La Consulta accoglie il ricorso della Puglia contro lo “Sblocca Italia”

Bocciati alcuni punti del decreto dopo il ricorso presentato dalla Regione Puglia.

Consulta boccia alcuni punti dello Sblocca Italia

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimi alcuni punti del decreto “Sblocca Italia” del governo Renzi. In particolare sotto accusa sono le misure sulla riapertura dei cantieri nella parte in cui non prevedono un coinvolgimento delle Regioni interessate.

La sentenza numero 7 del 2016 è stata depositata oggi e porta la firma del giudice Giorgio Lattanzi che ha preso in esame un ricorso presentato dalla Regione Puglia quando era ancora guidata da Nichi Vendola. Tale ricorso riguardava la tratta ferroviaria Napoli-Bari e le norme che attribuiscono la redazione del Piano di ammodernamento a essa relativo al Ministero delle Infrastrutture per individuare le linee su cui intervenire con opere di interesse pubblico nazionale o europeo. Sotto accusa anche le misure che attribuiscono un termine acceleratorio ai fini dell’approvazione da parte del Ministero dei contratti di programma tra l’Enac e i gestori degli aeroporti di interesse nazionale.

La Consulta, in pratica, ha stabilito che la Regione deve essere coinvolta nell’approvazione dei progetti, che è necessario il parere della Conferenza Stato-Regioni per il via libera al piano di ammodernamento delle opere e che serve anche il parere della Regione sui contratti di programma Enac-gestori.

L’attuale Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha definito la sentenza della Consulta sullo “Sblocca Italia” una “notizia bomba” e ha dato:

“La Consulta ritiene che lo Sblocca Italia, nella misura in cui viola l’articolo 117 della Costituzione, quindi di riparto tra Regioni e Stato, sia incostituzionale. Quindi è una cosa molto rilevante”

L’ex governatore della Puglia Nichi Vendola si è detto “orgoglioso” di aver messo la sua firma sul ricorso contro “una legge sbagliata e autoritaria”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO