DiMartedì | Puntata 12 gennaio 2016

DiMartedì: la puntata del 12 gennaio 2016

  • 00.54

    Finisce la puntata. Alè.

  • 00.53

    Liberati garantisce che le intercettazioni anche nel processo che riguardava Berlusconi sono state usate "lo stretto necessario".

  • 00.51

    Viene proposta l'intercettazione della conversazione tra Berlusconi e Berlusconi sul "lettone di Putin".

  • 00.48

    Liberati assicura: "Avrei fatto volentieri a meno di dovermi occupare da procuratore di Milano del processo Ruby".

  • 00.47

    Si ricordano i processi a Berlusconi.

  • 00.45

    Per Liberati "l’eccesso di protagonismo dei magistrati di Tangentopoli era un problema allora come lo è oggi". Ma precisa: "Per Tangentopoli la magistratura milanese intervenne in modo pronto e senza scrupoli”.

  • 00.39

    Liberati parla della storia della magistratura milanese, attraverso i processi più importanti, da Piazza Fontana alla P2".

  • 00.35

    L'intervista a Edmondo Bruti Liberati, ex procuratore della Repubblica di Milano.

  • 00.34

    Cucchi ribadisce che non eliminerà la foto (caricata dal poliziotto).

  • 00.30

    Ilaria Cucchi: "Non ho sete di vendetta. Io non voglio messaggi di minacce nei confronti del poliziotto. Ma non voglio che sia fatto il processo a mio fratello". Nuzzi le suggerisce di cancellare la foto da Facebook: "Sarebbe un atto di grande dignità".

  • 00.28

    Nuzzi propone "telecamere sulle volanti" e per "presidiare le caserme". Cucchi: "E devono funzionare!". Floris: "Casualmente non funzionano mai!".

  • 00.27

    Ilaria Cucchi parla di "prove schiaccianti" e di fango nei confronti del fratello.

  • 00.26

    Ascoltiamo la testimonianza su uno dei carabinieri accusati.

  • 00.25

    Cucchi: "Perché è stato aggredito mio fratello? Non riesco neanche a immaginare per quale motivo".

  • 00.24

    Cucchi: "Il primo processo è stato storto, sbagliato. Si è parlato di lesioni lievi. Oggi si parla di violentissimo pestaggio".

  • 00.23

    Cucchi: "Mio fratello arrestato e vittima di forte pestaggio, a casa mia si chiama omicidio. Inviolabile corpo e memoria". Poi precisa: "Ho estrema fiducia nella magistratura e in questo nuovo processo".

  • 00.19

    Calessi fa presente alla Cucchi che per quello stesso principio "è inviolabile il corpo di tutte le persone, anche se sono condannate".

  • 00.17

    Calessi: "Umanamente è giustificabile ogni atto di rabbia e risentimento. La Cucchi sta facendo una battaglia sacrosanta ricordando il principio di inviolabilità di una persona".

  • 00.15

    Nuzzi: "Non possiamo farci giustizia da soli". Ilaria: "Qui si fanno i processi al morto. Nel momento in cui si smetterà di farlo tornerò ad avere fiducia nella giustizia".

  • 00.14

    Nuzzi alla Cucchi, sempre a proposito della foto: "È imbarbarimento che non merita la sua battaglia".

  • 00.13

    Nuzzi trova "pessima" la scelta della Cucchi di pubblicare la foto dell'indagato perché "la giustizia la fanno i giudici, non i parenti della vittima".

  • 00.12

    Sulla foto dell'indagato postata su Fb, la Cucchi: "Non intendo porgere più l'altra guancia, si parla di violento pestaggio ai danni di mio fratello".

  • 00.10

    Ilaria Cucchi in studio: "Finalmente, dopo 6 anni stiamo intraprendendo una strada di verità".

  • 23.59

    Viene replicata la copertina di Crozza.

  • 23.53

    Monti sospetta che alcune banche possano aver commesso "abuso di posizione dominante" costringendo i risparmiatori a sottoscrivere obbligazioni.

  • 23.45

    Il senatore a vita osserva che "sono 15 anni che l’Italia cresce della metà rispetto agli altri Paesi dell’Eurozona".

  • 23.42

    Monti rivela che "a gennaio 2014, prima di diventare presidente, Renzi mi chiese come ci si comporta in Europa".

  • 23.40

    Monti: "L'Europa siamo noi, battere i pugni sul tavolo non ha senso".

  • 23.37

    In un servizio l'aumento delle tariffe per i trasporti. Il pedaggio dell'A24 a Roma è aumentata. Il quartiere Ponte di Nona protesta.

  • 23.36

    Monti: "Mi è difficile esprimere una motivazione per la quale il Governo ha deciso l'aumento a 3000 euro per i contanti".

  • 23.36

    Monti: "In Paesi con l’economia sommersa è rilevante favorire le transazioni con banconote, agevola l'evasione".

  • 23.32

    In un servizio si parla di evasione fiscale e pagamenti con Pos.

  • 23.29

    Monti: "Renzi ha notevoli capacità di leadership, è ben dotato per non seguire passivamente i desiderata dell'opinione pubblicata".

  • 23.29

    Mario Monti in studio.

  • 23.23

    Galantino: "I politici devono tornare ad ascoltare i cittadini, devono instaurare relazioni sincere. No alle promesse che poi non si mantengono".

  • 23.20

    In un servizio il degrado in alcune abitazioni a Roma.

  • 23.18

    Galantino spiega che l'integrazione "nasce dall'atteggiamento di accoglienza perché l’altro ha sempre qualcosa da dirmi e da darmi".

  • 23.16

    Sui fatti di Vignola: "Non è bullismo, è delinquenza pura e semplice fatta da italiani o musulmani".

  • 23.12

    Galantino a proposito del reato di clandestinità osserva che "punisce una condizione, non un comportamento". Lo definisce "abnormità".

  • 23.11

    Monsignor Galantino: "La violenza non può essere attribuita ai musulmani e immigrati a prescindere".

  • 23.07

    Il Monsignore esprime solidarietà a tutte le donne: "C'è un problema di violenza sulle donne, non può essere derubricato a fatto di cronaca".

  • 23.05

    Un servizio sulle donne violentate a Colonia.

  • 23.05

    Monsignor Galantino: "Sempre più spesso la gente chiede a noi quello che dovrebbe chiedere al Governo: il lavoro".

  • 23.03

    In studio monsignor Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana.

  • 22.54

    Parenzo osserva che Bankitalia aveva individuato anomalie già nel 2013.

  • 22.51

    Mosca convinta che il ministro Boschi "non deve prendersi una responsabilità che non è sua e non è accertata". Catricalà ottimista: "La riforma delle Popolari è in atto, il bicchiere è mezzo pieno, qualcosa si sta muovendo".

  • 22.47

    Friedman vorrebbe un'inchiesta parlamentare su Bankitalia e Consob. Su Abi: "È una lobby".

  • 22.43

    Mosca sottolinea che grazie all'Europa e al bail-in è stato compiuto un grande passo in avanti per i contribuenti.

  • 22.40

    In un servizio il caso della banca Etruria.

  • 22.40

    Intanto Belpietro chiede: "Com'è possibile concedere mutui costringendo le persone a diventare soci di banche?"

  • 22.37

    L'avvocato Catricalà: "Il primo controllo è di Bankitalia, poi c'è la Consob che controlla la bontà dei prodotti".

  • 22.35

    Ghisolfi dell'Abi: "Noi siamo solo un'associazione, non spetta a noi le ispezioni". Nuzzi: "L'Abi dovrebbe creare un sistema immunitario per evitare che certe cose accadano ai risparmiatori".

  • 22.33

    Belpietro: "Non siamo in grado di sapere esattamente qual è lo stato di salute delle nostre banche".

  • 22.31

    In un servizio si parla di banche in difficoltà.

  • 22.22

    In un servizio si parla degli scandali che riguardano i partiti politici. C'è il caso Quarto per il M5S.

  • 22.20

    Zanetti: "Le buste arancioni non sono così fondamentali, possiamo risparmiare sui francobolli".

  • 22.19

    Zanetti: "Non siamo sul Titanic, ci finiamo se smontiamo le riforme che abbiamo allestito".

  • 22.16

    Cofferati: "Non c'è soluzione alternativa alla solidarietà per chi ha dei privilegi". Friedman: "Serve la flessibilità in uscita".

  • 22.14

    In un servizio si racconta come vivono i pensionati con la minima.

  • 22.11

    Intanto Alessandrucci chiede di "riconoscere alle donne che si occupano dei figli i contributi figurativi".

  • 22.09

    Cazzola provoca chiedendo la pubblicazione delle pensioni dei giornalisti. Floris: "C'è del giusto".

  • 22.07

    Friedman: "La riforma Fornero è la miglior cosa che il governo Monti abbia fatto".

  • 22.06

    Friedman: "L'innalzamento dell'età pensionabile è necessario, vivremo più a lungo".

  • 22.02

    Zanetti ricorda che l'adeguamento delle pensioni all'inflazione fu decisa dal governo Berlusconi, i cui partiti di maggioranza oggi all'opposizione la contestano.

  • 22.00

    Cofferati sulla trasparenza sul tema pensioni: ""I cittadini non devono informarsi, devono essere informati: è un diritto".

  • 21.58

    Zanetti ammette che questo è uno dei fronti "in cui dobbiamo andare avanti".

  • 21.57

    Un servizio sulle pensioni per le donne. Donghi di Radio Lombardia: "Perché non si mettono sullo stesso piano donne e uomini per gli stipendi?"

  • 21.52

    Secondo Cazzola "il presidente dell'Inps Boeri non può andare in tv a fare battute su cose che non sa". Friedman non concorda e invoca il principio di trasparenza.

  • 21.50

    In onda un servizio sulla ricongiunzione.

  • 21.47

    Alessandrucci: "Se gli italiani scoprono la loro pensione del futuro, qui scoppia una rivoluzione".

  • 21.47

    Zanetti: "Non spendiamo soldi in francobolli!".

  • 21.45

    Zanetti: "Gli italiani è bene che si informino sulle pensioni. Mancavano i francobolli? Si potrebbe fare via internet".

  • 21.43

    Come mai le buste arancioni non sono arrivate? Secondo Boeri per la vendetta della classe politica dopo la battaglia per l'abolizione dei vitalizi.

  • 21.38

    Un servizio sull'età pensionabile che nel 2016 cresce ancora.

  • 21.34

    "3,2,1…buon 2017! Scusate Rai1 ha anticipato capodanno di 40 secondi, noi di La7 non possiamo anticipare 11 mesi?"

  • 21.32

    Maurizio Crozza nei panni di Razzi.

  • 21.30

    Zanetti: "Pagamento del canone posticipato a luglio non perché prima ci sono le elezioni ma perché è una novità e serve tempo".

  • 21.29

    Zanetti: "Il gestore di un'utenza dove non c'è la residenza non richiederà il pagamento del canone".

  • 21.28

    Il sottosegretario Zanetti smentisce: "Arriveranno chiarimenti per il pagamento nel caso dei conviventi".

  • 21.27

    Presentazione ospiti e lancio primo servizio: il canone per un televisore lo pagheranno tutti gli occupanti un immobile, se non facenti parte dello stesso stato di famiglia.

  • 21.19

    Sondaggi.

  • 21.16

    Inizia la puntata.

giovannif

Andrà in onda stasera a partire dalle 21:10 una nuova puntata di DiMartedì, il talk show di La7 condotto da Giovanni Floris, che seguiremo in liveblogging su Blogo.

DiMartedì | Anticipazioni puntata 12 gennaio 2016

DiMartedì: tra gli ospiti il senatore a vita Mario Monti ed il sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti.

Tra i temi in discussione il caso delle banche fallite che tiene col fiato sospeso migliaia di risparmiatori e azionisti, i temi dell’economia, della sicurezza e dell’immigrazione al centro delle attenzioni dell’Europa e la domanda se l’Italia faccia bene o no a battere i pugni sul tavolo delle istituzioni continentali, le novità che ci attendono nel 2016 in materia di fisco e pensioni, le riforme, le elezioni amministrative di primavera.

Sarà rivolta attenzione anche ai nuovi sviluppi e alle polemiche suscitate dal caso Cucchi, con Ilaria, la sorella di Stefano, il giovane morto in circostanze ancora da accertare in seguito al suo arresto, ospite in studio.

DiMartedì | Maurizio Crozza

crorr

In apertura di puntata la tradizionale copertina satirica di Maurizio Crozza.

DiMartedì | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di DiMartedì, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il liveblogging.

DiMartedì | Second screen

DiMartedì ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO