Barack Obama in lacrime mentre annuncia la stretta sulle armi | Foto e Video

Il Presidente degli Stati Uniti si è commosso ricordando i bambini vittime della strage di Newtown.

Nella East Room della Casa Bianca oggi Barack Obama ha parlato di uno dei temi più scottanti negli Stati Uniti: le armi. Annunciando nuove e severe misure sulla detenzione di armi il Presidente si è anche commosso nel passaggio del suo discorso in cui ha ricordato i bambini vittime della strage di Newton. Ha anche lasciato le lacrime lì a favor di telecamere e fotografi temporeggiando un po' prima di asciugarle completamente.

Aurora, Newton, Santa Barbara, Charleston, San Bernardino: più che nomi di luoghi ormai sono diventati nomi di stragi avvenute per colpa della facilità con cui in America si possono detenere le armi.
Obama ha detto:

"Oltre 30.000 vite vengono spezzate dalle armi negli Usa ogni anno e siamo l'unico paese evoluto al mondo in cui le stragi avvengono con tale frequenza. Centinaia di migliaia di americani hanno perso sorelle e fratelli, seppellito i propri figli. Non ci sono più giustificazioni per l'immobilismo e la mancanza di una politica efficace sulle armi"

Poi ha aggiunto:

"Oggi non siamo qui per reagire ad una strage causata dalle armi, ma per fare qualcosa per prevenire la prossima. Il controllo sulle armi non contraddice il secondo emendamento della costituzione americana, che garantisce garantisce il diritto di possedere armi, ma c'è la necessità la necessità di agire con urgenza per salvare vite"

Il Presidente degli Stati Uniti non poteva ovviamente non parlare delle lobby che per anni sono riuscite a garantire una certa facilità nel commercio delle armi:

"Questo non è un complotto per confiscare le armi a tutti, non possiamo lasciare che l'America sia tenuta in ostaggio dalle lobby delle armi"

Poi ha citato poi Ronald Reagan:

"Se controlli obbligatori possono salvare vite, vale la pena applicarli"

e ha continuato:

"Il Congresso deve agire ma non possiamo attendere e fino a quel momento ci sono azioni nella mia autorità legale che posso prendere per proteggere i cittadini e i nostri bambini"

Obama ha spiegato che un recente studio ha dimostrato che circa una persona su trenta che cerca di comprare armi su Internet ha precedenti penali e ha illustrato il pacchetto di nuove norme che prevedono per i rivenditori, in particolare per quelli che vendono online e alle fiere, l'obbligo di possesso di una licenza e l'obbligo di controllare il background di coloro che vogliono comprare armi da loro. Inoltre, saranno aumentati i controlli su che cercano di acquistare armi nascondendosi dietro aziende o falsi nomi e saranno più efficaci le verifiche attraverso l'assunzione di persone che andranno a esaminare la storia criminale degli acquirenti.

Per quanto riguarda coloro che soffrono di disturbi mentali, si farà di più per aiutarli perché, dice Obama:

"Spesso chi è protagonista di sparatorie possiede già armi perché ha pensato al suicidio. Saranno aiutati da specialisti affinché le cure dei disturbi mentali siano paragonabili a quelle per gli altri disturbi"

500 milioni di dollari saranno destinati ad aumentare tali cure. Inoltre, garantisce Obama, tutti i dati saranno forniti all'Fbi per effettuare altri controlli e sarà migliorata anche la tecnologia per la sicurezza delle armi in modo da ridurre i problemi legati ad armi rubate o a incidenti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO