Cambi di casacca in Parlamento: il record in questa legislatura

Dieci cambi di bandiera ogni 30 giorni dal 2013 a oggi

parlamento-15-marzo-2013-065jpg

Ogni 30 giorni, una media di 10 parlamentari cambia schieramento. Sono questi i dati, rilasciati da openPolis, sull'attuale legislatura. Legislatura che ha il poco invidiabile record di cambi di casacca, 336 – basti pensare che nella scorsa legislatura, tra il 2008 e il 2013, i cambi di schieramento sono stati "solo" 4 al mese.

I motivi sono diversi, e bisogna dire che non si tratta necessariamente di clamorosi "voltagabbana", per dirla con Beppe Grillo. Ci sono state scissioni, come quella tra NCD e Forza Italia, nascite di nuovi gruppi, cambiamenti nell'assetto di governo che hanno influito notevolmente sulla composizione dei gruppi parlamentari, senza contare la novità delle espulsioni, avvenute tra i 5 Stelle. Ma i numeri sono impietosi.

Al Senato, Forza Italia fa contare il maggior numero di fuoriusciti, ben 52, compensati solo da 2 senatori "entranti". Il gruppo Misto ha invece un saldo attivo di 10 senatori, così come il Gruppo Per le Autonomie-PSI-MAIE che, creato da 0, ha raggiunto il numero minimo di 10 senatori necessari per la sopravvivenza. Tra questi, spicca il nome dell'ex capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi, così come dei senatori a vita Cattaneo, Rubbia e Piano, che si sono "sacrificati" lasciando il Misto per garantire la sopravvivenza del nuovo gruppo. Ma il caso più curioso è quello del senatore Luigi Compagna, protagonista di ben 5 cambi: dal Misto a Gal, da Gal a NCD-Ap, da NCD-Ap di nuovo a Gal, poi di nuovo a NCD, e infine a Gal (per ora, la legislatura è ancora a metà del suo corso).

Alla Camera situazione simile: Forza Italia vede un'emorragia di 48 deputati, compensata dal rientro di 4, ma va male anche il M5S, che ha perso 18 deputati (tra cui però vanno contati anche molti espulsi) senza guadagnarne nessuno. Ride invece il Gruppo Misto, che ha un salto positivo di 34 deputati, così come il Pd che ne ha persi 11 ma ne ha guadagnati 21. Qui il record di cambi spetta a tre deputate: Barbara Saltamartini, Angela Nissoli e Paola Pinna. Quest'ultima però ha la "scusante" di essere stata costretta al primo cambio (da M5S a Misto) perché espulsa da Grillo. Poi però è approdata a SC prima e al Pd poi.

E, a proposito di 5 stelle, se fosse legge la proposta di una multa di 150.000 per cambio di casacca, nelle casse dei partiti sarebbero entrati a oggi 50.400.000 €.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO