Libia, Al Qaida minaccia l'Italia: "Avete occupato Tripoli ma sarete sottomessi"

Al Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) ha diffuso un video, in cui il numero due dell'organizzazione, l’algerino Abu Ubaydah Yusuf al-Anabi, dice agli "invasori" italiani che presto si pentiranno e che saranno "umiliati e sottomessi".

Il filmato di 23 minuti e 24 secondi è stato inviato all'agenzia della Mauritania, Al-Akhbar, che ha rivelato i contenuti espressi dal leader jihadista. Per Anabi, che nel settembre scorso Washington ha inserito nella black-list dei terroristi più ricercati, in Libia è in corso un complotto. A suo avviso, l’accordo firmato a dicembre tra il Parlamento di Tripoli e di Tobruk, e la successiva "occupazione" da parte dell’Italia sono un male da estirpare.

Il terrorista non fa nomi. Ma ha minacciato un generale italiano, che sarebbe, ha detto, "a capo di un governo fantoccio di cui fa parte gente della nostra razza che ha venduto la sua religione". Ed ha poi paragonato la situazione libica con quella irachena, dove fu nominato governatore Paul Bremer dopo la campagna militare di Bush.

Le intimidazioni, poi, si fanno ancora più vibranti, con annesso richiamo al colonialismo italiano in Libia. Anabi si rivolge così ai nuovi invasori, "i nipoti di (Rodolfo, ndr) Graziani" (generale che ricoprì diversi incarichi di comando in epoca fascista): "vi morderete le mani pentendovi di essere entrati nella terra di Omar al-Mukhtar (il combattente libico che guidò la resistenza all’occupazione italiana, ndr) e ne uscirete umiliati e sottomessi, con il permesso di Dio". Ed ha aggiunto: "l’Italia romana ha occupato Tripoli".

Per il leader di Al Qaida, noi occidentali, dopo le rivolte arabe, siamo rimasti ciechi difronte al "desiderio ostinato di applicare la sharia, e non ha trovato altro rimedio che tornare a occupare i territori (musulmani ndr.), mettendo le sue avide mani sulle ricchezze e sul petrolio". Infine, il terrorista lancia anche un suggerimento: "Non sarebbe stato meglio se la riunione di Skhirat (quella dell'accorodo tra i due Parlamenti ndr.) fosse stata destinata alla liberazione di Ceuta e Melilla?". Il riferimento è alle enclave spagnole nel nord del Marocco.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO