologna hanno perso i connotati di moderato che una certa destra ha cercato di portare avanti".

  • 21.40

    Travaglio: La situazione è peggiore di quando c'era Berlusconi. Con lui almeno si scatenavano delle reazioni. Se questa manovra l'avesse fatta Berlusconi sarebbero già tutti in piazza a bruciare l'effige del caimano. Lo fa Renzi tutti fanno finta di nulla. Se non c'è un'opposizione il governo si sente di poter fare qualsiasi porcata, e non ce ne sta facendo mancare". Sull'evasione fiscale: "Norme con cui si strizza l'occhio agli evasori fiscali. Con l'innalzamento della soglia del contante puoi smaltire tutto il nero che hai fatto. E nulla è più tracciabile". De Micheli: "Non sono mai state fatte tante norme per combattere l'evasione fiscale come negli ultimi 24 mesi".

  • 21.44

    Severgnini: "Scorciatoia populista? Tutti i capi hanno un armadio dei principi. L'armadio dei principi di Renzi comincia a riempirsi. Abbiamo un'evasione fiscale in Italia che è un danno per tutti. Ieri nel mio programma Perotti mi viene a dire che si dimette perché la spending review non si può fare. L'unica cosa che sono riusciti a eliminare sono i commissari. Quando si tocca la spesa pubblica si apre l'armadio dei principi".

  • 21.49

    Belpietro: "Presa in giro sull'evasione. Si chiama recupero ciò che recupero non è. Si stimano 150 200 miliardi di tasse evase. L'anno scorso l'Agenzia ha detto di averne recuperate 14. Dovremmo avere delle entrate, ma così non è. Fanno leggi complicate, contestazioni a chi dimentica un timbro o alle imprese che sono in regola e recuperano. Le Banche dati non sono collegate e non comunicano".

  • 21.53

    Travaglio: "Se volete combattere l'evasione fiscale non alzate la soglia del contante, ma mandate in galera gli evasori. QUando si è parlato di sequestri per beni di lusso si è scatenato il panico".

  • 22.04

    Si parla ora del caso Vatileaks. In studio in esclusiva Emiliano Fittipaldi, autore di Avarizia, uno dei due libri che hanno aperto il caso. Il Mons. Mogavero in collegamento. Servizio di Francesca Biagiotti sulle abitazioni dei cardinali a Roma.

  • 22.08

    Fittipaldi: "Tutto iniziato da una serie di inchieste giornalistiche per L'Espresso sullo Ior. Avevo il dubbio che la propaganda vaticana non andasse di pari passo. Dopo il pezzo sono stato contattato da due monsignori che volevano aiutarmi e una fonte me ne ha presentata un'altra. Mi hanno accennato dell'esistenza di alcuni documenti top secret che tracciavano un quadro scandaloso. Il papa vive in un bilocale a Santa Marta".

  • 22.13

    Mons. Mogavero: "Trovo sconvolgente che i due monsignori nel libro di Fittipaldi volessero far arrivare un messaggio a Francesco quando avevano altri canali. Ma lo fanno in anonimato. La direzione intrapresa mi sembra quella corretta. Il Papa ha cambiato stile e continua a dire di cambiare stile".

  • 22.19

    Fittipaldi: "La Chiesa è ovvio che voglia lavare i panni sporchi in casa sua. Io faccio il giornalista d'inchiesta. Se trovi delle notizie e le verifichi, se sono corrette le pubblichi. Quando ti accorgi che il Vaticano invece di spendere i soldi dell'Obolo di San Pietro per il funzionamento della Chiesa universale e si scopre che questii 70 80 milioni di euro hanno accresciuto un fondo fuori bilancio e che sono spesi quasi integralmente per spese della Curia romana e messi su conti dello Ior fa impressione. Lo Ior ha incassato un utile di 55 milioni di euro e il fondo benefico ha elargito 17 milioni di euro. L'80% di questi soldi non finiscono in beneficenza ma nelle diocesi, nelle spese di esercizio". Mogavero: "La Chiesa vuole lavare i panni".

  • 22.28

    Severgnini che è stato ospite ironizza su Twitter per un errore nei nomi in sovrimpressione. Durante l'intervento di Travaglio è apparso il suo nome.

  • 22.39

    Nuovo blocco dedicato alla Stabilità e al fisco. Ospiti: Zanetti, Giannino, Fassina di SI che esordisce: "SI è forza autonoma, non è stampella del PD. Guardiamo ai programmi e su Roma se non arriviamo al ballottaggio possiamo valutare anche di sostenere il M5S".

  • 22.44

    Giannini legge l'agenzia diffusa in queste ore: il Governatore della Campania Vincenzo De Luca sarebbe indagato dalla Procura di Roma insieme al capo della segreteria e a un giudice. "Nuova tegola per il PD" commenta Giannini.

  • 22.47

    Zanetti: "In legge di stabilità abbiamo deciso di prorogare gli interventi per incentivare i contratti a tempo indeterminato". Fassina sulla Tasi: "Come si fa a dire di essere di sinistra e destinare solo poche centinaia di milioni per le misure contro la povertà? Presentiamo emendamenti per limitare a due terzi il taglio, chi invece può deve pagare la Tasi perché ci sono 4 milioni di poveri. Renzi fa slogan, noi non vogliamo aumentarle, le tasse si devono ridurre, ma dipende a chi le si riduce".

  • 22.58

    Giannino: "Renzi ha detto che preferisce puntare sulla fiducia e per questo ha puntato sull'abolizione delle tasse sulla casa". Biolcati: Ho rimandato il pagamento dell'Iva in uno stato di necessità perchè ho preferito pagare lo stipendio ai miei dipendenti. Io pian piano sto risanando. Altri imprenditori in Veneto si sono impiccati. Al di là di tutti questi discorsi ci sono delle persone. In Italia si paga anche per chiudere un'azienda. Una casalinga degli anni '50 in tema di tasse spesso ragiona meglio di chi governa".

  • 23.03

    Si aggiunge al parterre di ospiti Rosario Trefiletti, Presidente di Federconsumatori.

  • 23.10

    Trefiletti: "Tre milioni gli italiani fanno fatica a pagare le spese di casa: il caro bollette? Scoperta l'acqua calda. Quattro milioni di italiani sono in povertà Aumentano più dell'inflazione, questo dovrebbe indignare i cittadini. Perché aumentano? Inefficienze, che non si azzardassero a mandare le bollette ai cittadini di Messina. In altri casi tassazioni assurde come il gas che è il doppio dell'Europa. Paghiamo ancora la sanatoria del nucleare e paghiamo le ferrovie. Un povero pensolare del sud deve pagare l'Alta Velocità. Si pagail 24% di oneri di sistema e che non c'entra nulla".

  • 23.14

    Trefiletti: "Quando arrivano bollette pazze non pagate!!!! Aprite un reclamo e se c'è da pagare fate la rateizzazione, altrimenti non pagate quello che non va pagato".

  • 23.21

    Si parla di pensioni e del piano Boeri (Presidente dell'INPS) che prevede un reddito minimo di 500 per gli over 55 rimasti senza lavoro. Barbagallo: "Il bilancio dell'Inps è un bilancio falso perchè unisce previdenza e assistenza. Boeri si sta candidando come ministro della povertà. L'Inps è diventato il pozzo di San Patrizio ".

  • 23.30

    Fassina: "Ci sono due errori in quest vicenda. Uno istituzionale: Boeri non è un Ministro. Secondo errore è politico: una proposta di riforma l'avrebbe dovuta fare il Governo. Va flessibilizzata l'età di pensionamento per i lavori usuranti".

  • 23.34

    Giannino: "Il ricalcolo su certe pensioni retributive sarebbe doveroso per la parte che eccede le somme contributive non versate. Sono sempre i giovani comunque a prendersela in fondo alla schiena. Parliamo di questo sennò questa generazione la distruggiamo. Com'è che con il Jobs Act sono aumentati i posti degli anziani e non dei giovani?".

  • 23.36

    Collegati da Tenerife con Eva Giovannini i pensionati scappati dall'Italia. Tenerife non è un paradiso fiscale, ma c'è un regime pensionistico favorevole.

  • 23.44

    Scoppia la discussione tra Zanetti e Barbagallo. Vola un "Maleducato" indirizzato dal secondo al primo, ma come al solito Giannini spegne tutto sul nascere e abbassa l'audio.

  • 23.52

    Egidio Fanton, 56 anni, disoccupato in mobilità spera nell'istituzione del reddito minimo: "Se ci fosse questa proposta Boeri riuscirei ad andare avanti con dignità. Ho una figlia disoccupata, sono separato. Sono al baratro".

  • 23.55

    Momento sondaggi. Sulle tasse gli italiani sono pessimisti. Il Governo "è bocciato".

  • 23.58

    Solo il 36 % pensa che Salvini, Meloni e Berlusconi stiano riunendo il centrodestra. Sui fuoriusciti del PD la maggioranza del dato pensa che cerchino potere. Fassina replica: "Ricerca di potere mi sembra fuoriluogo. Restavamo dove eravamo. Se mi candido a Roma? Stiamo cercando di mettere insieme forze sociali e politiche. Vedremo.".

  • 00.00

    Le intenzioni di voto mostrano che la manifestazione di Bologna non ha smosso sensibilmente i dati dei sondaggi.

  • 00.02

    Puntata finita.

Ballarò, puntata 10 novembre 2015: Anticipazioni


In onda stasera, martedì 10 novembre, alle 21:05, la decima puntata della nuova edizione di Ballarò, il talk show di approfondimento politico di Rai 3 condotto dal giornalista Massimo Giannini. Come di consueto, la giovane giornalista cinese Mary Pan farà da interfaccia con il mondo Web e leggerà le domande arrivate agli ospiti in studio attraverso l'hashtag #chiediaballarò.

Ballarò, puntata 10 novembre 2015: temi e ospiti

Uno dei temi sarà l’inchiesta VatiLeaks che torna d’attualità con l’arresto dei presunti “corvi” e degli scandali legati allo Stato del Vaticano. Ospite Emiliano Fittipaldi, giornalista de L’Espresso e autore di Avarizia, che racconta i segreti del Vaticano, e sarà protagonista dell’intervista faccia a faccia con Massimo Giannini. Parteciperà al dibattito con un’intervista anche Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo.

Come al solito largo spazio ai fatti dell’attualità politica, in particolare quelli legati a fisco e pensioni. Saranno ospiti Paola De Micheli Sottosegretario all’Economia, i direttori de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio e di Libero Maurizio Belpietro, e Beppe Severgnini editorialista del Corriere della sera e conduttore de L’erba dei vicini su Rai3.

ballaro 9 giugno 2015 diretta travaglio 2

Infine prenderanno parte al talk politico anche il Sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti, Stefano Fassina (Sinistra Italiana), Oscar Giannino editorialista de Il Messaggero e conduttore di Radio 24 e Rosario Trefiletti Presidente di Federconsumatori.

Ballarò, puntata 10 novembre 2015, come vederlo in tv e in streaming

Il talk show va in onda ogni martedì, a partire dalle 21:05, su Rai 3. Ma si può seguire la puntata anche in streaming sul sito Rai.tv e, naturalmente, seguire e commentare la nostra diretta su Polisblog, magazine di Blogo.

Ballarò, puntata 10 novembre 2015, come seguirlo sui social network

Oltre a poter rivedere i contenuti video sul sito ufficiale del programma www.ballaro.rai.it Ballarò si può seguire anche sulla pagina Facebook e sull'account Twitter oltre che commentare usando l'hashtag #ballarò.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO