Migranti, Austria pronta a chiudere il Brennero

Il ministro dell’Interno austriaco Johann Mikl-Leitner ha ventilato l’ipotesi di chiudere il valico tirolese se il flusso migratorio verso l'Italia dovesse diventare troppo consistente

Austria's Interior Minister Johanna Mikl-Leitner speaks to journalists as she arrives for a Justice and Home Affairs Council at the European Council in Brussels on December 4, 2015.  / AFP / EMMANUEL DUNAND        (Photo credit should read EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images)

Il ministro dell’Interno austriaco, Johann Mikl-Leitner, in un’intervista rilasciata all’Apa ha dichiarato che l’Austria è pronta a chiudere il Brennero qualora dovesse crearsi una rotta peninsulare alternativa a quella balcanica:

“L'Italia non può contare sul fatto che il Brennero resti aperto, se si arriva a flussi incontrollati di migranti”.

Mikl-Leitner incontrerà domani il suo omologo italiano Angelino Alfano a Roma e nell’intervista ha puntualizzato che come è già accaduto in passato con i Pesi della rotta balcanica (Slovenia, Croazia e Macedonia), anche con l’Italia verranno prese misure eccezionali qualora dovesse esserci un’evoluzione della situazione rispetto al 2015.

Le stime in possesso di Vienna ipotizzano che i migranti che raggiungono l’Italia attraverso il Mediterraneo potrebbero raddoppiare dai 150mila del 2015 ai 300mila del 2016.

Secondo Mikl-Leitner non si tratta di siriani, ma di persone provenienti dal Nord Africa quindi non aventi “diritto all’asilo”. Nell’incontro di domani con Alfano il ministro chiederà lumi sulla strategia che il Governo italiano intende mettere in atto qualora aumentino i flussi migratori sulle coste.

Finora sul Brennero non vi sono state particolari criticità, ma il governo austriaco sembra intenzionato a prevenire, per non farsi sorprendere, come è avvenuto nell’estate 2015. Inoltre, i muri e le restrizioni poste dai Paesi balcanici a partire dalla scorsa estate potrebbero riportare in primo piano la rotta italiana.

Per le stesse ragioni nelle scorse ore il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz ha incontrato i governatori Arno Kompatscher (Alto Adige), Ugo Rossi (Trentino) e Günther Platter (Tirolo). Kurz ha spiegato che l’Austria non può permettersi di accogliere 90mila persone come è avvenuto nel 2015.

Via | Sole 24 Ore

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO