Chi è Jihadi Jack: il primo jihadista britannico bianco

Jack Letts, vent'anni, figlio di una famiglia borghese e con studi a Oxford.

chi è jihadi jack

Jihadi Jack: l'hanno chiamato così. Anche se il suo vero nome è Jack Letts e lui, adesso, preferisce farsi chiamare Ibrahim. Ma la sua vera caratteristica è di essere un bianco: non è un figlio di immigrati, ma un normalissimo ragazzo bianco di vent'anni, inglese, nato in una famiglia borghese, liberal - padre botanico e madre che lavora nel mondo dell'editoria - con alle spalle studi a Oxford e tifoso del Liverpool.

A 18 anni, però, di convertirsi all'Islam e poi di partire per la Siria, da dove manda foto sorridenti in maglietta mimetica. Com'è potuto accadere? Gli amici raccontano di come sia sempre stato uno dei più allegri della classe, ma di come poi sia rimasto tremendamente colpito da quanto stava avvenendo in Siria.

Rapidamente, si converte, smette di frequentare gli amici di sempre, inizia a studiare arabo, prende a frequentare una moschea di Oxford, Madina Masjid. E poi, parte per la Siria, arriva fino a Raqqa, la capitale dell'Isis in Siria e da lì diventa uno dei circa 750 cittadini britannici di provenienza britannica (ma mai prima d'ora anglosassoni).

Secondo gli amici, però, ai tempi della partenza per la Siria il ragazzo era mosso da ragioni umanitarie, colpito com'era dai massacri perpetrati dal regime di Assad. Una volta giunta lì, hanno raccontato gli amici al Sunday Times, "ha subito il lavaggio del cervello". E adesso, da quella che si sa, si è sposato con una donna irachena di Falluja, anche lei devota all'Isis.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO