Pse: riuscirà Renzi a portare Tsipras nel gruppo dei socialisti e progressisti europei?

ROME, ITALY - FEBRUARY 03:  Italian Prime Minister Matteo Renzi meets newly elected Greece's Prime Minister Alexis Tsipras at Palazzo Chigi on February 3, 2015 in Rome, Italy. Leftist Prime Minister Alexis Tsipras his touring Europe this week to build support for a renegotiation of the huge bailout, over strong opposition from Germany.  (Photo by Franco Origlia/Getty Images)

Per la verità il primo a tentare di convincere Alexis Tsipras fu Massimo D'Alema l'anno scorso. Ma all'epoca, Matteo Renzi non aveva ancora cominciato a prendere posizioni così critiche nei confronti di Bruxelles, come invece sta facendo nell'ultimo periodo. Per questo motivo, al premier italiano non dispiacerebbe affatto se Syriza decidesse di entrare nel Pse, in questo modo troverebbe nuovi alleati nella sua campagna di riforma dell'Unione Europea.

A lanciare l'ipotesi è stato l'Huffington Post, che ha riportato anche le parole pronunciate recentemente da Renzi sul tema: "Con Tsipras i rapporti sono molto buoni. Lo sforzo a cambiare in Grecia è serio, sostanziale e farò tutto quello che è nelle possibilità per dare una mano. Sto dalla parte di Alexis e spero accetti di entrare nel Pse, abbiamo bisogno di lui". E' difficile, però, che il leader di Syriza possa accettare un'offerta del genere.

In questo momento, Tsipras è alle prese con l'applicazione del memorandum, che gli è stato imposto nel luglio scorso. L'opposizione sociale, dunque, è tornata a crescere in Grecia e Syriza rischia una nuova scissione. Per questa ragione, Tsipras commetterebbe un'imprudenza ad entrare tra le fila dei socialisti ora, soprattutto dopo che ha passato anni ad attaccarle pesantemente. Inoltre, dobbiamo ricordare che il premier ellenico è azionista di maggioranza nel gruppo di Sinistra Europea.

C'è poi un altro fattore da considerare che l'articolo dell'Huffington sottovaluta. Perché spostarsi in un altro gruppo quando le decisioni più importanti in Europa non vengono prese dal Parlamento? La cosa converrebbe parzialmente solo ai socialisti dei paesi del sud. In questo modo si vedrebbe almeno rafforzato il loro peso all'interno del Pse. Ricordiamo, a riguardo, che i parlamentari obbediscono più a logiche nazionali che di partito.

Tuttavia, è giusto sottolineare che il premier italiano, insieme al presidente francese, Francois Hollande, hanno deciso di invitare Tsipras al vertice dei progressisti del prossimo 12 marzo a Parigi. E il leader greco "molto probabilmente parteciperà".

Renzi e Hollande contano di trovare il sostegno di Tsipras intorno al documento di Padoan per una nuova politica economica nell'Unione. Al vertice, molto probabilmente, parteciperà anche il leader del Labour, Jeremy Corbyn.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO