Sondaggi politici 2016: la rottura del centrodestra favorisce il Pd

Gli ultimi sondaggi politici mostrano una situazione bloccata. Che conviene al Partito Democratico.

I sondaggi politici mostrano una situazione bloccata, in cui i partiti si muovono di pochissimi decimali e in cui, in vista del secondo turno, tutto rimane come si è visto nelle ultime settimane. Nonostante al ballottaggio previsto dall'Italicum il Movimento 5 Stelle sarebbe in grado di superare sia il Pd che il Centrodestra, la cosa più probabile è che il Movimento 5 Stelle non acceda al ballottaggio, visto che al momento le prime due forze sono proprio il Pd e il Centrodestra.

Sempre che si possa ancora parlare di Centrodestra, visto che quanto sta avvenendo a Roma sembra aver complicato e parecchio i rapporti tra Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d'Italia, che fino a poco tempo fa viaggiavano invece compatti e sembravano assolutamente destinati a trovare una formula che consentisse loro di presentarsi uniti alle elezioni.

Difficile dire adesso se questi ragionamenti sono ancora validi, visto che la rottura di Salvini con Bertolaso (e quindi con Berlusconi) e la mossa della Meloni hanno complicato parecchio il quadro. Più facile, però, immaginare che in vista delle elezioni politiche (2018 o prima?) i tre ritrovino del terreno comune per provare a governare assieme, come invece non hanno chance di fare se si presentano separati.

Ecco, se proprio i tre partiti non dovessero farcela a creare una lista comune, è chiaro che a quel punto si riaprirebbe la partita per il Movimento 5 Stelle, che in quanto seconda forza accederebbe al ballottaggio e lì, secondo i sondaggi politici, potrebbe sconfiggere il Partito Democratico. Anche se la distanza è davvero minima.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO