Ballarò | Puntata 3 maggio 2016

Ballarò | La puntata del 3 maggio 2016.

  • 21:14

    Inizio trasmissione. Massimo Gianni elenca gli argomenti di questa puntata. In studio ci sono Rosario Crocetta, Francesca Moccia e Ilvo Diamanti. In collegamento c'è Alessandra Ghisleri. I primi sondaggi riguardano l'aspettativa di vita: secondo il 66% del campione, gli italiani fanno meno prevenzione perché la sanità costa troppo. Va in onda un'intervista a Umberto Veronesi: "La prevenzione si rivolge a persone sane. La prevenzione deve essere definita come riduzione del rischio. Andate a fare questi esami".

  • 21:29

    In studio c'è anche Riccardo Masetti. Va in onda un servizio riguardante il calo dell'aspettativa di vita. Crocetta: "La Sicilia, al momento, come livelli d'assistenza, è al nono posto. Di gran lunga migliore rispetto a regioni come Umbria e Lazio. L'aspettativa di vita può essere legata anche ad altri fattori come le condizioni di povertà, ad esempio. Noi non abbiamo fatto alcun taglio alla sanità. Abbiamo tagliato sprechi e corruzione. Serve un progetto contro le povertà". Moccia: "E' allarmante pensare che l'aspettativa di vita per gli italiani si sia ridotta. Il sud sconta un ritardo storico e strutturale sulla sanità. Il problema è l'accessibilità". Crocetta: "C'è disparità nel sistema sanitario italiano".

  • 21:37

    Masetti: "Il livello economico influisce anche sul tema della salute, non c'è dubbio. La sanità pubblica resta comunque di alto livello. Ci sono disparità che seguono le disparità sociali". Diamanti: "Celebro il quinto anniversario della mia sopravvivenza. Ho avuto un infarto. L'ho riconosciuto. Mi sono ricoverato a Vicenza e mi hanno tirato su per il collo. Ormai sono diventato un drone ma sono qui! Gli italiani hanno moltissima fiducia verso i medici di base". Va in onda un servizio riguardante le liste d'attesa.

  • 21:45

    Crocetta: "Noi a Palermo abbiamo un sistema di prenotazione tra i più avanzati, per tutti i tipi di visite. Il problema esiste, però, anche per le altre regioni". In collegamento c'è Alessandro Sallusti: "Il problema è la politica. La sanità assorbe il 70% delle tasse che noi versiamo e sono vergognosi i tempi delle liste d'attesa. Per altre risorse, i soldi ci sono sempre. Crocetta guadagna più di Obama". Crocetta risponde: "Non è vero, si aggiorni". Sallusti: "L'altro problema è la qualità del servizio. C'è un problema di scelta della classe medica".

  • 21:53

    Moccia: "I tempi sono lunghi anche per le visite diagnostiche e specialistiche. Abbiamo un piano fermo al 2010-2011. Le liste d'attesa non sembrano essere una priorità. Serve trasparenza da parte del governo". Masetti: "C'è un problema di organizzazione, c'è molto da fare per rendere efficiente il sistema. Bisogna ridurre gli sprechi e la corruzione. Bisogna lavorare e non fare polemica". Moccia: "Un altro problema sono i ticket". Diamanti: "Gli italiani si ritengono vecchi solo dopo morti! In Italia, non si invecchia mai!".

  • 22:01

    In studio ci sono Alfio Marchini e Andrea Scanzi. Marchini: "Non sono candidato di Forza Italia. Forza Italia si è unita ad un mandato civico che ha mandato a casa il PD a Roma e ne siamo felici". Va in onda la rubrica satirica della Gialappa's Band dedicata ai candidati del centrodestra a Roma.

  • 22:12

    Marchini: "La libertà presuppone autonomia e forza. Berlusconi si è reso conto di appoggiare una proposta seria contro il populismo del Movimento 5 Stelle. Berlusconi non mi ha chiesto niente". Scanzi: "Ho sempre pensato che Marchini incarnasse il Partito della Nazione. Poteva andare bene sia a Renzi che a Berlusconi, qualche mese fa. Berlusconi non è più lucidissimo, basta vedere il Milan. Marchini vuole incarnare un pensiero nuovo ma Marchini, con Berlusconi e Alfano, rappresenta ora tutte quelle persone che hanno affossato la città". Marchini: "Se facciamo i duri e puri e non parliamo con nessuno, non si fa nulla. Noi abbiamo scoperto affittopoli, noi abbiamo mandato a casa il PD di Renzi. Siamo stati noi, non i 5 Stelle". Scanzi: "Per Mafia Capitale, i 5 Stelle sono intervenuti". Marchini: "Non è vero". Marchini: "Non sono il candidato del centrodestra. Centrosinistra e centrodestra sono morti".

  • 22:23

    Marchini: "La Mussolini, appoggiando la mia lista, ha fatto un atto coraggioso. L'appello ai liberi e ai forti di Don Sturzo vale anche per chi viene da destra". Scanzi: "Berlusconi e Alfano gli chiederanno in cambio qualcosa". Marchini: "Se avessi fatto un accordo prima, avrei fatto un accordo da debole. Ho rischiato". Marchini: "Trasporto pubblico a Roma? Potenzieremo i tram. Sporcizia? Ogni quartiere avrà un responsabile del decoro. Campi nomadi? Tante persone di sinistra sono a favore della chiusura. Per un progetto culturale, voglio provare a coinvolgere persone di cultura". Sondaggi: il 35,7 del campione ha dichiarato che Berlusconi ha fatto bene a scegliere Marchini. Marchini: "Andremo sicuramente al ballottaggio".

  • 22:35

    In studio ci sono Emanuele Fiano e Matteo Salvini. Si parla dell'arresto di Uggetti. Fiano: "Coloro che delinquono, che siano o no del mio partito, vanno puniti. Se sono del mio partito, la cosa mi fa più male. La battaglia nei confronti della corruzione è continua". Salvini: "E' innocente fino a prova contraria. Non godo delle disgrazie altrui. L'importante è sbatterli fuori dopo 12 secondi. Mi ha stupito la reazione di Verdini che ha detto che è stato un attacco a Renzi. Mi ha ricordato qualcuno. Il PD deve avere la forza di non ripetere a Lodi la tragicommedia che è successa a Roma".

  • 22:43

    Scanzi: "Se qualcuno va a cena con persone equivoche, non si deve aspettare la sentenza del giudice. Non si può combattere la prescrizione o la corruzione, se ti circondi di persone come De Luca". Fiano: "Il Movimento 5 Stelle ha votato contro alla prescrizione fino a 12 anni". Salvini: "Il PD ha votato cinque svuota-carceri". Fiano: "Non in questa legislatura". Scanzi: "Renzi, per vincere, raccatterebbe qualunque cosa".

  • 22:51

    Diamanti: "La fiducia in Italia nei confronti dei partiti è il 3%. Sul tema della corruzione, invece, siamo sempre nel 1992". Sondaggi: secondo il 61% del campione, la corruzione è aumentata. Va in onda un servizio dedicato ai flussi dei migranti al Brennero.

  • 22:59

    Salvini: "Tutti gli stati europei controllano i confini. Non è una cosa anormale. L'unico stato a non farlo è l'Italia. 3 migranti su 100 sono scappati dalla guerra e sono sacrosanti da ospitare. Gli altri 97 si devono rimandare a casa. I migranti vanno identificati sulle navi della Marina. Chi è profugo, non sbarca. Alfano, oggi, ha detto la stessa cosa". In collegamento c'è Eva Giovannini da Lampedusa con Pietro Bartolo.

  • 23:07

    Bartolo: "Come si fa a rimandarli indietro, dopo aver visto la loro sofferenza. Non ci deve essere nessun muro, nessun filo spinato. E' un nostro obbligo aiutare chi ti chiede aiuto". Va in onda un documento dedicato al naufragio del 3 ottobre 2013. Fiano: "Questa è la vera questione morale degli europei". Salvini: "Da amministratori della cosa pubblica, è complicato pensare che l'Italia possa ospitare tutto il mondo. Servono delle norme. Da politico, devo fare delle scelte". Bartolo: "Non deve essere solo l'Italia ad ospitarli. Serve un'equa ripartizione".

  • 23:15

    Fiano: "18mila richieste su 30mila hanno avuto accoglienza. Non 3 su 100. Io vorrei chiedere ai deputati degli altri paesi che idea hanno di Europa. L'Italia sta finanziando un campo di accoglienza in Niger e altrettanto stiamo facendo in Sudan. Abbiamo fatto una proposta in Europa". Scanzi: "Bartolo è una figura che ti rende orgoglioso di essere italiano. Alcune cose che dice Salvini sono inattaccabili. La grande sfida è trovare una mediazione tra la sinistra e l'estrema destra".

  • 23:28

    Va in onda un servizio dedicato alla paura dei furti e delle rapine in casa. Salvini: "Ai malintenzionati, se una persona ha il porto d'armi, ha il diritto di difendersi. Noi proponiamo che la legittima difesa, in caso di aggressione, sia sempre legittima. Non esiste l'eccesso". Diamanti: "La paura fa ascolti. Siamo spaventati perché siamo un paese di vecchi. I giovani se ne vanno via. Non c'è niente che spaventa di più le persone della violazione di domicilio".

  • 23:36

    Fiano: "C'è chi nega il fatto che ci sia un aumento della percezione di insicurezza. Io non lo nego. Secondo Salvini, però, il magistrato non serve. Un giudice deve verificare sempre cosa è successo". Scanzi: "Un italiano su 2 è d'accordo con Salvini. Le nostre carceri non funzionano. Chi è al governo dovrebbe garantire la certezza della pena e aiutare gli italiani ad essere sicuri". Fiano: "Sotto casa di Renzi, c'era un solo sindacato della Polizia. Solo una parte dei sindacati dice che ci sono stati tagli. Noi abbiamo investito 500 milioni sulle forze dell'ordine".

  • 23:44

    Salvini: "Ci sono anche vigili del fuoco precari che aspettano da anni di essere inseriti. Cos'è il grave turbamento proposto dal PD? La persona aggredita è sacra. Ci sono carabinieri indagati per aver ucciso delinquenti". Va in onda un servizio dedicato alle iniziative dei sindaci sulla sicurezza.

  • 23:52

    In studio c'è Maurizio Vallone della Polizia dello Stato: "Ci sono stati ventimila arresti nell'ultimo anno. Noi dobbiamo agire prima che il reato venga commesso. Le forze dell'ordine devono essere più vicine al cittadino. Dobbiamo eliminare tutte le perdite di tempo come le notifiche che possono essere fatte anche su strada". Fiano: "Abbiamo aumentato le pene per i reati a maggior impatto sociale". Salvini: "Se ci sono proposte condivisibili, io le sostengo". Fiano: "La presenza degli uomini dello stato fa da deterrente". Scanzi: "L'età media degli uomini delle forze dell'ordine si è alzata". Va in onda un servizio dedicato alla sicurezza nelle case.

  • 23:57

    Diamanti: "Noi siamo prigionieri della nostra paura e abbiamo perso perché siamo prigionieri di noi stessi". Salvini: "Vorrei avere un paese moderno e accogliente dove chi sbaglia, paga e con i cittadini sicuri".

  • 00:02

    Si termina, parlando dei transfughi in parlamento. Scanzi: "Con Berlusconi, erano "scilipotiniani", con Renzi si chiama "scouting"". Sondaggi: il 37% del campione non è informato sul referendum del senato. Salvini: "E' una pessima riforma. Renzi, da qui a ottobre, occuperà la Rai per convincere gli italiani". Fiano: "Renzi non ha personalizzato il referendum. Non è un'ordalia". Sondaggi: PD al 30,5%. La puntata di stasera termina qui.

ballaro-15-12-15-1.jpg

Ballarò è un programma d'approfondimento giornalistico, in onda su Rai 3 ogni martedì sera a partire dalle ore 21:05, condotto dal giornalista Massimo Giannini.

Ballarò | Anticipazioni puntata 3 maggio 2016

I temi della puntata di stasera saranno i seguenti: la campagna del premier Matteo Renzi per il referendum di ottobre, il lavoro, le pensioni, la sanità, i flussi di migranti e l’emergenza sicurezza.

Gli ospiti in studio e in collegamento saranno il direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti, il politologo e firma de la Repubblica Ilvo Diamanti e il giornalista de Il Fatto Quotidiano Andrea Scanzi.

Gli ospiti fissi del programma sono la Gialappa's Band, con la loro classifica satirica sui temi dell'attualità e della politica, e Alessandra Ghisleri, direttrice di Euromedia Research, con i suoi sondaggi.

Ballarò | Dove vederlo

Ballarò va in onda questa sera su Rai 3 a partire dalle ore 21:05.

In streaming, il programma è visibile sul sito Rai.tv.

La puntata intera sarà disponibile il giorno dopo sempre sul sito Rai.tv, nella sezione Rai Replay.

Ballarò | Second Screen

Il programma condotto da Massimo Giannini ha un sito ufficiale.

Ballarò è presente anche su Facebook con una pagina ufficiale.

La trasmissione ha anche un account ufficiale su Twitter.

Durante la messa in onda del programma, sarà possibile commentare la puntata su Twitter con l'hashtag #ballaro.

Per il liveblogging, invece, il consueto appuntamento è su Polisblog, magazine di Blogo, a partire dalle ore 21:05.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO