Morte di parto: il ministro Lorenzin manda gli ispettori negli ospedali

beatrice lorenzin

Dopo il quarto decesso in meno di dieci giorni di donne nella fase di gestazione, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha deciso di inviare una squadra di ispettori negli ospedali di Brescia, Bassano del Grappa e San Bonifacio dove sono morte Giovanna Lazzari, Marta Lazzarin e Anna Massignan.

I dirigenti del ministero della salute saranno affiancati da quelli dell’Agenas, l’Agenzia Sanitaria per i Servizi Regionali, dai carabinieri del Nas e dal rappresentante delle regioni: dovranno accertare se vi siano responsabilità dovute a difetti organizzativi oppure al mancato rispetto delle procedure previste a garanzia della qualità e della sicurezza delle cure.

Già dopo il primo caso, quello della 39enne Angela Nesta morta all’Ospedale Sant’Anna di Torino, il ministro Lorenzin aveva inviato degli ispettori all’ospedale ginecologico torinese. Successivamente ci sono stati i casi di Giovanna Lazzari, 30 anni, presentatasi all’ospedale Civile di Brescia con febbre alta e gastroenterite e deceduta dopo essere stata ricoverata in rianimazione. Marta Lazzarin, 35 anni, è deceduta all’ospedale di Bassano del Grappa durante il travaglio, poche ore dopo il decesso del feto per perforazione del sacco amnotico. Anna Massignan, 34 anni, ha perso la vita a San Bonifacio durante un cesareo alla vigilia di Natale: la donna era scivolata dalle scale della propria abitazione.

Paolo Scollo, presidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo), ha commentato i casi degli ultimi giorni sostenendo che “in Italia si partorisce bene, abbiamo alta qualità e uno dei più bassi indici di mortalità materna. Siamo in linea con gli standard Ue”. Per Scollo i casi di queste festività di fine e inizio anno sono, dunque, da ritenersi “un fatto casuale anche se vanno accertate le cause. Non penso neanche siano decessi legati a turni di personale nelle festività, sono successi in punti di alta eccellenza che non hanno problemi”.

Dopo l'ennesimo caso, è intervenuta Emilia Grazia De Biasi (Pd), presidente della commissione sanità del senato: a suo avviso è tempo di "istituire, presso l'Istituto Superiore di Sanità, un registro delle morti materne".

Via | Ansa

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO