Attentati a Parigi, Renzi: “Vicini ai fratelli francesi”. Il Viminale innalza le misure di sicurezza

I terribili attentati verificatisi a Parigi venerdì sera, 13 novembre 2015, hanno ovviamente colpito tutti e sono subito arrivate le reazioni dei politici di tutto il mondo. Per quanto riguarda l’Italia, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha detto:

“Apprensione e forte dolore per gli attentati a Parigi”

Poi in una lettera a Hollande ha scritto:

"L'orrore che sta sconvolgendo la capitale francese e tutto il Paese lascia esterrefatti e sgomenti. È una nuova ferita profonda nel cuore della Francia, della libertà, della democrazia"

Mattonella ha assicurato al presidente francese il compatto sostegno dell'Italia per "debellare la piaga del terrorismo, vincere una battaglia di civiltà contro la furia oscurantista e per difendere i valori di libertà, democrazia e tolleranza" dell'Europa.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi ha scritto una breve frase sui social network:

“Insieme ai nostri fratelli francesi, contro l'atroce attacco a Parigi e all'Europa”

Insieme ai nostri fratelli francesi, contro l'atroce attacco a Parigi e all'Europa.

Posted by Matteo Renzi on Venerdì 13 novembre 2015

In un comunicato Renzi ha poi scritto:

“L’Italia piange le vittime di Parigi e si unisce al dolore dei fratelli francesi. L’Europa colpita al cuore saprà reagire alla barbarie”

Renzi è rimasto a Palazzo Chigi da dove sta seguendo i fatti di Parigi. Alle 9:30 di stamattina presiederà la riunione straordinaria del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica che è stato convocato dal ministro dell’Interno Angelino Alfano. Quest’ultimo ha sentito il capo della Polizia Alessandro Pansa e ha disposto subito l’innalzamento dei livelli di sicurezza in tutta Italia.
Il Viminale ha riferito che l’antiterrorismo italiano è in costante contatto con i corrispondenti francesi.

Matteo Renzi su attentati Parigi

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO