Turchia: il genero di Erdogan nuovo premier? Ecco chi è Berat Albayrak

erdogan: america scoperta da musulmani

Dopo le dimissioni di Ahmet Davutoglu, Berat Albayrak, genero del presidente Recep Tayyip Erdogan e attuale ministro dell'Energia, potrebbe diventare il nuovo premier della Turchia. Ma in queste ore, sui media turchi, circolano anche altre ipotesi per la successione. Si parla del ministro dei Trasporti, Binali Yildirim, e di quello della Giustizia, Bekir Bozdag. Tutti fedelissimi del "sultano".

La nomina verrà ufficializzata il prossimo 22 maggio, in occasione del congresso straordinario dell'Akp (Partito per la Giustizia e lo Sviluppo). E qui a comandare è un uomo solo: Erdogan. Quest'ultimo, già nello scorso settembre, aveva piazzato degli uomini a lui vicini nel massimo organo del partito, il Mkyk (Commissione centrale per la decisione e l'attuazione). E' stato proprio il Mkyk a revocare a Davutoglu la facoltà di nominare i dirigenti regionali dell'organizzazione, innescando così il processo che ha condotto alle sue dimissioni.

La stampa turca accredita Berat Albayrak (38 anni) come il più probabile successore di Davutoglu. Il ministro dell'Energia, lo ricordiamo, è marito di Esra Erdogan e padre di tre nipoti del presidente. Inoltre, è figlio Sadik Albayrak, alleato di ferro da un decennio del leader nazionalista turco.

Albayrak, a soli 29 anni, è diventato amministratore delegato della Calik Holding, gigante turco attivo in diversi settori, dal tessile all'energia, dall'edilizia alla logistica, dalla finanza ai media. Nel 2015, si è candidato alle elezioni e poco dopo è stato nominato ministro.

Erdogan, puntando sul genero, pare che non voglia correre "rischi" come in passato. Nell'Akp, durante l'ultimo periodo, c'erano stati troppi malumori nei suoi confronti. Il diritto di critica, pur non essendo spesso apertamente esercitato, viene sistematicamente represso dal presidente. Il caso di Abdullah Gul, ex presidente della Repubblica e cofondatore dell'Akp, è stato "educativo" in tal senso. Dopo uno scontro con il leader, è praticamente scomparso dalla vita politica.

Albayrak potrebbe garantire ad Erdogan la riforma presidenziale, che gli concederebbe poteri enormi. Inoltre, avrebbe mano libera nell'agevolare tutto il suo clan, a partire da suo cognato Bilal. Il figlio minore del presidente turco è sotto inchiesta per uno scandalo di corruzione.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO