Renzi incontra Angela Merkel a Palazzo Chigi: “Forte convergenza tra Germania e Italia”

5 maggio 2016, ore 16:30 - La cancelliera tedesca Angela Merkel, in vista a Roma, ha incontrato oggi a Palazzo Chigi il Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Una breve visita a cui ha fatto seguito, come da programma, una conferenza stampa congiunta.

Il premier, commentando l’incontro appena conclusosi con la politica tedesca, ha spiegato:

Il vertice bilaterale tra Germania e Italia, che l'anno scorso non si è tenuto, quest'anno si terrà a Maranello, nel luogo simbolo dell'importanza di scommettere sull'automotive e sull'innovazione. Storia e futuro. E la necessità di andare di corsa. […] Il prossimo anno noi potremo lavorare insieme non solo nella tradizionale amicizia ma anche nell'organizzazione del G7 e G20 nella primavera-estate 2017 e dare così un supporto alle grandi questioni di politica internazionale.

Nel corso dell’incontro si è parlato anche, ovviamente, dell’immigrazione e Renzi, a margine, ha così riferito:

É dovere di tutti che la scommessa Ue sull'immigrazione funzioni, siamo impegnati perché l'accordo con la Turchia possa essere incoraggiato e implementato. C'è una forte convergenza tra Germania e Italia per un approccio carico di valori umani e dignità ma anche per offrire una proposta politica come Ue seria, credibile e di lungo periodo. Occorre una strategia per l'Africa come c'è stata per la rotta balcanica. Abbiamo presentato un documento in merito ai nostri partner europei e ne abbiamo discusso con lo staff di Angela. Non siamo d'accordo su alcuni punti, in particolare sui finanziamenti. Noi abbiamo proposto gli eurobond ma non c'è condivisione su questo argomento.

Anche Angela Merkel, nel corso della conferenza stampa, ha fatto una breve panoramica della situazione in Europa, dall’euro all’emergenza migranti:

L’Europa deve dimostrare che è una forza valida nel mondo. Sull'euro abbiamo fatto buoni progressi. Sull'emergenza migranti si pone la questione dei confini esterni. Dobbiamo difendere il trattato di Schengen altrimenti si rischia di ricadere nei nazionalismi. E' in gioco il futuro dell'Europa. Apprezzo molto le riforme che il premier ha realizzato e sta portando avanti. Sono un contributo all'Europa.

E, ancora:

L'Europa è in una fase molto fragile ma è il nostro futuro, dobbiamo imparare a gestire insieme le sfide.

Foto | Governo

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO