Elezioni comunali Londra 2016: Sadiq Khan sarà il primo sindaco musulmano della City?

LONDON, ENGLAND - MAY 05:  Labour Party Mayoral candidate Sadiq Khan and his wife Saadiya pose outside The Richardson Hall St Alban's Church Centre in Streatham after casting their votes in London's Mayoral and Assembly elections on May 5, 2016 in London, England. This is the fifth mayoral election since the position was created in 2000.  Previous London Mayors are Ken Livingstone for Labour and more recently Boris Johnson for the Conservatives.  The main candidates for 2016 are Sadiq Khan, Labour, Zac Goldsmith , Conservative, Sian Berry, Green, Caroline Pidgeon, Liberal Democrat, George Galloway, Respect, Peter Whittle, UKIP and Sophie Walker, Woman's Equality Party. Results will be declared on Friday 6th May.  (Photo by Mary Turner/Getty Images)

14.27 - Secondo i primi risultati dello spoglio, Sadiq Khan è in vantaggio di 10 punti. Per il sito della BBC, con il 45% delle schede scrutinate, il laburista di origine pachistana ha ottenuto il 45%, dei voti, mentre il conservatore Zac Goldsmith è fermo al 35%.

Sono stati annunciati per le 18, ore di Londra, i risultati del primo spoglio elettorale delle prime preferenze. Nel caso in cui nessun candidato raggiunga il 50%, si passa allo spoglio delle seconde preferenze.

Aggiornamento ore 12.10 - Nelle primissime fasi dello scrutinio delle preferenze per il sindaco di Londra, Sadiq Khan é in testa. A dirlo è il blog della Bbc che segue lo spoglio. Si tratta per ora di dati molto parziali, che confermerebbero il vantaggio accreditato dai sondaggi al candidato laburista sul conservatore Zac Goldsmith.

6 maggio 2016 - In attesa dei risultati elettorali delle comunali londinesi, nuova disfatta Labour in Scozia, che dopo la batosta alle politiche 2015, sarebbe ora terzo partito nel parlamento d'Edimburgo. A dirlo è la BBC, che posiziona i laburisti di Jeremy Corbyn dietro gli indipendentisti dell'Snp e i Conservatori.

Il partito di Corbyn tiene invece in Inghilterra, dove conserva tutti i consigli comunali chiave, pur perdendo dei consiglieri.

5 maggio 2016 - Oggi, 5 maggio 2016, Londra si reca alle urne per eleggere il sindaco e l'assemblea cittadina. I candidati alla guida della City sono 12, ma solo due sono realmente competitivi: il conservatore Zac Goldsmith e il laburista Sadiq Khan.

L'appuntamento elettorale è molto atteso, mentre il paese è diviso sul referendum per la Brexit. In casa Tory si cerca la riconferma alla guida della capitale, dopo gli anni di governo di Boris Johnson, il "Trump inglese" che ora punta alla guida del partito. Anche per il Labour, dilaniato dagli scontri interni, è di vitale importanza la consultazione odierna. Per il segretario Jeremy Corbyn, una sconfitta a Londra potrebbe tradursi in un ulteriore indebolimento della sua leadership, messa quotidianamente in questione dai centristi che disapprovano le sue posizioni in politica estera e sul welfare.

Il primo cittadino di Londra ha poteri più accentuati rispetto a quello degli altri sindaci inglesi. E non poteva essere altrimenti, visto che la City rimane un centro finanziario di primaria importanza, dove si deve far fronte a problemi complessi: dall'integrazione alla viabilità, dal problema abitativo agli spazi verdi.


Il grande favorito è il 45enne Sadiq Khan, che ha vinto le primarie del Labour nel settembre scorso. Avvocato per i diritti umani, appartenente alla corrente dell'ex leader Ed Milliband, ha già ricoperto il ruolo di sottosegretario alle Comunità etniche e locali e di quello ai Trasporti, durante l'esecutivo presieduto da Gordon Brown, nel 2008. Nel mese di ottobre 2010, poi, è stato nominato, nel Governo ombra, Segretario di Stato prospettico per il Ministero della Giustizia.

Se Khan dovesse vincere le consultazioni comunali, diventerebbe il primo sindaco musulmano della City. Ma attenzione, pur essendo di fede islamica, l'esponente laburista è su posizioni decisamente liberal: si è dichiarato in passato favorevole ai matrimoni gay.

Il suo progetto per Londra è decisamente di sinistra. Propone più edilizia sociale, a prezzi calmierati, e agevolazioni per i più poveri. Inoltre proverà ad avere un occhio di riguardo per la popolazione di origine straniera, che rappresenta circa il 37% su 9 milioni di cittadini londinesi.


Zac Goldsmith (41 anni) viene dalla Londra "bene". Parlamentare per il seggio di Richmond Park dal 2010, giornalista, ecologista e di religione ebraica. Non è di certo espressione della componente più conservatrice dei Tory. Erede del miliardario Sir James Goldsmith, ha studiato presso il college di Eton e all’Università di Cambridge.

Goldsmith, coerente con le sue posizioni ambientaliste e un po' radical chic, si è detto contrario all'ampliamento dell'aeroporto di Heathrow, il più trafficato City. E' sostenitore del ‘recall’, la possibilità degli elettori di mandare a casa, nel caso di inadempienze, gli eletti.

A Londra si vota anche per l'assemblea cittadina, una sorta di consiglio comunale rafforzato con 25 poltrone in palio. Qui corre anche un’italiana, Ivana Bartoletti, laburista, impiegata nell’Nhs, il servizio sanitario nazionale, con una lunga esperienza nella Fabian Society e nella politica (fu consulente del governo Prodi).

I risultati si sapranno solo nella giornata di venerdì, solo allora lo scrutinio sarà concluso.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO